Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Famiglia / Bollette del gas a tutele graduali: i fornitori città per città

Bollette del gas a tutele graduali: i fornitori città per città

Bollette del gas a tutele graduali: ecco chi sono i fornitori città per città dopo che si sono concluse le aste per il passaggio dei clienti non vulnerabili nel mercato di maggior tutela.

di The Wam

Febbraio 2024

Bollette del gas a tutele graduali: è stato ufficializzato l’esito delle aste per il passaggio dei clienti non vulnerabili che erano nella maggior tutela. Vediamo cosa prevede e quali sono i fornitori città per città. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bollette del gas a tutele graduali: le aste

Le aste per le tutele graduali hanno definito il passaggio di circa 4,5 milioni di clienti non vulnerabili, che erano in precedenza sotto la maggiore tutela, verso nuovi fornitori nel mercato delle tutele graduali.

Come funzionano le aste?

Le aste, ufficializzate il 6 febbraio, hanno assegnato pacchetti di clienti a diversi fornitori. Questi pacchetti sono stati suddivisi in 26 lotti, coprendo diverse zone del paese. I fornitori si sono aggiudicati i lotti con offerte competitive, determinando così il loro nuovo bacino di utenza.

Il ruolo dell’acquirente unico

L’acquirente unico ha avuto un ruolo importante nell’ufficializzare le assegnazioni provvisorie. Assegnazioni che sono state poi confermate, segnando il passaggio formale dei clienti ai nuovi fornitori.

Impatto sulle tariffe per i consumatori

Queste aste avranno una incidenza sul costo delle bollette. Secondo il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, i clienti risparmieranno in media 73 euro lordi annui. Significa che le nuove tariffe applicate dai fornitori saranno inferiori rispetto a quelle della maggior tutela.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

In pochi resteranno con l’attuale fornitore

Molti clienti non resteranno con il loro attuale fornitore. La maggior parte dei cittadini sotto la maggior tutela, passeranno con una nuova compagnia. Sono coinvolti diversi operatori energetici, tra cui Enel, Hera, A2A, Edison, Illumia, Iren ed Eon.

In questo post ti spieghiamo come scegliere il gestore più vantaggioso.

I clienti che erano sotto la tutela di un particolare fornitore potrebbero quindi essere serviti da un’azienda completamente diversa, dipende dell’esito delle aste e delle assegnazioni dei lotti.

Vediamo nel dettaglio.

Enel si Espande in 21 città, includendo Roma e Milano

Enel ha perso circa 4 milioni di clienti in tutela, soprattutto nel Sud Italia, ma ha guadagnato 1,4 milioni di nuovi clienti nelle tutele graduali, quasi tutti nel Nord Italia.

Le città coinvolte nel cambiamento

La strategia antitrust di Enel

Enel ha adottato una strategia conforme ai limiti antitrust, aggiudicandosi il massimo numero di lotti permessi, ovvero sette. In questo modo Enel ha potuto espandere la sua portata, consolidando la presenza in molte importanti città senza superare i limiti imposti dall’Antitrust.

Vediamo in questo post quali sono le tutele graduali.

Hera è cresciuta anche al Nord

Hera, fornitore dell’Emilia Romagna, ha avuto una forte espansione nel Nord Italia. Ha rafforzato la sua presenza in numerose regioni aggiudicandosi sette lotti nelle aste.

L’espansione di Hera

Per Edison 4 lotti

Edison si è aggiudicata quattro lotti, ampliando la sua presenza, soprattutto nel Sud e nelle isole. Ecco dove:

Luce e gas con un solo operatore, conviene?

Al Sud ci sono Illumia, Iren e A2A

Illumia conquistando tre lotti, migliorando la sua presenza al Sud. La sua clientela si estende ora dalla città di Torino, passando per Varese e Como, fino a Firenze e la provincia di Roma. Anche la provincia di Napoli, Nuoro e Sassari rientrano ora nel suo raggio di azione.

A2A nel Centro Sud

A2A ha ceduto 160mila clienti e ne ha guadagnati 285mila. Un successo che ha il suo epicentro soprattutto in zone del Centro Sud, inclusi Cagliari, Napoli città, Oristano e il Sud della Sardegna. In Sicilia, A2A si è affermata ad Agrigento, Caltanissetta, Palermo e Trapani.

Iren, bilancio positivo

Iren si è aggiudica due lotti e un saldo positivo di 258mila clienti (nonostante ne abbia persi 82mila). Fornirà il gas in città come Brindisi, Matera, Potenza, Salerno, Taranto; oltre a Barletta Andria Trani, Campobasso, Cosenza, Foggia e Isernia.

Mentre Illumia, Iren e A2A hanno concentrato i loro sforzi al Sud, Eon si è aggiudicata un lotto importante al Nord, includendo Imperia, Lecco, Monza Brianza e Savona.

Quanto si risparmia nelle tutele graduali

Il nuovo sistema delle bollette del gas a tutele graduali non solo modifica la gestione dei fornitori di gas ma introduce anche un potenziale risparmio per i consumatori.

Lo sconto applicato alle bollette nel regime delle tutele graduali deriva dai ribassi offerti dalle utility nelle aste. La quantità esatta dello sconto sarà però calcolata solo a fine giugno, dopo aver considerato vari fattori come il numero dei clienti per ogni lotto e i diversi ribassi applicati.

La dinamica degli sconti

Grazie a questi ribassi, si stima che i clienti potrebbero beneficiare di uno sconto che potrebbe arrivare fino a 83 euro l’anno, pari a circa 7 euro al mese. È importante notare che le bollette non saranno più bimestrali, ma mensili, e che la tariffa sarà a prezzo variabile.

Partono le campagne commerciali

Con l’introduzione delle bollette del gas a tutele graduali, le utility hanno iniziato a implementare strategie commerciali aggressive per attrarre nuovi clienti. Sono partite già in alcune città, mirano a compensare le riduzioni di margine dovute alle offerte al ribasso necessarie per aggiudicarsi i lotti nelle aste.

Esempi di campagne efficaci

Bollette del gas a tutele graduali: i fornitori e città
Nell’immagine un uomo vicino ai fornelli della cucina, paga le bollette del gas a tutele graduali.

FAQ (domande e risposte)


Cosa prevede il sistema delle “Bollette del gas a tutele graduali”?

Il sistema delle “Bollette del gas a tutele graduali” comporta un importante cambiamento per i consumatori precedentemente protetti dalla maggior tutela. Con l’esito delle aste, circa 4,5 milioni di persone passeranno da un fornitore di energia elettrica a un altro. Questi nuovi fornitori, scelti attraverso le aste, offrono tariffe potenzialmente più vantaggiose. I clienti possono aspettarsi un prezzo inferiore rispetto a quello in tutela, con un risparmio medio di circa 73 euro lordi annui.

Quali sono i principali fornitori nel mercato delle tutele graduali?

Nel mercato delle tutele graduali, i principali fornitori che si sono aggiudicati pacchetti di clienti includono Enel, Hera, A2A, Edison, Illumia, Iren e Eon. Questi fornitori hanno vinto vari lotti nelle aste, assumendo la responsabilità di servire differenti regioni e città.

Quanti clienti sono coinvolti nel passaggio alle tutele graduali?

Circa 4,5 milioni di clienti sono coinvolti nel passaggio alle tutele graduali. Questi clienti, precedentemente sotto la maggior tutela, dovranno passare a diversi fornitori in base all’esito delle aste.

Quanto risparmio è previsto con le tutele graduali sulle bollette del gas?

Con le tutele graduali, i clienti potrebbero beneficiare di uno sconto medio ponderato sulle loro bollette. Anche se il calcolo esatto sarà definito solo a fine giugno, si prevede un risparmio medio di circa 73 euro lordi all’anno per cliente. In alcuni casi, il risparmio potrebbe essere anche maggiore, fino a 83 euro all’anno, specialmente nelle zone del Nord Italia.

Come influisce l’asta delle tutele graduali sulla scelta del fornitore?

L’asta delle tutele graduali ha un impatto diretto sulla scelta del fornitore per i consumatori. A seguito delle aste, i clienti verranno assegnati a nuovi fornitori in base ai lotti vinti da ciascuna utility. Questo processo ha rimescolato l’assegnazione dei clienti tra i vari fornitori, portando a cambiamenti nelle opzioni disponibili per i consumatori.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp