Avellino, false cravatte Marinella: 70enne insegue truffatore
Cronaca⚡ Vai in versione lampo ⚡

Avellino, false cravatte Marinella: 70enne insegue truffatore

0
2' di lettura

Prometteva cravatte firmate, ma era solo una truffa. Il suo obiettivo erano soprattutto anziani, per lo più ex professionisti. Ieri ne ha trovato uno più furbo. A incastrare un 46enne napoletano, già gravato per precedenti di truffa, è stato un 70enne di Atripalda, comune in provincia di Avellino. Paese da cui arriva anche un’altra denuncia per truffa che abbiamo raccolto, su The Wam, proprio questa mattina.

La truffa delle cravatte ad Avellino

L’uomo era stato contattato dal truffatore per la consegna di un pacco destinato a un suo parente con delle cravatte firmate Marinella, nota griffa napoletana famosa nel mondo. L’indagato era alto e distinto, capelli brizzolati, un vistoso foulard molto kitch e una parlantina forbita e fluente. Ma l’anziano non si è fatto incantare. Anche perché lui quelle cravatte non le aveva mai ordinate. Il 70enne non si è limitato a “mettere alla porta” il truffatore, lo ha anche seguito, pardon inseguito, fino all’auto. Il truffatore si è dato a una rocambolesca fuga. Ma l’anziano aveva ben svolto il ruolo di ispettore.

Il resto l’ho fatto l’acume investigativo degli agenti della sezione Volante di Avellino, guidati dal vicequestore Elio Iannuzzi. I poliziotti, grazie all’identikit tracciato dal 70enne, sono risaliti all’identità del truffatore. In 46enne è già stato raggiunto da diversi fogli di via, ospite indesiderato di tanti comuni campani in cui ha messo a segno i suoi raggiri. Ieri è stato denunciato per tentata truffa e nei suoi confronti è stato proposto un altro foglio di via.

Telefono e auto riconducibili a “teste di legno”

Sul cellulare dell’indagato, intestato a un uomo di nazionalità straniera, c’erano una serie di indirizzi e numeri ricollegabili a persone anziane dell’hinterland avellinese. Un elemento che potrebbe essere determinante per l’evoluzione delle indagini. La prova regina può arrivare da altre denunce raccolte da vittime dei raggiri in provincia di Avellino. L’auto sulla quale viaggiava il 46enne proveniva da Napoli. Anche se gli accertamenti non hanno permesso di accertare chi gliel’avesse noleggiata. Si arrivava, infatti, a un’altra “testa di legno”.

Le indagini degli agenti hanno comunque permesso di verificare altre truffe compiute dal 46enne napoletano. La dinamica era simile: l’uomo si spacciava per avvocato, corriere o carabiniere, e prendeva di mira sempre persone anziane che spesso abitavano da sole. Di solito uomini e donne fragili. Ieri, per fortuna, non è andata così. E la vittima ha incastrato il truffatore.

Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe piacerti anche