Avellino, per il dopo Capuano in pole Braglia: chi è l’uomo delle promozioni impossibili?

Il profilo di Piero Braglia, candidato numero uno sulla panchina dell'Avellino dopo l'esonero di Eziolino Capuano.

4' di lettura

L’Avellino ripartirà da un nuovo allenatore per la prossima stagione di Serie C. Ieri sera, infatti, è stato esonerato il tecnico Eziolino Capuano. L’allenatore di Pescopagano ha pagato alcune intemperanze e incomprensioni con dei calciatori, non solo nel periodo playoff ma anche durante gli scorsi mesi. Il tecnico ha salutato i tifosi con alcuni messaggi privati, dove ha ammesso di aver pianto per questa situazione.

Avellino dunque è alla ricerca del nuovo allenatore. Ieri abbiamo fatto il punto della situazione. Sono 4 i nomi che circolano per il post-Capuano. Si tratta di Piero Braglia, Gaetano Auteri, Fabio Pecchia e Massimo Rastelli. Gli ultimi due sembrerebbero meno altisonanti e più difficili da raggiungere. Il duello dovrebbe essere tra Auteri (seguito anche dal Taranto in Serie D) e Braglia, indicato come favorito. Scopriamo meglio il tecnico ex Cosenza, accostato alla panchina dei lupi.

Piero Braglia, l’uomo delle promozioni impossibili

Classe 1955, di Grosseto, Braglia è stato anche un ottimo calciatore in Serie A, anni 70-80, in particolare con Fiorentina e Catanzaro. Ha spesso incrociato le armi con i lupi in quei mitici dieci anni. Ha iniziato ad allenare dal 1989, in tutti gli anni ’90 esperienze tra Serie D e C2, dove vince due campionati, prima con la Colligiana e poi nel 1995, porta il Montevarchi in Serie C1.

Sfiora la promozione con il Chieti in Serie B nel 2002, arrivando ai playoff. La prima promozione in B la ottiene nel 2003-04, quando riporta la squadra calabrese (di cui era stato capitano da calciatore anche in Serie A) in Serie B dopo 14 anni. Vinse il campionato di serie C1 gir. B in maniera netta. Rimase fino al 2005 al Catanzaro, che fu retrocesso in Serie C di nuovo, non gli riuscì il miracolo salvezza.

Nella stagione 2006-07, altra promozione miracolosa con un’altra nobile decaduta, il Pisa. Braglia portò i nerazzurri toscani alla vittoria dei playoff in finale con il Monza. Toscani che mancavano dalla serie cadetta da 13 anni.

Poi esperienza alla Lucchese e al Frosinone in Serie B. Poi esperienza a Taranto durata solo 5 giornate nel 2009. Nel 2010 firma con la Juve Stabia. Con le vespe scriverà una parte di storia straordinaria. Nel 2010-11, chiude il campionato al quinto posto con il club di Castellammare. Ai playoff, Braglia vinse prima in semifinale con il Benevento e poi in finale con l’Atletico Roma. Decisiva la gara del Flaminio che sancì la promozione della Juve Stabia in Serie B dopo oltre 60 anni.

In Serie B con la Vespe, la prima stagione fu clamorosa, tanto che i giallo-blu furono anche primi in classifica per diverso tempo. Ottiene il record di 4 vittorie di fila in Serie B dei campani e disputò una grande stagione in cadetteria. Alla seconda, nel novembre 2013, fu esonerato, per poi essere richiamato a febbraio 2014, ma non riuscì ad evitare la retrocessione della compagine campana in Serie C.

Lasciata Castellammare tornò al Pisa ma questa volta non riuscì a ripetere le gesta di 7 anni precedenti. Poi nel 2016 va a Lecce, scivolato in Serie C, ma una stagione non esaltante non gli vale la riconferma.

Nella bella carriera di Braglia c’è anche la macchia della stagione dell’Alessandria. Ne 2016-17, Braglia guida i grigi ad una grande stagione in Serie C, a poche giornate dalla fine, con 8 punti di vantaggio, sembra una promozione in B ormai fatta, la quarta del tecnico toscano. Invece un clamoroso crollo permise alla Cremonese di Tesser di superare al fotofinish l’Alessandria e ottenere la Serie B. Alessandria che poi crollò ai playoff contro il Parma e gettò all’aria un grande ritorno in Serie B.

Il tecnico però si rifece l’anno successivo, nel 2017-18 al Cosenza. Subentrò alla guida dei lupi della Silla a Fontana, nel settembre 2017. Chiuse quinto in campionato e ai playoff, sbaragliò tutti (suo è il record di promozione in Serie B con una posizione così bassa, già era successo con la Juve Stabia). Dopo 9 gare di playoff, la promozione arriva in finale all’Adriatico contro il Siena, per una successo per 3-1. Cosenza in B dopo 15 anni. La stagione in B, 2018-19 è stata ottima, con i lupi della Silla che chiusero decimi. La stagione ancora in corsa, però, ha pagato alcuni errori anche societari. E’ stato esonerato dalla guida dei calabresi il 10 febbraio scorso, con il Cosenza terz’ultimo.

Braglia: sarebbe bello ottenere la quinta promozione

Quattro promozioni in Serie B, quindi, per l’esperto tecnico toscano che è alla ricerca della quinta, come dichiarato in una recente intervista. Sarebbe un grande record per l’allenatore che ha compiuto grandi imprese in terza serie.

Dai lupi della Silla ai lupi irpini? Potrebbe essere questa la strada dell’allenatore, che resta l’obiettivo numero uno per la panchina dell’Avellino.

Braglia e il 3-5-2, un marchio di fabbrica

Il 3-5-2 è il marchio di fabbrica del tecnico toscano. Un modulo che esprime compattezza e solidità, tipiche delle sue squadre. Predilige due ali veloci, abili sia in fase difensiva come quinte, che in fase di spinta. La coppia d’attacco deve essere di solito, composta da una torre, il numero 9 per capirci, e un numero 10 veloce e rapido, con fantasia e grande tecnica.

E’ un tecnico vincente, che si esalta in grandi piazze e ha lanciato ottimi giocatori giovani in carriera che hanno poi raggiunto serie importanti. Sarà lui il nuovo allenatore dell’Avellino, che prenderà l’eredità di Capuano? Lo scopriremo a breve.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie