Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus 200 euro da restituire a ottobre? Chi rischia

Bonus 200 euro da restituire a ottobre? Chi rischia

Settembre è quasi al termine e si avvicinano le scadenze per il bonus 200 euro da restituire per alcune categorie.

di Chiara Del Monaco

Settembre 2022

Siamo vicini alla metà del mese e si avvicinano allo stesso modo anche alcune scadenze importanti. Tra queste, la presentazione del 730 che potrebbe svelare una verità poco piacevole: bonus 200 euro da restituire a ottobre (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Bonus 200 euro da restituire: chi rischia e perché?

Come sappiamo, il requisito principale per avere diritto al bonus 200 euro introdotto dal decreto legge 50/2022 (meglio noto come Decreto Aiuti) è avere un reddito complessivo relativo al 2021 non superiore a 35mila euro.

Sono esclusi dal calcolo del reddito i trattamenti di fine rapporto comunque denominati, il reddito della casa di abitazione e le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.

Se si supera questa soglia, ci sono due possibilità: o non viene pagata indennità oppure il bonus 200 euro da restituire. Ed è proprio su quest’ultima ipotesi che ci concentriamo oggi.

In particolare, il bonus 200 euro da restituire è un rischio soprattutto per i pensionati, che hanno ricevuto il contributo in automatico e sono rientrati nella platea provvisoria di destinatari grazie ai dati in possesso dell’INPS.

Tuttavia, visto che il 30 settembre 2022 scade il termine per presentare il modello 730, ossia la dichiarazione dei redditi, l’Istituto potrà incrociare i dati già a disposizione con quelli forniti dall’Agenzia delle Entrate in merito al 2021 e verificare se il bonus una tantum sia stato erogato regolarmente oppure in maniera indebita, per mancanza dei requisiti di reddito.

Se da questa verifica ex post risulta un pagamento non dovuto, il bonus 200 euro da restituire.

In base alla circolare dell’INPS 73/2022, i 200 euro percepiti indebitamente ed erogati dall’Istituto dovranno essere restituiti entro l’anno successivo a quello di acquisizione delle informazioni reddituali, e quindi entro il 2022.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 200 euro da restituire: chi è “fuori pericolo”

La data del 30 settembre 2022 rappresenta solo il primo appuntamento per verificare l’erogazione regolare o indebita del bonus 200 euro ai pensionati.

Tuttavia, il bonus 200 euro da restituire è un rischio anche per i pensionati che dovranno presentare la dichiarazione dei redditi entro il 30 novembre 2022. In questo caso, si tratta dei pensionati titolari di redditi da lavoro autonomo assoggettabili ad IRPEF.

Nella platea di pensionati italiani, però, non tutti corrono il rischio di restituzione bonus 200 euro. In particolare, sono da considerarsi “fuori pericolo” coloro che hanno percepito esclusivamente redditi già presi in esame dall’INPS per il pagamento provvisorio.

Nello specifico, stiamo parlando dei seguenti redditi:

Leggi perché non è visibile il pagamento del bonus 200 euro sull’Rdc di agosto, come funziona per il prelievo dei 200 euro sul reddito di cittadinanza e quali sono le prossime date di pagamento del bonus 200 euro su Rdc. Leggi anche se il bonus 200 euro su Rdc va speso tutto e come funziona per la possibilità di risparmiarlo.

Bonus 200 euro da restituire: altri casi di rischio restituzione

Finora abbiamo parlato solo dei pensionati che potrebbero restituire il contributo una tantum. Tuttavia, questi non sono l’unica categoria che rischia il bonus 200 euro da restituire.

In particolare, sempre secondo la circolare INPS menzionata nel paragrafo precedente, la restituzione bonus 200 euro avviene dopo che sia stata accertata la mancanza dei requisiti previsti, e cioè quando:

Bonus 200 euro da restituire a ottobre: per chi

Bonus 200 euro da restituire: come fare

Ora che abbiamo la conferma che il bonus 200 euro da restituire per alcuni pensionati dopo la presentazione del 730, ti starai chiedendo quali saranno le modalità di restituzione.

Dunque, fatta eccezione per i lavoratori dipendenti, per restituire l’indennità nel caso di tutte le altre categorie destinatarie, l’INPS effettuerà una notifica di pagamento indebito ai soggetti interessati e poi definirà la modalità di restituzione, che può essere una di queste:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp