Avellino, truffa da 400mila euro coi buoni postali: tre a processo
Primo Piano Cronaca

Avellino, truffa da 400mila euro coi buoni postali: tre a processo

Avellino, giudizio immediato per le tre persone arrestate con l’accusa di aver concorso alla truffa del valore di 400mila euro

0
1' di lettura

Il gip di Avellino, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto il giudizio immediato per le tre persone arrestate con l’accusa di aver concorso alla truffa del valore di 400mila euro in buoni fruttiferi ai danni di una donna, incapace di intendere e di volere.

La data fissata per l’inizio del processo è il 16 maggio, se gli imputati (difesi dagli avvocati Nello Pizza, Gaetano Aufiero e Antonio Iannaccone) non decideranno di ricorrere ai riti alternativi.

Avellino, truffa da 400mila euro

Le tre persone sono accusate, a vario titolo, di ricettazione aggravata, truffa aggravata e tentata truffa aggravata, possesso e fabbricazione di documenti falsi, sostituzione di persona ed auto-riciclaggio, per un danno patrimoniale pari a 400mila euro. L’indagine che ha portato ai tre arresti è stata condotta dalla Squadra Mobile di Avellino e dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Avellino.

Leggi anche  Pizzo a Monteforte Irpino: scarcerati tre indagati

Le indagini erano partite ad aprile dello scorso anno, quando uno degli indagati – secondo quanto accertato dagli investigatori – aveva tentato di incassare alle Poste centrali di Avellino i 30mila euro di uno dei 44 buoni fruttiferi che sarebbero stati sottratti alla donna.

La finanza ha “seguito” i soldi

I documenti presentati dall’uomo risultavano falsi. La vittima era stata dichiarata incapace di intendere e di volere dal tribunale e sottoposta, perciò, ad amministrazione di sostegno. Secondo quanto accertato dagli inquirenti 41 titoli sono stati rimborsati nel tempo per un valore di poco superiore ai 200mila euro, mentre altri tre, per una cifra di circa 187mila euro, erano stati bloccati nel tentativo di incasso.

Leggi anche  Rapper sparato a Contrada: 3 condanne, 6 a processo

I finanzieri hanno ricostruito il flusso di denaro, in parte sarebbe stato utilizzato per spese personali, come il saldo del conto di bar e ristoranti.

Avellino. La strage degli alberi continua: tagliati due pini

Articolo precedente

Irpinia, la spia e la insegue ogni giorno per dirle: tu sei il diavolo

Articolo successivo

Commenti

Rispondi

Potrebbe piacerti anche