Avellino, incendio fabbrica: dati Arpac. Mazza: ora quelli sulle diossine

2' di lettura

“Bisogna ringraziare le condizioni climatiche. Se l’incendio fosse accaduto oggi la situazione sarebbe stata pessima”, così esordisce il presidente del comitato Salviamo la Valle del Sabato, Franco Mazza, sui primi dati (grezzi) raccolti dall’Arpac.

Dopo l’incendio di ieri a Pianodardine, l’ente che rileva le condizioni ambientali del territorio campano ha diffuso i primi dati grezzi sulle centraline. I limiti non sono mai stati sforati in modo eccessivo dalla mezzanotte. (A fine articolo puoi scaricare il report coi dati Arpac grezze. Di seguito il sommario degli approfondimenti sull’incendio)

Avellino, incendio fabbrica: i dati Arpac. Mazza spiega

Abbiamo ascoltato il presidente del comitato Salviamo la Valle del Sabato, Franco Mazza che ci ha detto: “Volendo dare una spiegazione, prendendo per validi questi dati grezzi, dobbiamo ringraziare le condizioni climatiche. Il vento di ieri ha creato un corridoio d’aria che ha portato la nube via dal capoluogo. Perciò le centraline fisse della città non rilevano sforamenti importanti.

Non abbiamo ancora notizie sulle diossine. So che è stata installata una centralina mobile all’altezza della città ospedaliera. I suoi dati dovrebbero arrivare nel pomeriggio. Quelli attuali sono abbastanza rassicuranti ma dobbiamo capire ancora i dettagli. I rilievi delle prossime ore e dei terreni ci daranno un quadro generale.

Mi aspettavo che i dati di Pm10 schizzassero. Sono contento che siano nella norma. vuol dire che almeno una parte della popolazione non ha subito un grande problema”, conclude Mazza.

Arpac, l’istallazione delle centraline

Ieri, alle 13.45 circa, i tecnici del dipartimento provinciale Arpac di Avellino, coordinati dal direttore provinciale Pietro Vasaturo, con il supporto della direzione tecnica regionale, sono intervenuti a Pianodardine.

I tecnici hanno monitorato le sostanze organiche volatili presenti nell’aria: monitoraggio che durerà minimo 48 ore. Inoltre, l’Agenzia ha collocato nei pressi della città ospedaliera di Avellino una centralina mobile per misurare i valori di concentrazione delle polveri sottili presenti nell’aria: la centralina sarà attivata ad horas.

Nel pomeriggio altri dati Arpac

I primi rilievi dell’Arpac sembrano rassicuranti per gli avellinesi. I dati per ora disponibili sono quelli acquisiti automaticamente dalle centraline che gli operatori ancora devono validare.

Il consiglio è comunque non stare per lunghi periodi esposti all’aria aperta. Le centraline della città non rilevano delle particolari sostanze nocive come le diossine. Per quelle, come detto, oggi pomeriggio potrebbero esserci le analisi complete. (Clicca sul link in basso per leggere i dati Arpac)

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie