Bollette in autunno: aumento del 100%. Esplode la morosità

Bollette in autunno: aumento del 100% e cresce la morosità e i costi ulteriori per tutti gli altri cittadini. Si chiama socializzazione degli oneri e quindi alla fine riguarda tutti, anche chi riesce a far fronte alle bollette. Uno scenario drammatico: l'allarme lanciato al governo e al Parlamento dall'Arera.

6' di lettura

Bollette in autunno: aumento del 100% rispetto ai prezzi attuali che sono già raddoppiati in soli tre mesi.(scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Le conseguenze rischiano di essere molto gravi:

  • una impennata di morosità tra famiglie e imprese;
  • fallimenti tra i venditori di energia.

Ma la questione riguarda tutti. Anche chi riesce a far fronte alle bollette. Perché l’eventuale fallimento delle aziende che vendono prodotti energetici causa aumenti ancora più consistenti. Per ogni singolo consumatore.

L’Ue ha disposto per l’Italia una riduzione del consumi del 7%. Rispetto ai costi altissimi dell’energia vediamo come si può risparmiare. Per le famiglie varato lo sconto sulle bollette fino alla fine dell’anno. Queste sono invece le migliori offerte per il gas per ridurre i costi.

Bollette in autunno: contributo di solidarietà

Questi debiti, delle famiglie, ma soprattutto delle aziende fallite, saranno ridistribuiti con un sistema che si chiama «socializzazione degli oneri».

Una sorta di contributo di solidarietà che è stato introdotto dall’Arera nel 2018.

E quindi, oltre agli aumenti dei costi energetici bisognerà pagare anche i conti delle famiglie che non riescono a fare fronte alle bollette e soprattutto delle aziende che trattano energia e che sembrano destinate al fallimento.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bollette in autunno: scenario drammatico

Una situazione ancora peggiore di quanto si potesse immaginare. I tanti che continuano a mettere in guardia rispetto a un autunno difficile forse immaginavano anche questo scenario.

Con questo quadro, gli aumenti in busta paga con il taglio del cuneo contributivo, l’azzeramento degli oneri di sistema sulle bollette, l’aiuto alle famiglie con reddito basso per ridurre le spese di luce e gas e la parziale e anticipata rivalutazione delle pensioni, seppur mostrano dei segnali di buona volontà del governo, si apprestano a diventare misure del tutto inadeguate per affrontare uno scenario che diventa ogni giorno più complesso.

Bollette in autunno: allarme Arera

Oltretutto, non ci sono segnali che indichino una possibile riduzione dell’inflazione. Anzi.

L’allarme è stato lanciato ufficialmente proprio dall’Arera (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente), che ha inviato una relazione al governo e al Parlamento.

L’Autorità – dopo aver valutato gli scenari molto probabili dei prossimi mesi – ha sollecitato il governo affinché vengano adottati altri interventi straordinari.

Nella nota si parla di «forti criticità per il sistema nazionale»: la situazione è peggiorata negli ultimi giorni, dopo che è stato registrato un nuovo folle incremento dei prezzi del gas. Prezzi che sono solo destinati a crescere da qui a dicembre: le tensioni internazionali che hanno generato gli incrementi piuttosto che diminuire stanno aumentando.

E il gas è diventato nelle mani della Russia uno strumento fondamentale per mettere sotto pressione le economie europee.

Bollette in autunno: interventi immediati

L’Arera chiede interventi immediati sul mercato nazionale ed europeo per «contenere i prezzi sull’assetto del sistema». In pratica si chiede il famoso tetto al costo del gas. Non dovrà più essere legato al Ttf di Amsterdam (la borsa del metano) che oltre a riportare le pressioni geopolitiche è anche soggetto alle azioni degli speculatori (che peggiorano la situazione attuale).

Bollette in autunno: gas, prezzo record

Preoccupano le ultime quotazioni: il prezzo del gas è arrivato a 200 euro per megawattora. Sono costo esorbitanti e potrebbero peggiorare se si dovessero rivelare fondate le minacce di Mosca di fermare l’erogazione del gas in inverno.

Significa, per essere chiari, un incremento del 100% rispetto ai costi attuali delle bollette. Per tante famiglie diventeranno insostenibili, nonostante le misure adottate dal governo. Non ci sarebbe nessun aiuto possibile da parte del governo per arginare gli effetti.

Bollette in autunno: costi insostenibili per le famiglie

Lo dice in modo chiaro proprio il responsabile di Arera, Stefano Besseghini: «I previsti interventi del governo a riduzione di tali variazioni non potrebbero evitare variazioni mai verificatesi dei costi».

In pratica, conferma, i costi «risulterebbero difficilmente sostenibili per tutti i consumatori, non solo domestici, con potenziali ripercussioni sulla tenuta dell’intera filiera».

Il che comporterebbe anche un ulteriore incremento dei prezzi. Una spirale che rischia di mettere in ginocchio l’intero sistema Paese.

Ma non è tutto: proprio l’aumento dei costi del metano ha convinto i grossisti a non fare scorte perché non conveniente. Una scelta che ha mandato in tilt tutta la filiera.

Bollette in autunno: servizio di default

Le conseguenze già ci sono. Ci sono grandi difficoltà per soddisfare la domanda del gas per uso domestico. E ci sono grosse difficoltà nel chiudere i contratti a partire da ottobre.

Si prevede l’attivazione del servizio di default per garantire comunque l’erogazione ai clienti finali. Un servizio di solidarietà, ma che inciderà ancora, come abbiamo visto, di più sulle bollette.

Sono coperte queste aree territoriali, così suddivise:

  • Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria;
  • Lombardia;
  • Trentino-Alto Adige, Veneto;
  • Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna;
  • Toscana, Umbria, Marche;
  • Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia;
  • Lazio;
  • Campania;
  • Sicilia e Calabria.

Questo servizio viene erogato:

  • ai clienti morosi per i quali il distacco della fornitura non è possibile per i quali viene cessato amministrativamente il contratto;
  • ai clienti finali che si trovano senza un venditore per motivi che non dipendono dalla loro volontà (il fallimento delle società di energia), ma che non hanno diritto all’attivazione del servizio di ultima istanza;
  • ai clienti finali che si trovano senza un venditore per motivi che non dipendono dalla loro volontà e che avrebbero diritto al servizio di ultima istanza (clienti domestici, condomini con consumi superiore a 200 smc/anno, attività di servizio pubblico) ma che non può essere attivato per mancanza del prodotto energetico o perché non c’è il fornitore di ultima istanza.

Bollette in autunno: più morosi, più costa l’energia

Il fallimento dei venditori di energia non è solo una ipotesi. Sono andate in default già 40 aziende tra Germania, Gran Bretagna, Olanda, Belgio, Finlandia e Repubblica Ceca.

Se si dovessero verificare, come si teme, fallimenti anche in Italia aumenterebbero i costi di socializzazione, con una impennata dei prezzi per tutti i clienti finali.

Per capirci: più cittadini morosi ci sono, più aumenta il prezzo dell’energia per tutti gli altri.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie