Bonus 200 euro, ecco chi l’avrà a ottobre

Bonus 200 euro, ecco chi l'avrà a ottobre: per alcune categorie l'indennità sarà versata in autunno, vediamo chi riguarda. Altri lo avranno accreditato sullo stipendio di giugno che riceveranno a luglio, altri ancora direttamente sul cedolino del prossimo mese. Non si conoscono ancora le modalità di pagamento per autonomi e professionisti.

4' di lettura

Bonus 200 euro, ecco chi l’avrà a ottobre e non lo riceverà dunque come altri nella busta paga o nella pensione di luglio. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Le tempistiche per l’erogazione del bonus 200 euro sono state chiarite dall’Inps nel messaggio numero 2505 del 2022.

Bonus 200 euro per 30 milioni di italiani

La misura riguarda più di 30 milioni di italiani, il governo l’ha varata per cercare di attenuare gli effetti dell’inflazioni e salvaguardare, almeno in parte, il potere di acquisto dei cittadini.

Per i dipendenti, i pensionati e gli autonomi il bonus 200 euro sarà erogato a luglio. In alcuni casi è stato inserito nella retribuzione di giugno versata a luglio.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Chi lo avrà a ottobre

La riceveranno invece solo a ottobre i titolari di Naspi, Dis-coll, disoccupazione agricola, i lavoratori che hanno ricevuto l’indennità Covid e altre categorie di lavoratori che dovranno presentare la domanda. Tra loro anche i collaboratori stagionali.

È stato fissato un limite per la presentazione della domanda, il 31 ottobre.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Chi lo avrà a giugno

Il bonus 200 euro sarà accreditato sullo stipendio di giugno nella retribuzione di luglio i lavoratori che hanno dei rapporti particolari, come nel caso dei lavoratori con part time ciclico. Ma anche quelli che hanno un contratto nazionale che prevede lo slittamento del pagamento dello stipendio al mese successivo.

Questi dunque i due casi:

  • part time ciclico: il bonus 200 euro sarà inserito nel cedolino di giugno, anche se di fatto la retribuzione sarà corrisposta solo il mese successivo;
  • quando il contratto collettivo nazionale di lavoro prevede il pagamento il mese successivo (in genere entro il 5), il bonus 200 euro sarà inserito nella retribuzione di giugno.

Pubblici e privati

Cambia comunque anche la modalità per la richiesta di erogazione tra le varie categorie di lavoratori (dipendenti, domestici, autonomi, stagionali, del turismo, dello spettacolo, con contratto co.co.co, pensionati, disoccupati e percettori di reddito di cittadinanza). Con una distinzione ulteriore tra dipendenti pubblici e privati.

Vediamo:

  • i dipendenti pubblici sono già inseriti nei sistemi di Inps e ministeri, lo riceveranno quindi in automatico sulla busta paga:
  • i dipendenti privati dovranno compilare un modello dove si dichiara che non riceveranno per due volte l’incentivo (come nel caso di chi ha il reddito di cittadinanza o riceve, oltre allo stipendio, anche una pensione di invalidità).

Questa dichiarazione servirà anche a evitare che per errore un lavoratore non lo riceva affatto. Quel modulo sarà anche utile al datore di lavoro.

Requisiti

Ricordiamo quali sono i requisiti per ricevere il bonus 200 euro:

  • la residenza in Italia;
  • avere un contratto di lavoro o un trattamento pensionistico da previdenza obbligatoria;
  • non avere un reddito superiore a 35mila euro lordi l’anno;
  • per i lavoratori dipendenti, aver già beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,80%.

A ricevere il bonus per intero ci sono anche i lavoratori con contratti part time.

Niente modulo

Non dovranno presentare nulla, ma l’accredito avverrà in automatico, anche i pensionati, i disoccupati che ricevano Napi o Dis-Coll, i beneficiare del reddito di cittadinanza, dell’assegno sociale o di invalidità. Per loro, come per i dipendenti pubblici, i dati saranno incrociati tra Inps e i ministeri.

Più beneficiari in famiglia

Nei nuclei familiari dove ci sono due o più persone che ricevono uno stipendio o la pensione, ognuno riceverà il bonus 200 euro.

Storia diversa nelle famiglie che ricevono il reddito di cittadinanza: in quel caso il bonus 200 euro sarà uno solo, anche se c’è un altro componente che riceve lo stipendio.

Autonomi e professionisti

Rientrano ovviamente tra i beneficiari del bonus 200 euro i lavoratori autonomi, anche quelli con contratti occasionali (ma devono aver versato almeno un contributo mensile nel 2021) e i professionisti che sono iscritti nelle gestioni previdenziali Inps.

Per queste categorie non si conoscono ancora (un ritardo grave, dovevano essere comunicate entro il 17 giugno) le modalità di erogazione del bonus. L’unica certezza è un fondo da 500 milioni.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie