Avellino, incendio fabbrica: sequestrata l’area. Si indaga anche col drone

1' di lettura

Come anticipato ieri, la Procura di Avellino ha aperto un fascicolo sull’incendio nello stabilimenti Ics di Pianodardine. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto, Vincenzo D’Onofrio, e dal sostituto, Cecilia Annecchini. (Di seguito un sommario con i link a tutti i nostri approfondimenti sull’incendio di Pianodardine)

I carabinieri – ora che sono terminate le operazioni di spegnimento del rogo- hanno sequestrato lo stabilimento. I periti, nominati dai magistrati, dovranno eseguire tutti i rilievi necessari a ricostruire la dinamica del rogo. E, poi, quando si avranno i dati dell’Arpac, sarà possibile stabilire se sia concreta l’ipotesi di disastro ambientale.

Gli accertamenti partiranno anche dalle immagini raccolte in zona. E sarà utilizzato un drone per effettuare la raccolta di video dall’alto e così valutare l’entità dei danni prodotti dal rogo. La Codacons, intanto, ha fatto conoscere l’iter con cui i residenti, che ritengono di essere stati danneggiati, possono chiedere i risarcimenti.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie