Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Economia e Finanza / Bollette del gas, così l’Europa limiterà gli aumenti

Bollette del gas, così l’Europa limiterà gli aumenti

Bollette del gas, così l'Europa limiterà gli aumenti: il piano in cinque punti contro i rincari, aiuti alle famiglie e alle imprese.

di The Wam

Settembre 2022

Bollette del gas, così l’Europa limiterà gli aumenti: l’Ue ha fissato un piano in 5 punti contro i rincari. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Non c’è dunque solo una strategia comune per affrontare il calo o la sospensione totale delle esportazioni di gas russo, ma anche un piano per evitare che il nuovo e prevedibile aumento dei prezzi del metano si riversi direttamente su famiglie e imprese.

La Commissione Europea ha consegnato ai governi dei Ventisette le linee direttive da discutere nella riunione straordinaria dei ministri dell’Energia che è in programma domani a Bruxelles.

Su questo stesso argomento puoi leggere cosa potrebbe prevedere il nuovo decreto contro gli aumenti delle bollette, quali sono i bonus e gli sconti regionali, tutti i tagli in arrivo per il razionamento.

Bollette del gas: le 5 misure

Le 5 misure proposte ci sono:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bollette del gas: extraprofitti alle famiglie

Come detto questi extraprofitti saranno poi distribuiti a famiglie e imprese per accelerare la produzione di energia pulita.

Si cerca di evitare anche il fallimento a catena delle aziende che forniscono corrente (che acquistano a molto e dovrebbero vendere a poco), prevedendo flessibilità sul fronte aiuti di Stato, consentendo la concessione non solo di prestiti ma pure di garanzie statali.

A Bruxelles l’Italia porterà anche una proposta aggiuntiva: l’estensione del tetto al prezzo per tutte le transazioni che avvengono nei depositi europei e non solo per quelli con la Russia. Gli Stati pagherebbero in compensazione la differenza tra il tetto fissato e il prezzo di mercato.

Bollette del gas: bloccare la Russia

Tutte operazioni che sono anche utili a impedire che la Russia continui a manipolare il mercato, imponendo dei prezzi insostenibili. Le intenzioni sono buone, ma serve unità all’interno dell’Ue per centrare gli obiettivi.

Bollette del gas: riduzione dei consumi al 15%

Tutto passa anche dalla riduzione dei consumi. Un taglio piuttosto deciso, tra il 10 e il 15%, questa volta però deve essere su base obbligatoria e non volontaria (come era stato invece previsto nel precedente piano Ue).

Si parte contenendo il consumo di energia elettrica, proprio come è già stato fatto per il gas. La riduzione deve essere di almeno il 5% nelle ore di punta.

Il problema vero per l’approvazione del piano riguarda il tetto del gas. Un argomento che non sempre ha trovato unanimi i 27. Questa volta però la proposta arriva direttamente dalla Commissione: la scelta sarebbe imposta dalla decisione di colpire direttamente le importazioni dalla Russia.

Una scelta che ha fatto infuriare Putin (in Russia l’economia sta mostrando segni di una gravissima recessione), che ha minacciato di chiudere anche le esportazioni di grano.

Bollette del gas: i dubbi

Il dubbio sull’efficacia al tetto del gas russo, viene evidenziato da questo dato:

Si tratta quindi di una quota piuttosto trascurabile. E che potrebbe avere un effetto anche non significativo sull’aumento dei prezzi dell’energia.

Bollette del gas: piano nazionale

Sul fronte italiano, ieri è stato presentato il piano nazionale di risparmio energetico. Si tratta di misure soft, che prevedono la riduzione della temperatura, del tempo e del periodo di accensione dei riscaldamenti. Oltre a una serie di consigli per ridurre il consumo di gas e corrente elettrica.

Un piano che rientra nel limite del risparmio al 7% dei consumi. Dovrà comunque essere aggiornato: l’asticella del risparmio dovrebbe essere alzata per tutti, e in modo obbligatorio, al 15%.

Servirà qualcosa in più di una doccia breve e un’ora in meno di termosifone.

Bollette del gas, così l’Europa limiterà gli aumenti

Bollette del gas: elettrodomestici

Per le famiglie si stanno continuando a susseguire consigli, su come utilizzare in modo più sobrio (e logico) alcuni elettrodomestici. Dai calcoli del ministero dei semplici accorgimenti, se applicati in massa, possono consentire il risparmio, senza sacrifici, di miliardi di metri cubi di gas.

A proposito di elettrodomestici, vediamo quali sono quelli che consumano di più e sui quali quindi bisogna forse concentrarsi per un uso più parsimonioso o solo razionale (evitando quindi inutili sprechi).

Basti ricordare un dato: una famiglia media ha già speso dall’inizio dell’anno 776 euro solo per la bolletta elettrica.

Vediamo in dettaglio quanto costano in un anno gli elettrodomestici più usati dai cittadini:

Il numero uno a livello dei consumi resta comunque il condizionatore, che può pesare sulla bolletta annuale fino a 232 euro l’anno.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp