Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus 600 euro, 150 euro e 200 euro: requisiti e differenze

Bonus 600 euro, 150 euro e 200 euro: requisiti e differenze

Bonus 600 euro, 150 euro e 200 euro. Scopri cosa sono, quali sono i dettagli, le differenze e i requisiti per riceverli.

di Antonio Dello Iaco

Settembre 2022

Bonus 600 euro, Bonus 150 euro e Bonus 200 euro. Scopriamo insieme in questo articolo quali sono i dettagli dei singoli incentivi (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Nei prossimi paragrafi approfondiremo nel dettaglio anche quali sono i requisiti, i beneficiari e le differenze tra i vari bonus.

INDICE

I dettagli sul bonus 600 euro

Il bonus 600 euro è un’agevolazione concessa dalle aziende ai lavoratori. Entrato in vigore per volontà del governo, questo sussidio già esisteva anche se è stato modificato e il tetto massimo di contributo innalzato.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Ma come funziona? In sostanza tutte le somme versate dal datore di lavoro ai suoi lavoratori sono esentate dal pagamento di contributi sociali e imposte.

I contributi e le tasse a cui fa riferimento il provvedimento, sono quelle inserite nell’articolo 51, comma 3 del testo unico delle imposte sui redditi.

Il bonus 600 euro sarà erogato sotto forma di “rimborsi da parte del datore di lavoro per il pagamento delle bollette dell’acqua, della luce e del gas”.

Chiariamo che i 600 euro sono netti quindi non soggetti a tassazione precedente. Per quanto riguarda il datore di lavoro, i soldi saranno detratti direttamente.

Dai un’occhiata a quali sono i bonus edilizi e i provvedimenti, come la flat tax, che il nuovo governo dovrebbe realizzare e leggi quali sono tutte le prossime date dei pagamenti di settembre 2022.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Le date dell’ASSEGNO UNICO fino al 30 SETTEMBRE

I dettagli del bonus 200 euro

Dopo aver visto cos’è e come funziona il bonus 600 euro, facciamo un breve ripasso sul bonus 200 euro.

Questo sussidio è stato introdotto prima dal decreto aiuti e poi esteso dal decreto aiuti bis. Il suo obiettivo è aiutare le famiglie italiane con un reddito lordo fino a 35mila euro ad affrontare la crisi economica e l’inflazione causate dall’invasione russa in Ucraina e dalla fine dell’emergenza Coronavirus.

I dettagli del bonus 150 euro

Il bonus 150 euro nasce con lo stesso obiettivo del sussidio una tantum da 200 euro. Introdotto dal decreto aiuti ter, ne possono beneficiare tutti coloro che hanno già ricevuto il primo sussidio anti-inflazione.

Tuttavia il tetto Isee è stato ridotto da 35mila a 20mila euro per fornire il beneficio a una fascia più ristretta di famiglie in maggiore difficoltà.

Per ricevere il bonus 150 euro le modalità non sono ancora state rese note ufficialmente dall’Inps e dal Ministero del Lavoro. È molto probabile però che si applichi la stessa prassi adottata per il bonus 200 euro.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Bonus 600 euro, bonus 200 euro e bonus 150 euro: i beneficiari

Dopo aver consultato i dettagli dei singoli incentivi, scopriamo insieme nella prossima tabella come variano i beneficiari dei singoli sussidi.

Bonus 600 euroBonus 200 euroBonus 150 euro
I beneficiariLavoratori titolari di contratto di lavoro di tipo subordinato.– lavoratori dipendenti pubblici e privati;
– pensionati;
– lavoratori domestici;
– percettori del Reddito di Cittadinanza;
– lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo;
– incaricati alle vendite a domicilio;
– lavoratori autonomi;
– liberi professionisti;
– titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
– disoccupati percettori di Naspi e Dis-coll;
– titolari di disoccupazione agricola;
– collaboratori sportivi;
dottorandi e assegnisti di ricerca
– lavoratori dipendenti pubblici e privati;
pensionati;
– lavoratori domestici;
percettori del Reddito di Cittadinanza;
– lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo;
– incaricati alle vendite a domicilio;
– lavoratori autonomi;
– liberi professionisti;
– titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
– disoccupati percettori di Naspi e Dis-coll;
– titolari di disoccupazione agricola;
– collaboratori sportivi;
dottorandi e assegnisti di ricerca.
Limiti di reddito/35mila euro20mila euro
Bonus 600 euro, bonus 200 euro e bonus 150 euro
Bonus 600 euro e bonus 200 e 150 euro. Cosa sono e come funzionano
Bonus 600 euro e bonus 200 e bonus 150 euro. Cosa sono e come funzionano

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp