Bonus 200 euro a chi è senza lavoro: chi lo riceve a ottobre

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro, ecco quando arriva a chi viene corrisposto e come verificare il pagamento sul fascicolo INPS.

5' di lettura

Il bonus 200 ero è entrato ufficialmente nella sua “seconda fase” e, nel mese di ottobre, dovrebbero essere pagati tutte le indennità per chi ancora non le ha percepite a luglio, agosto e settembre. Nello specifico, in questa breve guida andremo a vedere quando arriva il bonus 200 euro a chi è senza lavoro (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro, ecco i percettori

L’indennità una tantum 200 euro per le persone che non hanno un lavoro è stata introdotta nel decreto-legge aiuti, il n. 50 dello scorso 17 maggio 2022. Oltre che queste categorie di beneficiari, all’art. n. 32 del decreto erano stati inseriti anche:

  • pensionati;
  • lavoratori domestici;
  • percettori di reddito di cittadinanza;
  • ex titolari di indennità Covid-19;
  • lavoratori dipendenti e autonomi.

La prima fase dei pagamenti effettuati dall’INPS ha interessato le categorie di pensionati già titolari di assegni pensionistici al 30 giugno 2022, i percettori di Rdc e Pdc e i lavoratori domestici, che avevano tempo fino allo scorso venerdì per richiedere il sostegno online.

In proposito leggi perché non è visibile il pagamento del bonus 200 euro sull’Rdc di agosto, come funziona per il prelievo dei 200 euro sul reddito di cittadinanza e quali sono le prossime date di pagamento del bonus 200 euro su Rdc. Leggi anche se il bonus 200 euro su Rdc va speso tutto e come funziona per la possibilità di risparmiarlo.

I lavoratori dipendenti hanno ricevuto l’indennità una tantum caro bollette nel mese di luglio, sulle buste paga, quelli del settore privato previa autodichiarazione rilasciata al proprio datore di lavoro, mentre quelli del settore pubblico attraverso un incrocio dei dati tra INPS e il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Ma cosa si intende con “Bonus 200 euro a chi è senza lavoro”? Semplice, intendiamo tutti quei cittadini che risultano essere titolari di un trattamento previdenziale tra Naspi, Dis-Coll e Disoccupazione Agricola. Andiamo a vedere quando arriverà l’indennità una tantum per questi soggetti.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro, quando arriva

Come abbiamo detto poc’anzi, il bonus 200 euro spetterà ad ottobre a chi non ha un lavoro e percepisce un sostegno tra Naspi, Dis-Coll che abbiano almeno la decorrenza nel mese di giugno, oppure la disoccupazione agricola nel 2021.

Ma quando arriva il bonus 200 euro a chi è senza lavoro? Una risposta precisa non c’è perché l’Istituto per la Previdenza Sociale effettua gli accrediti delle prestazioni per flussi, dunque, non c’è una sola data standard.

È possibile che l’accredito del bonus 200 euro a chi è senza lavoro venga fatto dopo uno o due giorni dalla data di pagamento della prestazione in questione, ma c’è anche una seconda ipotesi, secondo cui il pagamento dell’indennità 200 euro e dell’indennità di disoccupazione vengano fatti insieme.

Leggi il calendario con i prossimi pagamenti del bonus 200 euro, chi riceverà il contributo da 200 euro ad agosto 2022 e come sono cambiate le date di pagamento del bonus 200 euro dopo la proroga.

Gli esempi sono due:

  • ai titolari di pensione l’accredito dei 200 euro una tantum è stato effettuato insieme alla pensione;
  • ai titolari di Reddito di Cittadinanza, il sussidio economico una tantum, invece, è arrivato uno o due giorni dopo la ricarica ordinaria.

Insomma, per avere la certezza della data e delle modalità di accredito del sussidio una tantum, occorre tenere monitorati i propri fascicoli previdenziali online, utilizzando le identità digitali fra SPID, CIE o CNS.

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro, il caso del Reddito di Cittadinanza

È poco probabile che nel mese di ottobre arrivi un’altra tranche dei pagamenti del Reddito di Cittadinanza con l’indennità una tantum 200 euro, poiché INPS ha già corrisposto il bonus nei mesi di:

  • luglio
  • agosto
  • settembre

Scopri subito come avere il reddito di cittadinanza, quanto tempo ci vuole per i primi pagamenti del reddito di cittadinanza dopo la domanda e quante volte si può fare il rinnovo dell’Rdc

Se non avete ricevuto il sostegno è possibile che all’interno del vostro nucleo familiare ISEE ci sia qualche altro soggetto già beneficiario dell’indennità una tantum ad altro titolo, come ad esempio un pensionato o un lavoratore domestico. Se, però, credete di aver diritto all’indennità poiché non compaiono altri percettori del sostegno nel nucleo e perché siete in linea con i requisiti, vi consigliamo di contattare l’INPS:

  • telematicamente, via mail o PEC;
  • telefonicamente al numero 803 164 da fisso o 06 164 164 da cellulare;
  • tramite Inps per la Famiglia sui social;
  • oppure di prendere un appuntamento presso una delle sedi territoriali.

L’INPS vi fornirà tutte le informazioni necessarie sul perché non avete ancora ricevuto il bonus 200 a chi non lavora e, qualora ne abbiate diritto, sbloccherà i pagamenti.

bonus 200 euro a chi è senza lavoro
bonus 200 euro a chi è senza lavoro

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro, arriva il bonus 150 euro

Non solo il bonus 200 euro a chi è senza lavoro, ma con il decreto-legge aiuti ter sta per arrivare il nuovo bonus 150 euro. Si tratta di un altro sostegno una tantum che viene corrisposto a tutte le categorie che hanno già beneficiato del sussidio 200 euro.

Attenzione, però, perché i requisiti non sono rimasti invariati, anzi. Il limite reddituale di 35 mila euro lordi nel 2021 è stato abbassato notevolmente, fino a toccare i 20 mila euro lordi. Insomma, il nuovo bonus una tantum del valore di 150 euro potrà essere corrisposto unicamente a chi si trova in particolari condizioni di disagio economico.

Tra i percettori appaiono anche quelli del bonus 200 euro a chi non lavora, dunque chi riceve la Naspi, la Dis-Coll e la disoccupazione agricola, purché abbia sempre redditi non superiori a 20 mila euro.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Infine, ricordiamo che il bonus 200 euro verrà corrisposto ad ottobre, oltre che ai disoccupati, anche a:

  • neopensionati;
  • dottorandi e assegnisti di ricerca;
  • collaboratori sportivi;
  • ex percettori di indennità covid;
  • e (forse) ai lavoratori autonomi e liberi professionisti che hanno inoltrato la domanda.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie