Blitz antimafia Benevento, 9 arresti. Nelle carte quell'inseguimento coi pusher in Irpinia

Blitz antimafia a Benevento, nove arresti. Nelle carte inseguimento coi pusher a Castel del Lago (Avellino).

auto polizia


1' di lettura

C’è anche un “pezzo di Irpinia” nelle oltre trecento pagine di ordinanza cautelare, firmate dal gip di Napoli, Marcello De Chiara, che ha portato otto arresti in carcere, uno ai domiciliari e a un divieto di dimora. Misure cautelari eseguite dalla Squadra Mobile di Benevento su richiesta del Pm della Dda, Luigi Landolfi. Nell’inchiesta vengono ipotizzati, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere di stampo camorristico e spaccio di sostanze stupefacenti.

Indagine sul clan Sparandeo

E si fa riferimento all’attività del clan Sparandeo. In manette è finito Corrado Sparandeo, 63 anni. Inchiesta che poggia su una vasta mole di intercettazioni. All’interno di quelle carte, fra gli episodi di spaccio, viene citato anche quando accaduto il 17 dicembre del 2017. Quando degli agenti della Squadra Mobile, all’altezza di Castel Del Lago frazione di Venticano (Avellino), avevano intimato l’alt al casello. Ma una Cinquecento aveva innestato la retromarcia e travolto uno degli agenti. L’auto era sfrecciata via, innescando un inseguimento concluso a Vallata (Avellino).

Durante la perquisizione dei poliziotti erano stati trovati, nel cambio, cinque grammi di cocaina oltre a due panetti di hashish per oltre mezzo chilo che i due napoletani in auto, durante la fuga, aveva lanciato lungo la A16. I due imputati, con rito abbreviato, erano stati condannati uno a cinque anni di carcere e un altro a due anni e sei mesi. I due non sono stati raggiunti da misure cautelari nel corso di questa indagine.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!