Avellino. Per il Mercatone si allungano i tempi: problema espropri

Il cantiere è fermo. I lavori avrebbero dovuto terminare entro Natale, ma ci sono stati problemi per un esproprio con l'Enel

Avellino, incendio nel Mercatone: bruciano rifiuti
1' di lettura

Mercatone, i tempi si allungano per l’impresa che sta realizzando il centro Vivendi. I lavori avrebbero dovuto essere conclusi entro Natale. Ma ad oggi sembra improbabile. Tutta colpa di un esproprio, che è diventato necessario solo in corso d’opera.

Si tratta di alcune aree di proprietà dell’Enel che sono all’interno del cantiere. La questione è stata risolta. Il decreto firmato. Ma l’impresa “Principe” che sta realizzando l’opera non potrà iniziare prima di un mese. Tempi tecnici. Burocrazia.

Nessuno è in grado di stabilire se ci saranno altri problemi. Sempre dietro l’angolo quando la questione è il Mercatone.

L’impresa ha tutto l’interesse a terminare nei tempi previsti. Si tratta di un project financing da nove milioni di euro. Denaro che si recupera solo se la ristrutturazione del Mercatone sarà completata.

Al momento gli operai sono fermi. E l’apertura nei giorni di Natale sembra pregiudicata.

Un cantiere maledetto. Speriamo sia l’ultima difficoltà.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!