Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Edilizia » Sostenibilità / Bonus 110% infissi e pompa di calore

Bonus 110% infissi e pompa di calore

Bonus 110% per infissi e pompa di calore: è ancora possibile accedere a questa detrazione fiscale? Ecco le novità e tutto ciò che c'è da sapere.

di Carmine Roca

Gennaio 2024

Oggi vi parliamo di Bonus 110% per infissi e pompa di calore: è ancora possibile godere di questa agevolazione fiscale? (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus 110% per infissi e pompa di calore: è ancora possibile?

Iniziamo col dire che il Superbonus 110% esiste soltanto (e fino al 2025) per gli interventi realizzati su immobili situati nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici a partire dal 1° aprile 2009 e dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Nel 2023, la percentuale di detrazione è scesa al 90%, mentre per i lavori iniziati dal 1° gennaio 2024, la detrazione è stata ulteriormente tagliata fino al 70% per i condomini (le villette non hanno più accesso al Superbonus, a prescindere dalla percentuale di detrazione fiscale).

La detrazione del 70% viene recuperata in 4 anni; confermata l’assenza di sconto in fattura o cessione del credito (rimangono validi soltanto per i lavori iniziati prima del 17 febbraio 2023).

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Sostituzione infissi e Bonus: è sempre possibile?

Ma per la sola sostituzione degli infissi è possibile, comunque, usufruire del Superbonus, a prescindere dalla percentuale di detrazione fiscale? La risposta è no, non è possibile.

Chi vuole sostituire gli infissi deve sapere che per avere accesso al Superbonus la sola sostituzione non è sufficiente, ma va intesa come intervento secondario (o trainato) o va abbinata ad almeno uno degli interventi primari (o trainanti), come:

Inoltre, è possibile ottenere l’agevolazione fiscale, come visto in precedenza, soltanto se la sostituzione degli infissi avviene in un condominio o in una casa indipendente, esistente e non in costruzione, indicata come prima abitazione.

In questo caso, possono usufruirne soltanto le persone fisiche, ma non le attività commerciali, tranne se non siano inseriti in condomini. Anche gli Istituti Autonomi Case Popolari (IACP), le onlus, le cooperative di abitazione o le società sportive dilettantistiche possono fare domanda per ottenere la detrazione fiscale.

Bonus 110% per infissi e pompa di calore
Bonus 110% per infissi e pompa di calore: in foto due bambini e un cane davanti a una finestra.

Faq sul Bonus infissi

Cos’è il Bonus infissi?

Il Bonus infissi è una delle agevolazioni fiscali introdotte dai governi che permette di beneficiare di detrazioni fiscali sulle spese effettuate per la sostituzione di infissi e finestre, per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Il Bonus infissi rientra nel Bonus barriere architettoniche, nel Superbonus, nel Bonus ristrutturazione e nell’Ecobonus, con diverse percentuali di detrazione.

Occorrono permessi per sostituire gli infissi?

Iniziamo subito col dire che per la sostituzione di infissi e serramenti non occorre richiedere permessi o autorizzazioni al Comune di residenza, poiché si tratta di interventi di edilizia libera. A chiarirlo è il Glossario per l’edilizia libera ed ANFIT (Associazione Nazionale per la Tutela della Finestra Made in Italy), attraverso il decreto ministeriale pubblicato il 2 marzo 2018.

Come ottenere la detrazione fiscale del Bonus infissi?

Per ottenere il Bonus infissi e beneficiare della detrazione fiscale, infatti, è fondamentale effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o postale. Nel bonifico, dovrai indicare la causale del versamento, specificando la legge di riferimento (Legge 296/06 e successive modifiche) e il motivo legato al risparmio energetico. Inoltre, è importante inserire nel bonifico il tuo codice fiscale o quello di chi deve usufruire delle detrazioni.

Il Bonus infissi copre anche le spese per le persiane?

Si, il Bonus infissi copre anche le spese per l’acquisto o la sostituzione delle persiane. Ma il suo obiettivo principale è incentivare la sostituzione delle finestre con infissi più efficienti dal punto di vista energetico.

Il Bonus finestre è disponibile per le persone disabili?

Assolutamente sì, il Bonus infissi è disponibile anche per le persone con disabilità, sia se realizzato come lavoro trainante del Superbonus sia con il Bonus barriere architettoniche. Non ci sono restrizioni legate alla condizione fisica o alla disabilità per beneficiare di questo incentivo.

Posso richiedere il Bonus finestre per una seconda casa?

Sì, è possibile richiedere il Bonus infissi anche per una seconda casa. Le detrazioni fiscali previste dal Bonus finestre non sono limitate esclusivamente alla residenza principale, ma possono essere applicate anche ad altre abitazioni di proprietà, come le seconde case.

È possibile sfruttare il Bonus infissi anche per i locali commerciali?

La risposta è affermativa. Per la ristrutturazione di locali commerciali è possibile usufruire del Bonus per il risparmio energetico, come la sostituzione degli infissi o degli impianti, per una detrazione fiscale pari al 50%.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp