Avellino, caso commissioni in comune. Urciuoli scrive al prefetto e a Salvini


2' di lettura

La pace al Comune di Avellino non s’ha da fare. Dopo le continue polemiche sulle commissioni e sul caso Urciuoli, l’assise non riesce a trovare un accordo. Urciuoli resta sospeso tra maggioranza e opposizione, in un limbo ancora indefinito. Mentre il suo compagno del Movimento Cinque Stelle, Ferdinando Picariello, ha chiaramente definito la sua posizione: sta in minoranza.

A rendere più tesi gli animi resta il caso commissioni. Nello scorso consiglio comunale è scoppiata una bagarre. Anche tra Urciuoli e il presidente del consiglio comunale Ugo Maggio (da lui votato ndr). La pace è finita. Ne è la prova lo scontro nell’ultima convocazione del sedici agosto scorso dove l’ex pentastellato ha affrontato l’urologo chiamandolo ignorante e invitandolo a dimettersi.

Sul caso commissioni, Urciuoli, ha deciso quindi di ricorrere alle maniere forti. Il consigliere comunale ha infatti scritto al Prefetto di Avellino, Maria Tirone, al sindaco di Avellino, Gianluca Festa, al Segretario Generale del Comune di Avellino, Vincenzo Lissa, e a Matteo Salvini in qualità di Ministro degli interni.

La nota di Urciuoli

Ecco la nota inviata dal consigliere Urciuoli che chiede una convocazione urgente del consiglio comunale per risolvere il caso commissioni che sta bloccando molti provvedimenti comunali:

“Il sottoscritto Luigi Urciuoli consigliere comunale, visto l’esito infruttuoso della seduta del consiglio comunale del 16 u.s. con all’ordine del giorno la costituzione delle Commissioni Consiliari permanenti; determinato da discussioni fondate su false comunicazioni in merito alla richiesta di parere inviate a Sua Eccellenza il Prefetto di Avellino e alla artata sostituzione di documento diverso da quello concordato in sede di conferenza di capigruppo. Tenuto conto dei tempi indicati nella diffida prefettizia, notificata anche al sottoscritto, per l’adozione della delibera – salvaguardia degli equilibri di bilancio 2019 pena lo scioglimento del Consiglio Comunale; chiede a tutte le autorità competenti, la convocazione urgente del Consiglio Comunale, sentita la conferenza dei capigruppo, con all’ordine del giorno -costituzione delle commissioni consiliari permanenti particolarmente importanti in questa fase, quella al bilancio e del controllo degli atti, a fornire al Consiglio una idonea base informativa e di controllo al fine di poter esprimere consapevole decisione”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!