Sport⚡ Vai in versione lampo ⚡

Avellino Calcio, incontro Festa-Sidigas: esplode la contestazione

0
3' di lettura

Ore 13.00: L’incontro si è appena concluso. Ecco cosa è emerso: Sidigas conferma la volontà di vendere i due club sportivi, Scandone e Avellino Calcio. Gli acquirenti dovranno confrontarsi anche con Francesco Baldassarre, il custode giudiziario nominato dalla Procura. Anche – ha spiegato la proprietà – in caso di conferma del sequestro da parte del gip. La Sidigas, intanto, si impegna ad allestire la squadra e a trovare allenatore e direttore sportivo per il calcio. Per il basket, dopo il parere del Consiglio Federale sull’iscrizione, la volontà è quella di confermare l’iscrizione in B, ma senza wild card a un’altra società. E quindi mantenere logo, numero di matricola e nome della Scandone.

Ore 12.39: L’avvocato Mauriello si è alzato e ha raggiunto fisicamente i tifosi in fondo all’aula. Un confronto acceso, ma franco, una tifoseria ferita al cuore. Riportiamo il messaggio ribadito dai tifosi (da più tifosi): “Claudio (Mauriello), tu se un figlio della curva, lo hai sempre detto, ma non ti sentiamo più figlio nostro. Perché sei qui tu a metterci la faccia, dove è De Cesare? E’ lui che doveva metterci la faccia non tu. Ci avete pugnalato al cuore. Sapevate di questi debiti, lo sapevate. Avevate l’obbligo di avvisarci. La squadra non è tua, non è mia, è di una città, è di tutta la provincia”.

Ore 12.22: I tifosi in aula consigliare urlano contro Claudio Mauriello: “Dovete andarvene. Non c’è margine di trattativa. De Cesare dove è? Doveva venire lui, non voi. Lui c’era quando bisognava fare il “bello” con l’elicottero. Lei sapeva la situazione di Sidigas. Lei lo sapeva, cento milioni di debiti, e vi siete presi il calcio. Lei doveva essere un garante, dopo Rieti sapevate tutto, lei uomo di Curva e di Avellino. Dovevate salvaguardare migliaia di tifosi e questa terra da generazioni. L’Us Avellino deve essere rispettato”.

Claudio Mauriello e i tifosi al Comune di Avellino

Avellino Calcio: il punto sulla vendita

Ore 12.01: Incontro terminato. Il sindaco Festa spiega: “I commissari, nominati dal tribunale, devono ancora visionare le carte che riguardano la questione Sidigas. E giovedì avranno un incontro col giudice per confrontarsi sul da farsi – continua – ho parlato con il custode giudiziario, Francesco Baldassarre, nominato dalla Procura. Lui aspetta di conoscere il parere del gip sul sequestro applicato dai pm. Per quanto riguarda il basket, sia il custode giudiziario che la società sono d’accordo sull’iscrizione della Scandone in serie b. Non saranno cancellati 71 anni di storia. Abbiamo interloquito anche con il presidente Petrucci, grazie anche al supporto del presidente Sibilia. Per il calcio la società mi ha chiesto di domandare al custode la disponibilità di cercare allenatore e direttore sportivo. Se arriveranno proposte di acquisto, in questi giorni, saranno Baldassarre e i commissari a valutarne l’attendibilità (ed esprimersi sulla possibilità di vendita)”.

Ore 11.32: In aula consiliare, in attesa che il sindaco raggiunga la stampa (l’incontro non è pubblico), ci sono anche alcuni tifosi con lo storico riferimento biancoverde e presidente dell’Associazione per la Storia, Mario Dell’Anno, e Franco Iannuzzi della Curva Sud.

Ore 11,17: All’incontro è presente anche Cosimo Sibilia, vice-presidente vicario della #FIGC . E’ salito in questo momento, raggiungendo il primo cittadino Gianluca Festa e il presidente delle società sportive biancoverdi: Claudio Mauriello.

Cosimo sibilia

Sidigas, incontro Festa-Mauriello

Ore – 11.06 – È appena iniziato l’incontro tra Gianluca Festa, i vertici della società Sidigas Spa (come previsto non si è presentato il numero uno Gianandrea De Cesare, al suo posto Claudio Mauriello). Assenti i commissari straordinari nominati dal tribunale e l’amministratore giudiziario, Francesco Baldassare, indicato dalla procura di Avellino nel decreto di sequestro a carico delle due società del gruppo Sidigas.

Da quest’incontro dovrebbero emerge indicazioni decisive per chiarire il futuro delle società sportive, Scandone ed Avellino Calcio. Due sono gli aspetti fondamentali dove la Sidigas dovrà far chiarezza: la volontà e, soprattutto, la possibilità di vender davvero la squadra di calcio e di basket.

Sidigas e Avellino Calcio

Questo periodo di indecisione è legato alla doppia vicenda che investe Sidigas. Da un lato proprio linchiesta giudiziaria, dall’altra la questione fallimento per ora “congelata” dal procedura di concordato in bianco avanzata dalla società con l’assenso dei giudici. Un quadro più chiaro si avrà quando il gip emetterà il provvedimento per confermare o meno i sequestri d’urgenza, da oltre 90 milioni, applicati dalla Procura.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Entra nel gruppo di Facebook e ricevi news, video e immagini esclusive. Partecipa a TheWam!

Commenti

Comments are closed.

Potrebbe piacerti anche