Avellino, 12 monumenti simbolo: ecco perché manca la Dogana
Primo piano attualità

Avellino, 12 monumenti simbolo: ecco perché manca la Dogana

2′ di letturaSabato scorso vi abbiamo raccontato dell’installazione dell’opera, donata dal Lions club Avellino-Principato Ultra, installata di fronte la Chiesa del Rosario al corso di Avellino. Costituita da una lastra bronzea posta su un basamento in pietra, rappresenta 12 dei monumenti più importanti della Città di Avellino. Nelle ultime ore sono sorte varie polemiche a causa dell’assenza, in quell’elenco, di opere come la “Dogana” e la fontana di Bellerofonte conosciuta anche come “Fontana dei Tre Cannoli”. “Ecco perché manca la Dogana” The Wam ha chiesto spiegazioni al progettista dell’opera, l’ingegnere Luigi Mirone, che ha esordito dicendoci: “L’istallazione al corso è […]

0
2' di lettura

Sabato scorso vi abbiamo raccontato dell’installazione dell’opera, donata dal Lions club Avellino-Principato Ultra, installata di fronte la Chiesa del Rosario al corso di Avellino. Costituita da una lastra bronzea posta su un basamento in pietra, rappresenta 12 dei monumenti più importanti della Città di Avellino. Nelle ultime ore sono sorte varie polemiche a causa dell’assenza, in quell’elenco, di opere come la “Dogana” e la fontana di Bellerofonte conosciuta anche come “Fontana dei Tre Cannoli”.

L’opera donata dai Lions alla città di Avellino – Manca la Dogana

“Ecco perché manca la Dogana”

The Wam ha chiesto spiegazioni al progettista dell’opera, l’ingegnere Luigi Mirone, che ha esordito dicendoci: “L’istallazione al corso è nata dalla richiesta della sede centrale del Lions Club International. In onore del centenario dell’associazione, ci è stato chiesto di lasciare un segno ben visibile nei territori dove operiamo. L’opera è stata creata da un artista napoletano e i bozzetti del disegno glieli ho forniti io. La cartina di una parte della Città di Avellino è realizzata in scala 1:2000. Abbiamo deciso di rappresentare i 12 monumenti ed edifici che, secondo noi, sono attualmente di maggior pregio per la nostra città”.

Leggi anche  La svolta autoritaria, «ragion di sicurezza» e legittima difesa

“La Dogana – continua l’ingegnere Mirone – non l’abbiamo voluta rappresentare perché versa nel degrado. Non è pensabile che un turista veda sulla cartina la Dogana e la vada a visitare. Quel monumento, al momento, non è un bene turisticamente attrattivo. Purtroppo è questa la triste verità. A differenza dei ruderi del castello nata già così e comunque caratteristici ”.
In Futuro? Chiediamo.
“Se la Dogana dovesse essere restaurata si potrebbe certamente aggiungere, è ovvio”, conclude Mirone.

Leggi anche  Ecco perché non sono emigrata, i frutti faticosi della provincia

L’augurio dei Lions per la città

Il Club Lions si augura che i cittadini possano godersi a pieno l’opera per come è stata costituita. Ci tengono a sottolineare che la lastra in bronzo è stata donata interamente dal Club Lions in seguito alla sponsorizzazione della società Sidigas. Il basamento, invece, è frutto di un co-finanziamento “EuropaPiu” da parte del Comune di Avellino. L’opera non è andata, però, a gravare sulle casse comunali visto che il co-finanziamento era esclusivamente per opere progettate da privati o associazioni locali.

Frode fiscale internazionale: scarcerato irpino, uno dei “capi”

Articolo precedente

Grottolella, esplode bombola: 22enne estratto dalle macerie

Articolo successivo

Commenti

Rispondi

Potrebbe piacerti anche