Avellino Calcio – azionariato popolare: un’idea da Palermo

2' di lettura

Di azionariato popolare si è parlato più volte. Anche ad Avellino. Dove il tema si incrocia, altrettanto spesso, con momenti poco felici della vita del club. Vicende societarie complesse, risultati sportivi che non arrivano. E allora, ogni volta, c’è qualcuno che dice: se ce ne occupassimo noi tifosi?

E’ accaduto anche quest’estate. Quando Sidigas sembrava sul punto di mollare.

Il “caso” Palermo

E’ interessante analizzare quanto accaduto a Palermo. Dopo le vicende societarie hanno fatto precipitare, un club dalla storia calcistica importante, in serie D.

Il baratro per qualcuno. Per altri, come proprio i palermitani, un modo per ricominciare. E diversamente.

Sul sito, che presenta il progetto, si legge di, “una rivoluzione etica, votata alla trasparenza e alla partecipazione”.

Azionariato popolare

Una clausola dedicata all’azionariato popolare. Si realizza un concorso fra più enti di rappresentanza dei tifosi. Nella città palermitana ci vogliono almeno 100mila supporter per ogni ente. Per quello prescelto verrà messo, a disposizione, il 10 per cento del capitale sociale.

L’ente che firma si offre di sottoscrivere e versare una somma fino all’importo massimo di euro 1,5 milioni di euro. I soldi vengono destinati alla costruzione di un centro sportivo. E i nomi di tutti i tifosi, che diventano soci fondatori, vengono citati nel sito e negli altri materiali esclusivi della società. Oltre a ricevere una Palermo card con vantaggi esclusivi.

E Avellino?

Una indicazione utile anche ad Avellino, con le dovute proporzioni. Si potrebbe aprire all’azionariato popolare, inizialmente con delle prescrizioni. Quindi possono partecipare enti costituiti da un numero di tifosi che supera una certa soglia. E – l’offerta migliore – non solo in base alle somme investite ma anche alle proposte per il club, finirebbe per aggiudicarsi il 10 per cento del capitale sociale.

La società metterebbe a disposizione dei soci una card che consenta di avere delle agevolazioni. A partire, come accade a Palermo, dall‘inserimento dei nomi dei tifosi nel materiale sociale dedicato e perfino nei sediolini che potrebbero essere noleggiati da chi sottoscrive l’abbonamento. Piccoli gesti, che per chi ama lo sport avrebbero un grande significato.

Certo, c’è da vedere se poi dai proclami si sia disposti a passare ai fatti concreti. Se chi sventola “l’azionariato popolare”, quando le cose fanno male, è poi davvero disposto a investire nella propria passione. La differenza fra chi dice di essere un vero tifoso e chi lo è davvero.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie