Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Pensioni / Caos bonus 150 euro, tanti pensionati senza pagamenti

Caos bonus 150 euro, tanti pensionati senza pagamenti

Bonus 150 euro, molti pensionati ci segnalano che non l'hanno ricevuto sul trattamento pensionistico di novembre. Ecco le motivazioni e cosa fare.

di Sara Fannino

Novembre 2022

Le pensioni relative al mese di novembre sono già state corrisposte per la maggior parte, mancano solo gli ultimi dell’elenco alfabetico che devono ritirare i trattamenti presso gli uffici postali. Nonostante le erogazioni procedano alla svelta, come di consueto, sono sorti dei problemi per il nuovo bonus 150 euro. Andiamo a scoprire di cosa stiamo parlando (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice:

Le pensioni di novembre arrivano, ma il bonus 150 euro che fine ha fatto?

Le pensioni di novembre sono arrivate per tutti coloro che le attendevano sui conti correnti e sui libretti postali, lo scorso 2 novembre e Poste Italiane sta continuando ad elargire il pagamento a coloro che devono riscuotere il proprio trattamento pensionistico direttamente negli uffici delle poste.

Ma nel frattempo è sorto un problema: in molti non si sono visti accreditare il bonus una tantum di 150 euro. Prima di scoprire il motivo di questo mancato pagamento ricordiamo che questo è un sussidio economico introdotto dall’esecutivo Draghi per la bellezza di 22 milioni di italiani.

L’indennità una tantum è stata inserita nel decreto legge aiuti ter, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 23 settembre 2022, in cui sono stati stanziati, solo per il bonus 150 euro, ben 3,2 miliardi di euro. Questo sostegno, però, a differenza delle due indennità precedenti ha abbassato il tetto massimo del reddito, portandolo da 35 mila euro a 20 mila euro.  

Leggi anche: Bonus 150 euro non pagato sulla pensione: che fare?

Secondo quanto stabilito dall’ultimo decreto aiuti ter, la nuova indennità una tantum contro il caro bollette deve essere corrisposta in maniera automatica, da parte dell’istituto previdenziale Inps, a tutti i pensionati in possesso dei requisiti necessari nel mese corrente. I requisiti in questione sono i seguenti:

Nello specifico, sono stati stanziati ben 1,24 miliardi di euro per l’anno 2022 e la platea interessata è di 8,3 milioni di persone. Ma vendiamo a noi, come mai il bonus 150 euro non è arrivato a tutti? Andiamo a scoprirlo insieme.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=wUPQjH4xXJQ&w=560&h=315]

Bonus 150 euro non ricevuto sulla pensione, tre motivazioni

Il bonus 150 euro, partito all’inizio del mese corrente, non è stato corrisposto ad alcuni pensionati, perché? Scopriamo insieme le tre motivazioni plausibili per il ritardo degli accrediti o per il mancato pagamento della prestazione.

Leggi anche: Due bonus 200 euro con due pensioni?

Innanzitutto, possiamo tranquillizzare alcuni nostri lettori affermando che il bonus 150 euro è in ritardo. O meglio, Inps è in ritardo con gli accrediti. Lo stesso problema si è verificato a luglio con i versamenti del bonus 200 euro. Molti cittadini, infatti, attendevano di ricevere il sostegno già all’inizio del mese, ma poi il pagamento è stato corrisposto loro dopo giorni, o addirittura nei mesi dopo, ad agosto o settembre.

Leggi anche: Niente bonus 150 euro sulla pensione: perché?

È probabile, dunque, che se il sostegno una tantum contro il caro vita non vi sarà accreditato entro qualche giorno, vi arriverà nel mese di dicembre o addirittura a gennaio 2023.

La seconda motivazione, invece, riguarda coloro che sono titolari di più trattamenti previdenziali differenti e hanno già ricevuto il bonus 150 euro su un trattamento, ma lo attendono ancora sull’altro. Ricordiamo che Inps effettua il pagamento una sola volta per il sostegno e che anche ai titolari di due prestazioni differenti potrà arrivare una sola indennità.

Se, per errore, i 150 euro dovessero arrivare due volte allo stesso soggetto, Inps provvederebbe subito alla riscossione delle somme erogate in maniera indebita.

Leggi anche: Tredicesima sulla pensione cancellata dall’inflazione

La terza e ultima motivazione, infine, riguarda le false aspettative. In che senso? Molti pensionati che stanno attendendo il sussidio economico non ne hanno diritto. Alcuni, infatti, credono che avendo beneficiato del bonus 200 euro riceveranno in automatico quello da 150 euro.

Purtroppo, però, non funziona così, perché come abbiamo detto in precedenza, la soglia del reddito è stata abbassata e molti che aspettano l’accredito sono titolari di redditi che superano i 20 mila euro e, pertanto, non possono averlo.

Andiamo, ora, a vedere cosa fare se, pur avendone diritto, l’indennità una tantum da 150 euro non arriva.

Leggi anche: Quando arriva la carta acquisti a novembre? Date attese

bonus 150
bonus 150 perchè non arriva sulle pensioni

Bonus 150 euro non arriva? Che fare

Se il bonus 150 euro non vi è arrivato ma siete in possesso dei requisiti necessari e dunque ne avete diritto, allora potete:

Leggi anche: Aumento pensione con arretrati in arrivo: quando e per chi

In questo modo, potrete chiedere spiegazioni direttamente all’istituto su eventuali ritardi o mancati pagamenti e la risposta, a secondo del metodo di contatto scelto, vi sarà fornita in tempi più o meno brevi.

 Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp