Avellino, Festa attacca Libera: utilizza i sindaci per ricordare che esiste

Festa: Cipriano con Mancino e Gargani. Con noi l'Avellino migliore


1' di lettura

Il primo cittadino di Avellino ha attaccato il comitato provinciale di Libera, l’associazione contro le mafie, dopo le dichiarazione di Emilia Noviello che ha puntato l’indice contro il sindaco per non aver pronunciato parole nette sulla questione criminalità in città. L’associazione di Don Ciotti – ricordiamo – aveva infatti definito il lavoro di Gianluca Festa sulla sicurezza, molto scarno.

Sulla questione il sindaco ha detto: “Libera è ancora un po’ legata alla campagna elettorale. Forse sosteneva qualche candidato del mio avversario. L’associazione a volte usa i sindaci per ricordare che esiste. Se facesse più azioni per il territorio mi troverebbe al suo fianco. Quando vorrà confrontarsi la mia porta è sempre aperta“, conclude Festa.

Accuse che arrivano in un momento delicato per la città di Avellino. Lunedì prossimo, infatti, ci sarà il consiglio comunale dove si deciderà il da farsi per l’emergenza criminalità nel capoluogo irpino.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!