Focus Bisceglie: un avvio difficile in attesa del miglior Ebagua

2' di lettura

L’Avellino Calcio domenica affronterà al Partenio il Bisceglie. La compagine pugliese arriva da una momento non esaltante, reduce da due brutte sconfitte per 3-0 e desiderosa di invertire il trend negativo.

Bisceglie che attende anche risposte dal tecnico Rodolfo Vanoli, finito nell’occhio del ciclone dopo le ultime scelte e che ora in vista di Avellino dovrebbe cambiare qualcosa. I pugliesi ultimamente si sono schierati con un 3-5-2 poco redditizio. Per la sfida di Avellino potrebbero passare ad un 4-4-2 più concreto.

Insomma l’Avellino affronterà una squadra alla ricerca della propria caratura e tante certezze che al momento non ha.

Bisceglie, tanti interrogativi in questo inizio di stagione in attesa del miglio Ebagua

Il club pugliese deve risolvere presto molti interrogativi. Una squadra sfaldata e incapace di reagire alle difficoltà. Ha diversi elementi di spessore, va detto, ma non al top al momento. In difesa ha un ottimo elemento come Hristov. In mediana ha il nazionale francese nativo del Madagascar, Albert Refetraniaina, un elemento che è tra i calciatori di valore più interessanti del campionato. Un pò di carenza probabilmente il Bisceglie ce l’ha sugli esterni ed è lì che il tecnico Vanoli sta cercando di porre dei rimedi. Ad Avellino, infatti, dovrebbe presentarsi con un 4-4-2, un pò più lineare.

Problemi anche in attacco per la squadra pugliese che ancora non ha potuto sfoderare la carta Ebagua. Il forte attaccante nigeriano, classe 1983, è un lusso per la Serie C. E’ tornato in italia da svincolato questa estate dopo l’esperienza al Baniyas in Qatar. Ebagua, se in forma, è un lusso per la categoria. Un attaccante che ha messo a segno oltre 80 gol tra i professionisti, 62 in Serie B, con maglie importanti come Varese, Bari, Torino, Pro Vercelli, Vicenza e Spezia. La sua migliore stagione è stata a Varese, nel 2012-13, con 17 gol. 13 l’anno seguente allo Spezia. Poi è andato in calando, ma resta un elemento di spessore.

E senza Ebagua l’attacco del Bisceglie ne ha risentito e non poco. Solo 2 i gol messi a segno, alla prima giornata nella vittoria col Rende per 1-0 e alla seconda. Poi due 0-3 di fila poco conformanti dai quali risalire.

Bisceglie, 3 ex Avellino in rosa

Una curiosità, sono 3 gli ex Avellino in rosa del Bisceglie. Uno lo abbiamo già presentato in questi giorni, Reno Wilmots, gioiellino di “Taccone”, che è alla ricerca di certezze dopo stagioni deludenti e prova a rilanciarsi al Bisceglie. Poi troviamo il difensore Layousse Diallo, che con l’Avellino è stato dal 2016, fino alla svincolo dell’estate 2018. Conta però 0 presenze in biancoverde, dove è stato solo 6 mesi dall’estate 2016 al gennaio 2017. Poi fu girato in prestito alla Casertana e la stagione successiva al Bisceglie che lo prese poi svincolato quando uscì dal contratto con l’Avellino nell’estate 2018. Con i pugliesi ha giocato 28 minuti in questo inizio di stagione.

Infine troviamo il portiere Angelo Casadei, che l’Avellino tesserò nel marzo 2018 quando si svincolò dal Francavilla, ma non ha mai giocato. Anche lui nell’estate 2018 si svincolò. Una stagione al Gozzano, da luglio 2019 è al Bisceglie.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!