Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per Partite Iva » Lavoro » Pensioni » Reddito di cittadinanza / Bonus 150 euro: le istruzioni di pagamento dell’INPS

Bonus 150 euro: le istruzioni di pagamento dell’INPS

Bonus 150 euro, tutti gli aggiornamenti sui pagamenti dell'ultima circolare dell'INPS.

di Sara Fannino

Ottobre 2022

Bonus 150 euro, ormai mancano poche settimane, dopodiché inizierà ad arrivare nelle tasche degli italiani. Come facciamo a saperlo? Semplice, perché INPS ha pubblicato di recente una circolare con le indicazioni riguardanti proprio i pagamenti del sostegno (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice:

Bonsu 150 euro, un breve ripasso

Prima di partire con la lista dei pagamenti facciamo un piccolo ripasso su cos’è questa indennità. Si tratta dell’ennesimo aiuto elargito ai cittadini dal governo per affrontare il caro vita e la crisi energetica. Purtroppo, infatti, i prezzi sono aumentati, raggiungendo livelli mai visti prima, e stanno continuando a gonfiarsi.

Leggi anche: Bonus 150 euro: come sarà il modello per dipendenti? Esempi

Insomma, per far fronte a questa emergenza, dato che in Italia nonostante l’inflazione all’8% pensioni e stipendi sono rimasti invariati rispetto a quanto accaduto in altri paesi d’Europa, il Governo ha deciso di inserire tre indennità una tantum: una a maggio, una ad agosto e l’ultima a settembre.

La differenza sostanziale tra le prime due indennità e l’altra non riguarda solo l’importo, ma anche i redditi di riferimento: mentre i bonus 200 euro consideravano 35 mila euro lordi nel 2021, l’ultimo sussidio contro il caro vita si rivolge unicamente a chi ha redditi entro i 20 mila euro nel medesimo periodo 2021.

Leggi anche: Bonus 150 euro ai dipendenti: esclusi e chi deve restituirlo

Andiamo subito a scoprire cosa ha riportato INPS nella sua ultima circolare in merito ai pagamenti del bonus 150 euro. Su TheWam.net abbiamo spiegato come funzionerà il pagamento dei 150 euro per chi non ha ancora ricevuto i 200 euro.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=83HUEXZYVns&w=560&h=315]

Bonus 150 euro, gli ultimi aggiornamenti INPS

Il bonus 150 euro del decreto-legge aiuti -ter arriverà già da novembre, ma non a tutti. L’istituto di previdenza sociale ha pubblicato, nella circolare 116 dello scorso 17 ottobre, le istruzioni relative ai versamenti dell’indennità.

CategoriaRichiestaCome e quando viene erogato
Lavoratori dipendentiNo, ma autodichiarazione al datore di lavoroDirettamente nella busta paga di competenza novembre
PensionatiNoErogazione INPS nel cedolino di novembre
Reddito di cittadinanzaNoErogazione INPS dopo la ricarica ordinaria di fine mese, ma possibile versamento a flussi anche a dicembre
Lavoratori Autonomi e Liberi ProfessionistiSì, sul portale My INPS con SPID, CIE o CNSErogazione INPS, si pensa tra la fine del mese di ottobre e l’inizio di novembre in ordine cronologico tenendo conto della data di presentazione della domanda, ma non si esclude un pagamento a dicembre
Lavoratori domesticiNo, arriva in automatico se hanno percepito il bonus 200 euroPagamento INPS a novembre
Lavoratori stagionali, intermittenti e con un contratto a tempo determinato con 50 giornate lavorative nel 2021Sì, sul portale My INPS con SPID, CIE o CNSErogazione automatica INPS nel mese di novembre
Lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo con almeno 50 contributi giornalieri versati nel 2021Sì, sul portale My INPS con SPID, CIE o CNSErogazione automatica INPS nel mese di novembre
Percettori di Ex indennità Covid-19 nel 2021, quali i bonus 2.400 e 1.600 dei decreti sostegniSì, sul portale My INPS con SPID, CIE o CNSErogazione automatica INPS nel mese di novembre
Titolari di indennità di disoccupazione, come Naspi, Dis-Colle disoccupazione agricolaNoErogazione automatica INPS nel mese di novembre
Collaboratori sportiviNoErogazione in automatico da parte della società Sport e Salute S.p.A.
Co.Co.Co.Sì, sul portale My INPS con SPID, CIE o CNSErogazione automatica INPS nel mese di novembre
Dottorandi e agli assegnisti di ricercaNoErogazione automatica nella busta paga di novembre
bonus 150 euro pagamenti
bonus 150 euro pagamenti Inps

Bonus 150 euro, due precisazioni

Ricordiamo che il bonus 150 euro per lavoratori autonomi e liberi professionisti arriverà, solo per chi rispetta i requisiti reddituali, insieme al bonus 200 euro una tantum del DL n. 50 dello scorso 17 maggio 2022. Nello specifico:

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Dall’altro lato, i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato avranno il bonus 150 euro nella busta paga di novembre solamente se la retribuzione imponibile dello stesso mese non supererà i 1.538 euro. Mentre i lavoratori della pubblica amministrazione riceveranno l’accredito in automatico, i lavoratori del settore privato dovranno consegnare un’autodichiarazione al datore di lavoro in cui si attesti di non aver già beneficiato del sostegno ad altro titolo o, in caso di doppio rapporto di lavoro, da un altro datore di lavoro.

Leggi anche: Chi prende il bonus 150 euro a gennaio? I “più a rischio”

Infine, il bonus 150 euro è rivolto a tutti i lavoratori eccetto una categoria, come specifica INPS nella suddetta circolare:

“Si evidenzia che l’erogazione della indennità, ai sensi dell’articolo 18 in esame, per il tramite dei datori di lavoro è esclusa per gli operai agricoli a tempo determinato, considerato che l’istituto della compensazione delle anticipazioni delle prestazioni temporanee non è previsto per tali lavoratori a tempo determinato.”

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp