Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bollette luce e gas, taglio Iva e nuovo bonus

Bollette luce e gas, taglio Iva e nuovo bonus

Bollette luce e gas, confermato il taglio dell’Iva e gli sconti alle famiglie con reddito basso, a ottobre nuovo bonus.

di The Wam

Marzo 2023

Bollette luce e gas, il governo si appresta ad approvare un taglio dell’Iva e un nuovo bonus che sarà attivo da ottobre. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Il nuovo decreto (su bollette luce e gas) è già pronto, prevede un finanziamento di 5 miliardi per calmierare il costo di luce e gas nel secondo trimestre dell’anno. Sarà discusso nelle prossime ore nel Consiglio dei Ministri.

In buona parte saranno confermate le misure già in vigore e che sono in scadenza il prossimo 31 marzo. C’è da dire comunque che la spesa per il governo potrebbe ridursi di molto rispetto al preventivo da 5 miliardi. Il motivo? I costi delle materie prime da qualche mese (gennaio) sono in costante e drastico calo.

Basta un dato per chiarire la situazione: venerdì sulla borsa di Amsterdam il prezzo del gas è sceso a 41 euro a megawattora, siamo tornati ai livelli precedenti l’invasione russa dell’Ucraina, quindi nella situazione che c’era prima della crisi energetica.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

In agosto, il gas ha raggiunto un picco massimo di 341 euro (quasi dieci volte di più del costo attuale) e all’epoca tutto lasciava prevedere che il prezzo del metano sarebbe arrivato a 400 euro, trascinando verso l’altro anche la bolletta per l’energia elettrica (che viene prodotta con il metano).

Il governo ha fatto i conti in quel periodo immaginando un quadro simile. Ora che lo scenario si è modificato (forse in modo imprevedibile, grazie anche a un inverno insolitamente mite) e lentamente ci apprestiamo ad uscire dall’emergenza. 

Vediamo dunque, quali sono i provvedimenti che intende adottare il governo in questa nuova fase (ma serve sempre cautela, le fibrillazioni che hanno causato l’esplosione del prezzo dell’energia tra l’estate e l’autunno del 2022 non sono certo svanite).

Su questo argomento puoi leggere un post che spiega come risparmiare fino a 3.500 euro l’anno; in un altro articolo spieghiamo come funziona nei dettagli il nuovo bonus immaginato dal governo; abbiamo anche visto quanto si spende al giorno di luce e gas.

Bollette luce e gas, oneri di sistema metano

Anche nel prossimo trimestre (aprile-giugno) l’Iva sul costo del metano sarà ridotta al 5 per cento. Resteranno azzerati gli oneri di sistema (che da soli incidono per il 30 per cento sulle bollette).

Ricordiamo che gli oneri di sistema sono quelle voci inserite all’interno delle bollette che non sono legate ai consumi, ma a cosiddette attività di interesse generale. Ne citiamo una: la spesa da sostenere per lo smantellamento delle centrali nucleari.

L’azzeramento degli oneri di sistema ha avuto un costo molto alto per le casse dello Stato, me è forse stata la misura che ha inciso in maniera più importante per non far lievitare ulteriormente la spesa per famiglie e imprese.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.                 

Bollette luce e gas, oneri di sistema elettricità

Questo per il gas. Sulla bolletta della luce gli oneri di sistema saranno ripristinati (fine dello sconto). Ma il governo ha intenzione di introdurre una serie di agevolazioni che consentiranno di tenere sotto controllo le tariffe.

Queste agevolazioni, in pratica, dovrebbero garantire ai cittadini uno sconto molto simile a quello che era assicurato dal taglio degli oneri di sistema.

Bollette luce e gas, bonus sociale

È stato disposto, come previsto, anche il rinnovo del bonus sociale nella sua versione potenziata. Ovvero quello esteso a tutte le famiglie con un Isee fino a 15.000 euro. La misura ha riguardato, grazie a questa soglia, 4,5 milioni di nuclei familiari (non sono pochi).

Confermati anche i crediti di imposta per le imprese, ma saranno rimodulati a seconda delle quotazioni del gas.

Bollette luce e gas, taglio Iva e nuovo bonus
Bollette luce e gas, taglio Iva e nuovo bonus

Bollette luce e gas, novità a ottobre

Fin qui, più o meno, il governo ha deciso di prorogare le misure per il contenimento dei costi delle bollette di luce e gas. Ma la vera novità sarà introdotta a partire dal primo ottobre, a ridosso quindi dell’inizio della prossima stagione invernale.

Nel quarto trimestre (appunto da ottobre a dicembre) sarà introdotto un nuovo bonus. Non avrà una soglia di reddito minimo.

È stato studiato un meccanismo di compensazione che verrà attivato se il prezzo del gas supererà determinati limiti. Questa misura avrà il compito di sollecitare i cittadini verso una riduzione dei consumi.

Vediamo come funzionerà. L’esecutivo ha previsto una fascia di consumo entro la quale il prezzo del gas sarà calmierato e quindi avrà un costo più basso rispetto a quello offerto dal mercato (la soglia di questa fascia non è stata ancora definita).

Più i consumi salgono e più il prezzo del gas aumenterà, in questo modo – è opinione del governo – i cittadini dovrebbero essere incentivati a ridurre i consumi: saranno premiate le famiglie che risparmiano più energia. Il meccanismo è simile a quello che viene già utilizzato per determinare le tariffe dell’acqua.

Il sistema è piuttosto complesso e verrà studiato nei dettagli nelle prossime settimane. Anche per questo motivo la misura, che sarebbe dovuta entrare in vigore a partire da luglio, sarà introdotta definitivamente solo dal primo ottobre (in tempo utile per l’inizio della stagione invernale, quando, per ovvi motivi, i consumi di energia sono destinati a crescere).

Il sistema è stato già utilizzato in Germania. Si propone dunque un duplice scopo:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp