Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus 1000 euro stagionali: scadenza domande posticipata

Bonus 1000 euro stagionali: scadenza domande posticipata

Bonus 1000 euro stagionali: la scadenza per la propria richiesta di indennità onnicompresiva slitta oltre metà dicembre. Ecco fino a quando. Circolare Inps.

di Guglielmo Sano

Novembre 2020

Arrivano importanti chiarimenti sul Bonus 1000 euro stagionali da parte dell’Inps: la scadenza per inoltrare la propria richiesta di indennità onnicompresiva slitta oltre metà dicembre. Ecco fino a quando si potrà fare domanda (Consulta la nostra pagina speciale sulle indennità Covid e partecipa alla discussione sul nostro gruppo Facebook).

Indice:


(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Bonus 1000 euro stagionali: slitta la scadenza per le domande

Importante precisazione da parte dell’Inps per quanto riguarda la scadenza per la domanda di indennità onnicomprensiva: il Decreto Ristori aveva fissato come ultimo giorno il 30 novembre.

Ora, l’ente avverte i potenziali beneficiari che possono presentare la propria richiesta fino al 18 dicembre 2020: “per consentire un adeguato tempo all’utenza e agli intermediari per presentare le domande per i nuovi beneficiari e nello stesso tempo consentire all’Istituto il pagamento di queste prestazioni entro la fine dell’anno corrente, sarà possibile presentare la domanda entro la data del 18 dicembre 2020” recita il testo della circolare Inps n. 137 del 26 novembre 2020.

Bonus 1000 euro stagionali: slitta la scadenza per le domande
Bonus 1000 euro stagionali: la scadenza per inoltrare la propria richiesta di indennità onnicompresiva slitta oltre metà dicembre. Ecco fino a quando

Bonus 1000 euro: a chi spetta l’indennità onnicompresiva

Nella stessa circolare, l’Inps ricorda che il Bonus 1000, in caso di cessazione involontaria del rapporto di lavoro tra il primo gennaio 2019 e il 29 ottobre 2020, spetta a (Qui la lista dei Codici Ateco):


Rem e Naspi incompatibili con l’indennità

Da ricordare che l’indennità è incompatibile, oltre che con altre indennità Covid (Bonus sportivi, Bonus colf eccetera), con Rem e Naspi, per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza, invece, l’Inps precisa che se “l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità COVID-19, in luogo del versamento dell’indennità COVID-19 si procede ad integrare il beneficio del Reddito di cittadinanza, fino all’ammontare della stessa indennità, dovuto per ciascuna mensilità”.

In sostanza, se si è titolari “di un Reddito di cittadinanza di importo inferiore a 1.000 euro, non verrà erogata l’indennità COVID-19, ma verrà riconosciuto un incremento del Reddito di cittadinanza di cui sono titolari fino all’ammontare di 1.000 euro”.

Potrebbero interessarti:

  1. Pagamento Cig novembre: prime date di accredito

  2. Reddito di cittadinanza novembre: pagamento da oggi

  3. Calcolo bollo auto: kilowatt e classi. Cosa dovete sapere

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp