Sport⚡ Vai in versione lampo ⚡

Avellino Calcio, una sentenza della Cassazione dà speranza per il mercato

0
2' di lettura

Caso Avellino Calcio. Una recente sentenza della III sezione della Cassazione penale, pubblicata il 10 aprile 2019, ha affermato che il sequestro di partecipazioni societarie non ha come automatica conseguenza il sequestro dell’azienda, per cui non vi è l’estensione di diritto ai beni aziendali del sequestro preventivo delle quote societarie, anche totalitarie.

Significa che, anche laddove il sequestro preventivo di urgenza disposto dalla Procura dovesse essere convalidato dal GIP, comunque le società sportive e, segnatamente, la società di calcio, manterrebbero la piena operatività, fermo restando, ovviamente, la partecipazione alle delibera assembleari del custode.

La società avrebbe, quindi, la possibilità astratta di fare acquisti e di confermare i contratti e, quindi, di allestire la rosa per disputare il campionato di serie C, per il quale è già stata pagata l’iscrizione, come già avvenuto, peraltro, in altri casi di sequestro delle quote sociali.

Avellino Calcio

Sequestri, il precedente del Trapani

Lo scorso anno, infatti, le quote sociali del Patron Morace del Trapani calcio (pari al 50% del capitale sociale) furono in egual modo oggetto di sequestro preventivo disposto dal GIP su richiesta della Procura, senza che l’attività della società di calcio sia stata interrotta.

Peraltro, sempre nel caso di convalida del sequestro da parte del GIP, non sarebbe conveniente nemmeno per il perseguimento delle finalità da parte della Procura di svilire il valore delle quote della società di calcio, per non parlare dell’interesse dei creditori interessati dalla procedura concorsuale innanzi al Tribunale Fallimentare all’esito della definizione della proposta di concordato in bianco avanzata dalla Sidigas.

Resta, poi, sempre da verificare la fondatezza della tesi della Procura, basata su una consulenza di parte, in relazione a quelle che saranno le difese della Sidigas e dei propri consulenti, anche se i tempi non possono essere brevi laddove il sequestro dovesse essere convalidato.

Avellino Calcio e i tifosi

Ma, insomma, alle condizioni attuali costituire la squadra potrebbe non essere un’utopia. Certo poi ci sono altri fattori da prendere in considerazione. A partire da quello ambientale. Ci sarebbe il rapporto con gran parte della tifoseria da ricucire. Soprattutto per quanto riguarda i supporter della Curva Sud che questa mattina hanno manifestato una presa di posizione netta contro l’operato della società.

Un primo passo potrebbe arrivare dalla conferenza stampa annunciata da Mauriello. O dall’esito dell’incontro di De Cesare con il sindaco Festa, programmato per lunedì 15 luglio alle ore 10.00. Certo, con la possibilità di fare un minimo di mercato da subito, per l’Avellino Calcio potrebbe essere tutto più semplice.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!

Commenti

Comments are closed.

Potrebbe piacerti anche