Avellino. Il tribunale a pezzi: aula chiusa per caduta calcinacci

2' di lettura

Il tribunale cade a pezzi. E’ storia nota, purtroppo. Ma che peggiora ogni giorno. Questa mattina le udienze si sono dovute tenere in Corte d’Assise perché altre aule sono state chiuse. Motivo: caduta calcinacci (la foto che ci è stata inviata è eloquente). Una situazione – anche per la sicurezza pubblica – che è molto prossima all’insostenibilità.

Magistrati, avvocati e impiegati hanno più volte segnalato la necessità di intervenire. E presto. Appelli che sono rimasti inascoltati. Molte anche le iniziative della Camera penale.

Il degrado della struttura è stato evidenziato nei mesi scorsi dalla trasmissione d’inchiesta della Rai, “Presa diretta”.

Progetto finanziato e bloccato

Ricordiamo – per dovere di cronaca – che nel novembre di due anni fa, il comune di Avellino, ha approvato il progetto esecutivo per l’adeguamento antisismico del tribunale (e già, il palazzo di giustizia avellinese non è in regola con la normativa in vigore). Il passo successivo sarebbe toccato al Provveditorato per le opere pubbliche (responsabile degli aspetti che riguardano il tribunale), con l’appalto della gara da 5 milioni di euro. Soldi che sono stati stanziati da Ministero della Giustizia. La strada sembrava tracciata. E invece, molti mesi dopo, tutto è fermo. Lo stesso presidente del tribunale di Avellino ha chiesto informazioni, inviato solleciti: la risposta è stato un perdurante silenzio.

Nel frattempo neppure si parla più di un progetto che per anni ha animato la politica avellinese: quello della realizzazione di una cittadella giudiziaria (uno dei progetti ne prevedeva la costruzione a due passi dal carcere di Bellizzi, così da evitare anche i costosi e quotidiani trasferimenti di detenuti al tribunale). Si era immaginato anche lo spostamento nella sede – proprietà regionale – che ospitava l’ospedale Moscati. Ma per una serie di motivi la situazione è stata considerata impraticabile.

Tribunale a pezzi
Tribunale Avellino, Aula B

Non sostare a lungo nelle aule

Le precarie condizioni di “palazzaccio”, sono evidenziate da un cartello affisso sulle pareti: si invita a chi assiste alle udienze di non sostare a lungo all’interno della struttura e di abbandonarla il prima possibile proprio per ragioni di sicurezza.

Questa mattina altri calcinacci. Un lento sbriciolamento, al quale non è possibile assistere con indifferenza.

La folta rappresentanza parlamentare irpina dovrebbe sollecitare al più presto una definitiva decisione sul futuro della struttura giudiziaria avellinese. O almeno velocizzare l’iter per la messa in sicurezza, con soldi già stanziati, e incomprensibilmente bloccato.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie