D’Agostino: Primi obiettivi settore giovanile e stadio. Vogliamo un Avellino protagonista

Le parole di Angelo Antonio D'Agostino che parla del futuro dell'Avellino, dei progetti in corso per una società all'avanguardia.

3' di lettura

Intervistato da Sportchannel 214, nel corso della diretta televisiva di LVS, il presidente dell’Avellino, Angelo Antonio D’Agostino, ha parlato di quanto è emerso in questa giornata che ha visto concludere il consiglio federale, che ha tracciato le linee per la ripartenza dei campionati e anche dei playoff di Serie C, che l’Avellino giocherà.

Queste le parole del presidente dei lupi: “Oggi dal consiglio federale sono emerse delle certezze che nel girone C già conoscevamo. Abbiamo saputo le date di quanto inizieranno i playoff e quindi ci prepareremo per il 1 luglio. Come ho detto, nonostante non partiamo con i favori dei pronostici, non andremo ai playoff per fare scampagnate o da comparsa e vogliamo arrivare il più avanti possibile. Non ci poniamo limiti, poi quello che arriverà ci prenderemo. Sarà un Avellino protagonista in ogni caso, con una società forte e che punta a far bene”.

I primi obiettivi del nuovo Avellino: “Una società che si rispetti parte dalla base e la base si chiama settore giovanile. Stiamo ultimando delle cose, ma a breve organizzeremo una conferenza stampa stampa dove spiegheremo il tutto nel dettaglio. Sede delle giovanili a Montefalcione? Abbiamo già fatto richiesta, stiamo lavorando anche su questo. Perché vogliamo far crescere giocatori irpini, che è da molto che non se ne vedono in giro. Stiamo lavorando a tante cose, tra cui a questa. Lì c’è un campo e una struttura che può essere valorizzata e ci piacerebbe fare il settore giovanile. E’ una struttura nuova, di qualche anno che vogliamo valorizzare. Ritiro a Montefalcione? No perchè per le norme sanitarie e i protocolli non è a norma. Valuteremo tra alcune sedi tra cui Sturno e Mercogliano. Non appena faremo i secondi tamponi alla squadra e allo staff tecnico e sarà tutto ok, ci organizzeremo per il ritiro”.

D’Agostino: Partenio da rifare da capo. I giovani il nostro punto di partenza

Stadio Partenio da riqualificare: “E’ il nostro secondo obiettivo che porteremo a termine, si spera. Dobbiamo parlare con il Comune e il sindaco Festa per i canoni e altre situazioni importanti. Dobbiamo innanzitutto ampliare la capienza dello stadio di circa 1.000 posti, anche se una struttura si può migliorare di poco. Si farebbe prima a buttare completamente giù e rifare da capo. Il fatto è che non ci sarebbero strutture vicine per tamponare nel frattempo, quindi per ora arrangiamo così ma prima o poi il Partenio deve essere rimodernato. Certo, è uno stadio che ha fatto la storia, tutti noi siamo legati, spiace, ma la vita va avanti.Una società come l’Avellino con una tifoseria e un seguito del genere non merita uno stadio in quelle condizioni”.

Progetti per l’Avellino del futuro: “Per ora viviamo alla giornata, ossia come detto pensiamo ai playoff e a farli bene. Chiaro che stiamo già lavorando per il futuro e non ci stiamo mettendo a perdere tempo, come non abbiamo perso tempo in questi mesi di coronavirus. Se si pensa al campionato che abbiamo in mente di fare sarà certamente da protagonisti. Sarà importante ripartire da tanti giovani e purtroppo al momento, non abbiamo giocatori giovani di nostra proprietà, a parte Fabiano Parisi e pochi altri. Ora proveremo a prolungare i contratti in scadenza ad elementi che il direttore Di Somma reputa importanti e poi ripartiamo con grande serenità”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!