Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Economia e Finanza / Bollette del gas: aumenti da 3.000 euro. Distacchi bloccati

Bollette del gas: aumenti da 3.000 euro. Distacchi bloccati

Bollette del gas: aumenti da 3.000 euro l'anno, gli incrementi già a ottobre si parla di bloccare i distacchi.

di The Wam

Ottobre 2022

Bollette del gas: aumenti da 3.000 euro in arrivo, ma non solo, c’è il rischio di rimanere a secco nel cuore dell’inverno. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

C’è una certezza e un timore per i prossimi mesi. La certezza è l’incremento a livelli sconcertanti delle bollette del gas a partire da subito. Il timore è quello di restare senza energia nel cuore dell’inverno, soprattutto se la Russia dovesse continuare a bloccare l’erogazione di metano verso l’Italia.

Sull’argomento di questo post potrebbe interessarti un articolo su cosa succede se non si pagano le bollette; o anche un focus su cosa intende fare il nuovo governo su bollette e cartelle esattoriali; c’è anche un articolo che riguarda lo smart working: con l’aumento dell’energia non conviene più ai lavoratori.

Bollette del gas: stangata in arrivo

Partiamo dalla certezza: la stangata sulle bollette. Tutti gli analisti sono concordi nel prevedere un ulteriore aumento delle tariffe di almeno il 70%. In termini pratici significa che una famiglia media arriverà a pagare poco meno di 3.000 euro l’anno solo per la spesa di gas.

Si pagherà il 117% in più rispetto allo stesso periodo del 2021, quando sono iniziati i primi rincari dei prodotti energetici.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Il problema è che questi enormi aumenti, vanno a sommarsi con quelli della luce (+122% in un anno) e ovviamente a cascata con l’impennata dell’inflazione che hanno fa crescere i prezzi di quasi tutti i prodotti, compresi quelli alimentari. Mentre gli stipendi e le pensioni sono rimasti praticamente invariati (o quasi).

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bollette del gas: tre misure urgenti

La situazione inutile dirlo è drammatica per milioni di famiglie e centinaia di migliaia di imprese.

Le associazioni chiedono al governo (ma quello nuovo ancora non c’è e quello in carica può svolgere solo l’ordinario) tre misure urgenti:

Bollette del gas: distacchi bloccati

La questione relativa ai distacchi è molto seria: sono tante le famiglie (così come le imprese) che non riescono a far fronte alle spese. Se le bollette di luce e gas iniziano a pesare complessivamente in un anno quasi 6mila euro è palese che il bilancio familiare vada in frantumi. Con una conseguente esplosione della morosità in pieno inverno: come fare con i distacchi, si può davvero lasciare lasciare al freddo e al buio chi per una emergenza economica nazionale non riesce a coprire le spese?

Bollette del gas: il governo

Sul punto si attende l’insediamento del governo Meloni (appena finirà questo lungo balletto sulle nomine dei ministri): la questione energia è la prima e più importante tra quelle che si troverà tra le mani il nuovo esecutivo. Subito dopo dovrà essere prodotta la legge di Bilancio per il 2023, il documento chiave per determinare le spese e i programmi per il prossimo anno.

Bollette del gas: resteremo a secco?

Ora passiamo al timore: quello di ritrovarci a secco di energia nel cuore dell’inverno. La Russia ha chiuso i rubinetti da giorni. Eni sta trattando con Gazprom per riattivare la forniture. Non sarà facile. Anche perché nel frattempo il conflitto in Ucraina si sta avviando in una fase dirompente, che non esclude neppure l’utilizzo di bombe atomiche.

Al momento gli stoccaggi in Italia sono pieni per più del 90%. In teoria dunque il gas per affrontare l’inverno ci sarebbe. Ma non bisogna dimenticare le varianti, che sono tante, e tra queste:

Bollette del gas: metano russo fondamentale

Inutile girarci intorno, per affrontare l’inverno senza la paura di restare senza energia per riscaldarci è fondamentale che la Russia continui a erogare le sue forniture. Si sono molto ridotte rispetto all’inizio della guerra, passando dal 40 al 9% del nostro fabbisogno. Ma al momento non si può rinunciare a quei 20 milioni di metri cubi al giorno forniti da Mosca.

Ora il principali fornitore dell’Italia è l’Algeria, che fornisce 25 miliardi di metri cubi l’anno (arriveranno a 30 tra il 2023 e il 2024). Si sta cercando di aumentare i volumi anche dall’Azerbaijam.

Ma se l’inverno 2023/2024 potremmo anche fare a meno del gas importato dalla Russia, per il prossimo la rinuncia potrebbe avere della conseguenze.

Bollette del gas: rigassificatori

I rigassificatori entreranno in funzione solo dalla prossima primavera. Consentiranno di importare e trattare il gas naturale liquefatto che arriva da Stati Uniti, Congo, Qatar e Nigeria. Da queste fonti si punta a raggiungere entro due anni i 20/22 miliardi di metri cubi.

La questione rigassificatori è comunque delicata. Mancano ancora le autorizzazioni e i tempi sono stretti. Bastano pochi ritardi e gli obiettivi rischiano di slittare di un anno. Al momento se l’iter burocratico per l’impianto di Piombino dovesse arrivare a conclusione (si spera) entro il 27 ottobre, il gas potrebbe iniziare a fluire non prima di aprile (comunque già dopo la fine dell’inverno).

Bollette del gas: aumenti da 3.000 euro. Distacchi bloccati

Bollette del gas: razionamento

Si devono però affrontare i prossimi mesi. L’ipotesi di un razionamento è assai probabile, anche se con l’incremento stratosferico dei costi di luce e gas, saranno le stesse famiglie a ridurre in modo consistente in consumi.

Chi si è interessato a questo post ha letto anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp