Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus acqua potabile, domani ultimo giorno per la domanda

Bonus acqua potabile, domani ultimo giorno per la domanda

Bonus acqua potabile. Domani è l'ultimo giorno per richiedere l'incentivo. Scopriamo come fare e quali sono gli interventi ammessi.

di Antonio Dello Iaco

Febbraio 2022

Bonus acqua potabile. Sai che domani è l’ultimo giorno per richiedere il bonus acqua potabile? Scopriamo in questo articolo come fare domanda. (Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Nei prossimi paragrafi vedremo nel dettaglio anche a chi è dedicato l’incentivo e quindi quali sono gli interventi necessari per poterne usufruire.

Bonus acqua potabile: ultimo giorno per la domanda

Domani è una data molto importante per i potenziali beneficiari del bonus acqua potabile. Il 28 febbraio è l’ultimo giorno utile, infatti, per richiedere questo incentivo. Questa finestra riguarda solo le spese ammesse e sostenute entro il 2021.

Con l’ultima legge di bilancio l’agevolazione è stata prorogata anche al 2022. Le possibilità per richiedere il credito d’imposta per quest’anno saranno però comunicate in un secondo momento.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

THEWAM RISPONDE

Bonus acqua potabile: come richiederlo

Per richiedere il bonus acqua potabile devi accedere con una delle identità digitali all’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Puoi usare un’identità Spid, Cie o Cns. Una volta superato questo step, seleziona il tasto “servizi” e segui la categoria “Agevolazioni” prima, e quella “Credito di imposta per il miglioramento dell’acqua potabile” poi.

A questo punto dovrai inserire tutte le informazioni richieste a partire da quelle che fanno riferimento all’intervento sostenuto e caricare l’apposito modulo.

Una volta ricevuto l’ok dalla piattaforma, il bonus acqua potabile sarà corrisposto sottoforma di credito d’imposta o in compensazione tramite modello F24 o, per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo, tramite la dichiarazione dei redditi.

Bonus acqua potabile: come fare domanda
Bonus acqua potabile: come fare domanda

Bonus acqua potabile: beneficiari e interventi ammessi

Il bonus acqua potabile nasce con l’obiettivo di migliorare le infrastrutture idriche delle abitazioni italiane per evitare così gli sprechi d’acqua e aumentarne la qualità.

La misura prevede un credito d’imposta del 50 per cento delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di:

L’importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è di mille euro per ogni immobile per le persone fisiche e di 5mila euro per ogni immobile destinato ad attività commerciale o istituzionale.

Quindi, tenendo conto che il rimborso è pari alla metà della spesa, in base al ruolo che ricopri puoi ricevere fino a 500 euro nel primo caso e fino a 2500 euro nel secondo.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp