Irpinia. Strade di sangue, una strage infinita di ragazzi e ragazze

2' di lettura

Strade di sangue, come accade spesso. Non le chiamano neppure più stragi del sabato sera, perché succedono ogni giorno, ogni maledetta notte. Rocco, Lorenzo, Gianluca, non ci sono più. Quasi tutti giovanissimi. Morti tra le lamiere contorte delle auto.

Sono solo gli ultimi di una lista che è lunghissima. Basta scorrere le pagine di cronaca per avere un quadro che lascia senza parole.

Nei lunghi anni trascorsi a raccontare la cronaca nera di questa provincia, ricordiamo centinaia di vittime della strada. E solo in questa provincia. Molti erano ragazzi e ragazze. Volti, nomi, storie. Formano un mosaico di dolore, di vite recise sul nascere. In un istante. Per una manovra sbagliata, per colpa di qualcun altro, per un bicchiere di troppo, per una curva pericolosa, per l’asfalto – come si scriveva una volta – reso viscido dalla pioggia.

E sono morti che lasciano cicatrici destinate a sanguinare per sempre. Giovani strappati alla vita in pochi secondi. Magari poco dopo aver avvisato i genitori: tutto bene, sto rientrando.

Ogni volta, immaginiamo che possa capitare a noi, ai nostri figli, ai nostri parenti o amici. E magari è accaduto. Come quella volta, avevamo 18 anni. Stavamo aspettando un nostro amico, neo patentato. Appuntamento alle undici di sera. Alle due non era ancora arrivato. All’epoca non c’erano né telefonini, e neppure siti internet. Leggemmo il giorno dopo sul giornale che la sua Peugeot 205 si era incastrata sotto un tir sulla tangenziale di Salerno. Non lo avremmo visto mai più.

C’è un senso di impotenza in tutto questo. Perché accade sempre. Oggi come trent’anni fa. Nonostante gli appelli e i controlli. La strada è sempre un rischio. Forse tra qualche decennio, quando le auto a guida automatica saranno realtà e i sistemi di sicurezza notevolmente aumentati, capiremo l’insensatezza di queste morti, di questi ragazzi straziati dopo schianti terribili. E diranno – perché probabilmente non ci saremo – che eravamo dei folli, a rischiare la vita, ogni giorno, in ogni momento, dentro quelle scatolette di lamiera lanciate a tutta velocità verso il nulla.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie