Avelino, Liceo artistico: muffa nelle aule. Provincia più che assente

Muffa nelle aule e indifferenza degli enti preposti. Così gli alunni del Liceo Artistico di Avellino vengono abbandonati un po' da tutti.

Fonte: google.it
3' di lettura

Chi l’avrebbe mai detto che studiare tra le pareti piene di muffa fosse una forma d’arte? Eh sì, cari lettori: così sembra. Al Liceo artistico “De Luca” di Avellino, alcuni studenti ci hanno infatti segnalato le pessime condizioni delle aule dove sono costretti a passare tutte le giornate. (Foto in fondo all’articolo)

“Siamo del corso di arti figurative e subito dopo le vacanze di Natale abbiamo trovato questa bella sorpresa”, esordiscono i ragazzi. “C’è muffa ovunque. Nelle nostre classi, nel corridoio e addirittura ci è stato detto che al piano di sopra sono saltate alcune mattonelle per l’acqua. Spesso i collaboratori tolgono la muffa che esce sui muri ma puntualmente si riforma.

Siamo andati dalla dirigente e abbiamo chiesto un cambio di aula ma lei ci ha detto che non ci sono gli spazi adatti. Sono venuti i tecnici della Provincia a fare i rilievi ma non hanno risolto nulla e, da quel che sembra, ci vuole tempo”.

Studenti alla Provincia: “Ci hanno mandati a quel paese”

Alcuni giovani studenti, senza l’aiuto di nessuno, nemmeno dei rappresentanti d’Istituto, si sono trovati costretti ad andare in Provincia. Lì, questa mattina, hanno parlato con un delegato al settore istruzione che non li ha trattati nel migliore dei modi: “Hanno iniziato dicendo che la situazione non è grave come sembra. Che dobbiamo aspettare che l’acqua si asciughi e poi tornerà tutto come prima. Alla fine poi ci hanno letteralmente “mandato a quel paese”.

Abbiamo dovuto alzare la voce – concludono i ragazzi – con la speranza che chi di dovere agisca. Nelle nostre classi ci sono soggetti allergici e non vogliamo rischiare che si sentano male. Tutti ci hanno messo in secondo piano. Avanti così non si può andare!”.

Non possiamo quindi che unirci alla richiesta degli studenti del liceo cittadino. Ci auguriamo che anche dopo le nostre segnalazioni l’ente guidato da Domenico Biancardi intervenga il prima possibile per garantire un diritto fondamentale per il nostro futuro, quello allo studio.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!