Rdc a novembre 2022: avrò il bonus 200 euro nel 2023?

Scopri a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023, come funziona il contributo una tantum e quando arriva.

Chiara Del Monaco è una linguista e copywriter specializzata in welfare.
Conoscila meglio

6' di lettura

Il Bonus 200 euro è stato introdotto lo scorso maggio ed è destinato anche ad alcuni percettori di Reddito di cittadinanza. In questo approfondimento vediamo nel dettaglio a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Anche se i pagamenti del Bonus 200 euro sono iniziati a luglio 2022, c’è ancora qualcuno che non lo ha ricevuto e aspetta il proprio contributo economico. Allo stesso tempo, però, tra i cittadini stanno emergendo dei dubbi in merito al funzionamento di questo Bonus, per esempio sulla possibilità di riceverlo più di una volta.

Per questo motivo, nei prossimi paragrafi facciamo un po’ di chiarezza, spiegando in particolare a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 e quando è previsto il pagamento.

Ricordiamo che le date di accredito cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Indice

A chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023?

Il Bonus 200 euro è stato introdotto con il Decreto Aiuti (dl 50/2022) a maggio 2022, allo scopo di supportare le famiglie italiane contro il caro energia. I pagamenti sono iniziati lo scorso luglio e si possono considerare quasi del tutto conclusi.

Infatti, sebbene al momento l’INPS stia procedendo con la liquidazione di un altro Bonus una tantum, il Bonus 150 euro, c’è ancora chi è in attesa dei 200 euro. Tra i destinatari di entrambi i contributi economici, ricordiamo per esempio i lavoratori subordinati, i pensionati, gli autonomi e i percettori di Reddito di cittadinanza.

Proprio di recente, un utente che percepisce il Rdc ha condiviso con noi una perplessità, e tramite i commenti sotto ai video YouTube ci ha chiesto: “Ricevevo il Reddito di cittadinanza a novembre 2022, ho diritto ai 200 euro?

La risposta a questa domanda è no. Se un nucleo familiare ha ricevuto i 200 euro lo scorso novembre, non ne ha diritto nel 2023. Il motivo è che secondo il Decreto Aiuti, questo è un Bonus una tantum, e cioè che spetta una sola volta. Di conseguenza, chi ha già percepito il contributo nei mesi scorsi non lo riceverà un’altra volta.

A tale proposito, ricordiamo a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023. In base alla circolare INPS n.73/2022, ne hanno ancora diritto:

  • i nuclei familiari che non hanno già ricevuto i 200 euro nei mesi scorsi, poiché il Bonus spetta una sola volta per nucleo familiare beneficiario di Rdc;
  • i nuclei familiari che hanno ricevuto regolarmente la ricarica del Reddito di cittadinanza riferita a luglio 2022. Quindi, anche se una famiglia ha percepito il Rdc in ritardo, l’importante è che risulti il pagamento della mensilità di luglio 2022. Di conseguenza, il contributo non spetta a chi aveva la sospensione del Reddito di cittadinanza in quel mese;
  • i nuclei familiari in cui c’è non c’è un componente che ha diritto al Bonus 200 euro ad altro titolo, per esempio in qualità di pensionato o lavoratore.

Come per altre prestazioni economiche, anche il Bonus 200 euro funziona in modo leggermente diverso per i percettori di Rdc rispetto agli altri destinatari. Nel prossimo paragrafo vediamo perché.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Nel video di seguito, ecco le ultime novità su Rdc e Pdc di marzo 2023.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

A chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 e come funziona

Nel paragrafo precedente abbiamo chiarito a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 e perché chi ha già ricevuto i 200 euro a novembre 200 non ne ha diritto una seconda volta.

Come dicevamo, rispetto agli altri destinatari il contributo una tantum funziona diversamente per i nuclei percettori di Reddito di cittadinanza, almeno per alcuni aspetti.

Innanzitutto, chi percepisce il Reddito di cittadinanza ha diritto al Bonus una tantum in automatico, quindi senza necessità di fare una domanda. Per questo motivo, i pagamenti per i percettori sono iniziati a luglio 2022, insieme ai titolari di pensione e ai lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato.

Inoltre, a beneficiarne non sono i singoli componenti della famiglia, ma l‘intero nucleo familiare, proprio come succede con il Reddito di cittadinanza. Per questo motivo, se un componente del nucleo familiare ha diritto al Bonus 200 euro ad altro titolo, gli altri membri non ne avranno diritto.

Infine, proprio come per il Rdc e l’Assegno Unico, anche per il Bonus 200 euro vale il limite di prelievo in contanti. A tale proposito, ricordiamo che le famiglie che percepiscono il Reddito di cittadinanza possono ritirare al massimo 210 euro al mese, che diventano 220 in caso di componente con disabilità; mentre i nuclei composti da una sola persona possono prelevare massimo 100 euro al mese.

A chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023: in foto, una banconota da 200 euro.

A chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 e quando arriva

Nei paragrafi precedenti abbiamo visto a chi spetta il Bonus 200 euro su Rdc nel 2023 e come funziona per i percettori di Reddito di cittadinanza rispetto agli altri destinatari.

Una volta confermato che chi ha già ricevuto il Bonus 200 euro non può percepirlo di nuovo, come funziona per chi ancora non lo ha ancora ricevuto?

Nonostante siano passati diversi mesi dall’inizio dei pagamenti, ci sono ancora alcune famiglie che sono in attesa sia del Bonus 200 euro sia del Bonus 150 euro introdotto con il Decreto Aiuti ter.

Per queste persone, i due Bonus una tantum dovrebbero arrivare dopo la ricarica ordinaria del Reddito di cittadinanza, quindi dopo il 27 del mese. Di conseguenza, è possibile che i beneficiari rimanenti lo ricevano entro il 31 marzo 2023. In alternativa, l’accredito arriverà con la ricarica di aprile 2023.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie