Avellino dice addio all’arbitro Freda, il commosso saluto dell’AIA

1' di lettura

Una grave notizia ha scosso gli arbitri avellinesi e l’intera Irpinia arbitrale. Si è spento all’età di 75 anni, il 19 novembre, l’Arbitro Benemerito Alfonso Freda. Arbitro dal 1962, ha rappresentato per l’Associazione Italiana Arbitri un punto di riferimento, sia a livello locale, che regionale e nazionale. La sua carriera sul campo raggiunge il picco negli anni ’70, dove milita come assistente dapprima alla CAN D e successivamente alla CAN C.

Appeso il fischietto al chiodo, ha dapprima ricoperto il ruolo di componente del Consiglio Direttivo Sezionale, per poi divenirne Presidente dal 1985 al 1990. In questo periodo è stato uno dei fautori dell’istituzione della Sezione di Ariano Irpino, e del raduno sezionale da tenersi in più giorni, novità assoluta per l’epoca. Dal 1990 al 1992 ha ricoperto il ruolo di componente del C.R.A. Campania, per poi divenirne vicepresidente dal 1992 al 1995.

La sua carriera prosegue anche a livello nazionale: dal 1995 al 1999 ricopre il ruolo di componente alla CAN D, nel cui periodo si occupa anche della gestione dell’organico del Calcio a 5 che allora vi apparteneva, partecipando anche a diverse manifestazioni internazionali. Dal 2006 al 2008 ritorna ad essere componente del C.R.A. Campania, dove ritornerà ad occupare il ruolo di vicepresidente dal 2009 al 2012, intervallata da una parentesi come Componente della Commissione Revisione Regole Giuoco.

Personaggio dal carisma spiccato, ha contribuito con grande passione a far crescere generazioni di arbitri a tutti i livelli; la sua presenza attiva in sezione, fino a poco tempo fa, non può che essere esempio di dedizione.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!