Badante in vacanza: gli errori da evitare

Badante in vacanza: gli errori da evitare per garantire l'assistenza al vostro familiare e non incorrere in cattive sorprese. Il vademecum di Badacare per gestire al meglio un periodo che rischia di essere delicato proprio per la persona più fragile: il parente che ha bisogno di essere accudito. Vediamo.

5' di lettura

Badante in vacanza: gli errori da evitare per non lasciare il familiare senza assistenza per un lungo periodo. Senza assistenza o nelle mani di persone improvvisate. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Una questione che può verificarsi con maggiore facilità proprio in estate, quando anche i familiari della persona che ha necessità di una assistenza continua vorrebbero partire per una vacanza. Ma a un periodo di riposo ha diritto anche la badante: cosa fare, come comportarsi, come evitare di trovarsi in difficoltà?

Badante in vacanza: i 5 errori di Badacare

I consigli sono stati dati dal portale Badacare, una startup fondata nel 2019 e che ha un obiettivo dichiarato: mettere in contatto delle assistenti familiari qualificate con le famiglie che ne hanno bisogno.

Ebbene il portale ha evidenziato i 5 errori da evitare, per far sì che le vacanze della famiglia non coincidano con quelle della badante. Anche perché, è meglio ribadirlo, le assistenti hanno diritto a trascorrere un periodo di riposo.

Scopri la pagina dedicata al mondo delle badanti per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Ma non solo: una soluzione “pacifica” della questione consente anche all’assistito di continuare a vivere la sua condizione con la relativa serenità. Scongiurando, oltretutto, delle soluzioni di emergenza che potrebbero rivelarsi controproducenti.

Eccoli dunque i 5 consigli proposti da Badacare.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Badante in vacanza: le ferie decise dal datore di lavoro

Le ferie della badante le decide il datore di lavoro. Ma la cosa migliore è sempre quella di concordarle insieme.

Ci spieghiamo: l’articolo 18 del contratto collettivo nazionale dei lavoratori domestici dispone che sia il datore di lavoro a stabilire le ferie del lavoratore domestico. Ma questa non può e non deve essere una prevaricazione: la cosa più saggia è quella di decidere insieme e con largo anticipo il periodo di assenza. Quasi sempre cadono tra giugno e settembre: sceglierle prima consente a tutti di organizzarsi e anche di non far accavallare i periodi di villeggiatura della famiglia con quelli della badante. (Contratto per badante convivente, cosa sapere prima)

Il consiglio è sempre quello di ascoltare le esigenze della badante, anche perché si tratta di una figura importante per gli equilibri domestici: è lei che si prende cura del nostro anziano.

Badante in vacanza: costo aggiuntivo

Per le badanti che vivono insieme all’anziano, bisogna ricordarsi che hanno diritto a una somma aggiuntiva durante le vacanze rispetto alla normale retribuzione. Il motivo è semplice: la lavoratrice domestica in questo periodo dimora in un altro posto e non usufruisce quindi dell’alloggio e del cibo.

Badante in vacanza: lei non vuole andare in ferie

C’è anche chi non concede le ferie alla badante perché «tanto non vuole andare in vacanza». Non commettete questo errore. Le ferie sono un diritto e non è possibile privarsene (anche per scelta volontaria). Quindi il periodo di riposo deve comunque essere concesso alla lavoratrice domestica, anche se ripete che lei non ne ha bisogno.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Badante in vacanza: ti pago se non parti

C’è un altro errore che può derivare dalla situazione precedente: la badante rinuncia alle ferie e si compensa proponendo una somma aggiuntiva alla sua retribuzione. Sembra una soluzione? Non è esattamente così. Le ferie possono essere monetizzate solo in due casi: se la collaboratrice viene licenziata o se si dimette volontariamente. In quei casi le ferie non godute sono indicate nella busta paga. (Contratto badante e ferie pagate mensilmente: come fare)

Non ci sono altre possibilità di pagare le ferie in cambio della continuazione dell’attività lavorativa.

Badante in vacanza: la sostituta in nero

Un altro errore tipico, ma da evitare, è quello di sostituire la badante che va in ferie con una collaboratrice presa a nero, senza contratto. In questo modo – sostiene il vademecum di Badacare – si riversano tutti i rischi sulla persona che deve ricevere assistenza. In giro c’è tanta gente improvvisata che cerca un lavoro. Ma per accudire una persona non autosufficiente serve esperienza e preparazione. Potreste pagare un prezzo troppo alto per la vostra villeggiatura. Senza contare che una lavoratrice senza contratto espone comunque la famiglia a una potenziale denuncia penale.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie