Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Contributi per Partite Iva / Bonus 200 euro agli autonomi: pagamenti vicini

Bonus 200 euro agli autonomi: pagamenti vicini

Bonus 200 euro agli autonomi, ecco le ultime novità sui pagamenti dell'indennità una tantum per lavoratori autonomi e liberi professionisti.

di Sara Fannino

Novembre 2022

Bonus 200 euro agli autonomi: andiamo subito a scoprire le ultime novità sui pagamenti per lavoratori autonomi e liberi professionisti (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Bonus 200 euro agli autonomi, le novità sui pagamenti

Prima di parlare del bonus 200 euro agli autonomi ricordiamo che, in questi giorni, stanno arrivando numerose ricariche relative al bonus 200 euro una tantum. Si tratta di accrediti riguardanti i due Decreti Aiuti uno e Aiut bis, nello specifico per:

Ricordiamo che in molti, come ad esempio gli autonomi senza partita iva o i lavoratori del settore dello spettacolo, dovevano inviare la domanda all’INPS entro e non oltre il 31 ottobre 2022 per percepire il sussidio economico.

Chi non è riuscito a rispettare la scadenza non potrà ottenere il sostegno. Non dovevano presentare la domanda i percettori di Naspi, DIs-Coll e Disoccupazione Agricola.

I bonus 200 euro per i disoccupati sono partiti alla fine del mese di ottobre e stanno continuando ad arrivare anche in questi giorni. In particolare, abbiamo date di accredito per il 3 e 4 novembre, oltre che per il 7 novembre. Per i Co.co.co, invece, le lavorazioni dei pagamenti del bonus 200 euro sono partite lo scorso 29 ottobre 2022.

Cosa vuol dire? Semplice, che per i co.co.co. la data è prossima: questi dovranno attendere ancora 5-10 giorni e poi riceveranno il bonus una tantum.

Leggi anche: Bonus 200 euro ai lavoratori agricoli: nuova data a novembre

A fine mese, invece, si pensa che possa arrivare anche il bonus 200 euro per tutti i percettori di reddito e pensione di cittadinanza che non l’hanno ancora ricevuto.

In questo caso, l’INPS ha spiegato che gli accrediti verranno effettuati “nei prossimi mesi”, ma non ha specificato quando. Ecco perché pensiamo alla fine del mese di novembre o, al massimo, al mese di dicembre.

Ma veniamo a noi, quando arriva il bonus 200 euro agli autonomi? Scopriamolo insieme.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 200 euro agli autonomi, una storia complicata

Il bonus 200 euro agli autonomi è stato inserito nel Decreto Aiuti, ma lavoratori autonomi e liberi professionisti, a differenza degli altri percettori del sostegno, hanno avuto un po’ più di problemi.

L’indennità una tantum contro il caro vita per questa categoria doveva essere regolamentata con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo, entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto aiuti uno.

Nonostante la scadenza fissata al 18 giugno, però, il decreto attuativo è stato sottoscritto solamente nel mese di agosto, con oltre due mesi di ritardo, e le domande si sono fatte attendere un altro mese.

In poche parole, tutti coloro che sono in possesso di una partita iva e che avevano i requisiti necessari per richiedere il sostegno sono rimasti in attesa di notizie per oltre tre mesi, poi, il 26 settembre alle 12.00 è stata aperta ufficialmente la procedura per poter richiedere il sostegno una tantum all’INPS o alle Casse di Previdenza.

A differenza degli altri percettori, però, i lavoratori autonomi e liberi professionisti potranno inoltrare una sola domanda per richiedere il bonus 200 euro e, in aggiunta, se rispettano tutti i requisiti necessari, anche per il bonus 150 euro.

Ricordiamo brevemente che il bonus 200 euro agli autonomi viene corrisposto unicamente a chi ha una partita Iva attiva al 18 maggio 2022 e ha redditi non superiori a 35.000 euro, mentre il bonus 150 euro può essere richiesto solamente da chi ha redditi che non superino i 20.000 euro.

Leggi anche: Ecco che fare se l’azienda non paga i 150 euro

La domanda per ottenere il bonus 200 euro agli autonomi più il bonus 150 euro, si può presentare online sul sito INPS ed è una sorta di autodichiarazione, in cui si attesta di non aver già ricevuto il sostegno ad altro titolo, di avere una partita iva attiva e in linea con l’attività svolta, e di avere redditi non superiori a 35.000 o 20.000 euro.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Ma quando arriva il bonus 200 euro agli autonomi? Scopriamolo insieme.

bonus 200 euro agli autonomi
Bonus 200 euro agli autonomi: ecco quando arriveranno.

Bonus 200 euro agli autonomi, ecco quando dovrebbe arrivare il pagamento

Come abbiamo detto nel paragrafo precedente, le domande per il bonus 200 euro agli autonomi sono state aperte solamente il 26 settembre 2022 e per inoltrare la richiesta ci sarà tempo fino al 30 novembre 2022. Nonostante in molti abbiano già inviato la richiesta sul portale dell’INPS con l’apertura del portale, ancora oggi non si sa nulla riguardo gli accrediti della prestazione.

Le ipotesi in campo sono due:

Leggi anche: Bonus 200 euro dall’8 novembre: ecco per chi

Il bonus 200 euro agli autonomi senza partita iva, invece, verrà corrisposto in questi giorni, poiché tale categoria ha avuto la possibilità di inoltrare la domanda all’INPS da luglio fino al 31 ottobre scorso e, come per i co.co.co. e i disoccupati, gli accrediti arriveranno proprio in questi giorni.

Per verificare quando arriverà la ricarica vi consigliamo di tenere monitorato il vostro fascicolo previdenziale online, effettuando l’accesso con SPID, CIE o CNS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp