Avellino Calcio: c’è attesa per gli stipendi. Circelli vs Izzo clima da guerra fredda

Giornata cruciale per il pagamento degli stipendi dell'Avellino Calcio.

curva sud Avellino


2' di lettura

Giornata cruciale per l’Avellino Calcio. Dopo la giornata di tensione vissuta ieri, con la decisione della commissione per l’acquisizione delle società sportive di concedere al club biancoverde qualche giorno per mettersi nuovamente in regola sotto il profilo della solvibilità economica, ecco che quest’oggi sono attesi il pagamento degli stipendi dei tesserati.

Una giornata importante, fondamentale, per il cammino dell’Avellino Calcio in questo campionato di Serie C. Nei giorni scorsi, Nicola Circelli e Salvatore Di Somma, hanno tranquillizzato la piazza sostenendo di aver la somma necessaria per il pagamento degli emolumenti ai tesserati biancoverdi. Nonostante le parole di rito la piazza attende una risposta decisa da parte della società, nonostante la grave frattura sorta tra l’amministratore unico, Nicola Circelli, ed il presidente, Luigi Izzo. Una situazione di stallo che finora non ha visto seguire ulteriori sviluppi sulla vicenda. Una vera e propria guerra fredda tra le parti che va a discapito dei tifosi biancoverdi.

Le cifre degli stipendi dell’Avellino

Ma torniamo agli stipendi. La società ha garantito che pagherà quanto dovuto ai calciatori e allo staff tecnico, ma il punto nevralgico di questa vicenda è legato strettamente a come e chi immetterà denaro liquido nelle casse del club. Finora è facilmente ipotizzabile che Circelli e Ciriaco Cusano abbiamo racimolato metà della somma che serve per pagare quanto dovuto agli atleti entro il termine del 17 febbraio 2020. L’Innovation Football avrebbe contribuito per circa 90mila euro, come affermato in sala stampa; da comprendere la somma versata dall’amministratore del club che dovrebbe oscillare tra i 60mila e gli 80mila euro. Servono 282mila euro totali per gli stipendi dei tesserati.

Da comprendere le intenzioni della triade Izzo-De Lucia-Autorino. I tre soci della Idc al momento si sono barricati dietro un silenzio assordante che potrebbe esser il preludio ad un ritorno in campo per acquisire le quote di Circelli. Certamente hanno destato delle perplessità le parole di De Lucia dinnanzi le porte dello Stadio Partenio, dove il socio al 12,5% dell’Avellino, afferma di non esser mai stato convocato per versare la somma di denaro per il pagamento degli stipendi.

In una situazione normale, non dovrebbero esserci tanti intoppi burocratici per il pagamento degli stipendi, in quanto strettamente necessario per il proseguo aziendale. Ma ad Avellino tutto funziona diversamente, anche il pagamento degli stipendi, risente del clima di tensione venutosi a creare tra le parti e a rimetterci sono solo i tifosi.

Nella giornata di oggi c’è da aspettarsi qualche mossa da parte del club per onorare quanto previsto dal regolamento di Lega Pro per evitare penalizzazioni in classifica che non farebbero altro che dissipare il lavoro svolto finora dal tecnico, Eziolino Capuano, e da tutta la formazione biancoverde.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!