Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Pensioni / Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: che fare?

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: che fare?

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione a novembre: perché è successo e cosa fare per risolvere il problema? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Novembre 2022

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: cosa fare? Quali sono le soluzioni da adottare? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Bonus 150 euro: a chi spetta e quando?

Il Bonus 150 euro spetta, tra gli altri, ai pensionati che rispettano determinati parametri imposti dalla legge.

Inserito nel Decreto Aiuti ter, il sussidio una tantum, che segue quello da 200 euro erogato ai pensionati nel mese di luglio, il Bonus 150 viene pagato in automatico con la pensione di novembre.

A chi spetta? Potranno beneficiare della misura economica i pensionati con decorrenza al 1° ottobre 2022, residenti in Italia, che hanno dichiarato un reddito personale annuo, nel 2021, non superiore a 20.000 euro.

Rispettando questi parametri, il pensionato vedrà aggiunto il Bonus 150 euro nel cedolino della pensione di novembre. Ricordiamo che il pagamento in contanti scatterà oggi, 3 novembre, mentre l’accredito della mensilità sui libretti postali e bancari, sul conto Banco Posta e sulle Poste Pay Evolution è avvenuto ieri, 2 novembre.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Ma può anche capitare che, nonostante si rispettino tutti i requisiti indicati dal Governo, il Bonus 150 euro non venga erogato. Che fare in caso di Bonus 150 euro non pagato sulla pensione? Ne parliamo nei prossimi paragrafi.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: perché?

Abbiamo già affrontato il problema del mancato pagamento del Bonus 200 euro sulla pensione. In questo articolo andremo a vedere per quale motivo il Bonus 150 euro non viene pagato, nonostante se ne abbia diritto.

In prima battuta vi chiediamo di pazientare qualche giorno. L’INPS può erogare alcune prestazioni in notevole ritardo sulla tabella di marcia, come nel caso dei trattamenti pensionistici.

Già è accaduto che, nonostante tutti i requisiti in regola, i pensionati non abbiamo ricevuto il Bonus 200 euro compreso nella pensione erogata a luglio. Alcuni beneficiari titolari di trattamenti previdenziali e assistenziali hanno dovuto attendere agosto per ricevere il Bonus 200 euro.

Leggi anche: ecco quando arriva il Bonus 200 euro a novembre.

Di conseguenza, possiamo dirvi che potreste ricevere il Bonus 150 a dicembre o a gennaio, poiché l’INPS potrebbe procedere per flussi e non pagare tutti lo stesso mese.

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione. Un altro motivo per cui il sussidio potrebbe non essere erogato è perché, forse, avendolo già ricevuto, lo state aspettando su un’altra prestazione previdenziale di cui siete titolari.

Vi ricordiamo che, se siete titolari di due trattamenti previdenziali, il Bonus 150 euro spetta solo su una delle due pensioni e non su entrambe. Quindi se siete titolari di pensione di vecchiaia e pensione di reversibilità, il Bonus 150 euro spetta solo sulla prima prestazione.

Inoltre, verificate con attenzione come è stato calcolato il reddito 2021 (non superiore a 20.000 euro): potrebbero esserci stati dei problemi di calcolo e l’INPS abbia bloccato l’erogazione.

Leggi anche: chi è escluso dall’erogazione del Bonus 150 euro.

Bonus 150 euro non pagato
Bonus 150 euro non pagato: perché e cosa fare?

Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: che fare?

Se non volete attendere qualche giorno, che fare se il Bonus 150 euro non pagato sulla pensione? Potreste, ad esempio, chiedere informazioni contattando l’INPS chiamando il numero verde 803 164 da rete fissa (gratuito) o lo 06 164 164 da rete mobile, a pagamento.

Contattare l’INPS se il Bonus 150 euro non pagato sulla pensione può risultare molto importante, perché il sussidio potrebbe non essere stato pagato non per ritardi dell’istituto, ma per altri motivi.

Leggi anche: Bonus 150 euro e 200 euro alle badanti, ecco come averli.

In ogni caso, l’istituto ha messo a disposizione dei pensionati una sezione a cui si potrà accedere, tramite credenziali personali (SPID, CIE, CNS), per effettuare delle verifiche. La sezione si chiama “verifiche bonus decreto aiuti 2022” e permette di verificare l’esito della valutazione svolta dall’INPS.

Se l’accredito è saltato, l’INPS fornirà comunque tutte le motivazioni del caso. Potrebbe essere necessario procedere alla ricostituzione reddituale, inviando all’istituto tutta la documentazione necessaria per sbloccare la pratica. Una volta risolta la problematica si potrà procedere all’erogazione del sussidio una tantum.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp