Avellino, Festa sogna una città smart: esternalizza i parcheggi e control room

Il comune di Avellino esternalizza i parcheggi e si proietta a una città smart.



1' di lettura

Dopo la mascherina enjoy, Gianluca Festa si avvia a rendere Avellino una città smart. Il primo cittadino l’aveva anticipato nella scorsa conferenza stampa con la quale annunciava la vendita della Torre dell’Orologio. Si parte dai parcheggi smart.

Parcheggi smart: servizio esternalizzato

“Nel 2020 non possiamo immaginare di avere ancora i parcometri con le strisce blu senza dei sensori. Vogliamo rappresentare un modello smart in tutta Italia”, aveva detto Gianluca Festa. Oggi infatti la giunta ha approvato un piano per l’innovazione dei parcheggi in città con alla base un project financing.

Il progetto prevede l’esternalizzazione del servizio di riscossione dei parcheggi e un riammodernamento di tutto il sistema. L’importo che la ditta spenderà è di 5 milioni e mezzo di euro. L’appalto durerà, poi, quindici anni.

Palazzo di Città ci guadagnerà un milione e 850mila euro di entrate fisse ogni anno e, stando a quanto dice la giunta, Avellino in cambio avrà un sistema innovativo e anche attento al risparmio energetico.

Addio alla control room

Il piano prevede anche l’affidamento della gestione della control room che gestisce la videosorveglianza in città. Il Comune così guadagnerà quasi 246mila euro più il 15 per cento dell’importo annuale riscosso.

L’idea della Giunta Festa dovrà avere l’ok del consiglio comunale e anche di varie commissioni. Poi si procederà, come da prassi, a una gara pubblica per affidare i lavori al miglior offerente.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!