Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus affitti 2024, a chi spetta

Bonus affitti 2024, a chi spetta

Bonus affitti 2024, vediamo a chi spetta questa interessante detrazione IRPEF sui canoni di locazione con contratto libero o concordato. I requisiti, gli sconti e come funziona per i giovani inquilini.

di The Wam

Marzo 2024

Bonus affitti 2024: come sai chi abita in una casa in locazione ha la possibilità di usufruire di detrazioni dell’Irpef per i canoni pagati entro quest’anno. Vediamo in questo post chi ha diritto a usufruire di queste agevolazioni. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus affitti 2024: detrazioni IRPEF

Il Bonus affitti 2024 è un’importante agevolazione fiscale per chi abita in una casa in affitto. Si tratta di un vantaggio economico che si concretizza in detrazioni IRPEF applicabili ai canoni di locazione versati nell’arco dell’anno. I beneficiari di questo incentivo includono:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Cos’è il Bonus affitti 2024

Il bonus affitti 2024 si configura dunque come un insieme di benefici fiscali, progettati per sostenere chi ha firmato un contratto di locazione per un’abitazione. Il sostegno si manifesta con detrazioni dall’IRPEF, che si applicano solo a condizione che il beneficiario abbia un reddito soggetto a questa imposta. Gli ambiti professionali che rientrano in questa categoria includono:

Coloro che percepiscono redditi da regimi fiscali alternativi all’IRPEF, come il regime forfettario per i lavoratori autonomi, non possono beneficiare di questo bonus. L’ammontare delle detrazioni disponibili varia in base a tre criteri principali:

  1. Chi richiede la detrazione: varia a seconda del soggetto che ne fa richiesta.
  2. Reddito complessivo dell’inquilino: l’entità del reddito influisce sull’importo della detrazione.
  3. Tipo di contratto di locazione: i contratti possono essere a canone libero o concordato.

Queste detrazioni non incidono sulla quantità di affitto versata al locatore. L’inquilino paga l’intero importo stabilito nel contratto, ma può recuperare parte di questa spesa attraverso le detrazioni fiscali.

Le detrazioni sono riconosciute solo se le spese rimangono a carico dell’inquilino senza essere rimborsate, assicurando così un beneficio effettivo per chi sostiene direttamente i costi di locazione.

Per il 2024, una novità riguarda la detrazione per gli studenti fuori sede: subisce una decurtazione di 260 euro per i contribuenti con un reddito complessivo superiore a 50.000 euro, come stabilito dall’articolo 2 del D.lgs. n. 216/2023, che rientra nella riforma dell’IRPEF.

Detrazione per contratti a canone libero

Questa detrazione è dedicata a chi detiene contratti di locazione a canone libero, come disciplinato dall’articolo 16, comma 01, del TUIR e rinnovati o stipulati conformemente alla legge n. 431/1998 e si presenta come segue:

Detrazione per contratti a canone concordato

Gli inquilini di unità immobiliari adibite ad abitazione principale e titolari di un contratto a canone concordato beneficiano di una detrazione calcolata in maniera analoga a quella per i contratti a canone libero, con l’importo della detrazione che dipende dal reddito complessivo:

Anche in questo caso, non vi sono detrazioni per redditi che eccedono il limite di 30.987,41 euro.

Bonus affitti per giovani inquilini

Il bonus affitti 2024 prevede condizioni vantaggiose anche per i giovani tra i 20 e i 31 anni, stabilendo un incentivo che si adatta alle esigenze di chi si affaccia per la prima volta al mondo delle locazioni. La detrazione, in questo contesto, offre un sostegno significativo, potendo raggiungere il maggiore tra due importi: un valore forfettario di 991,60 euro o il 20% del canone di locazione, fino a un massimo di 2.000 euro.

Quanto tempo dura la detrazione

La durata della detrazione offerta dal bonus affitti 2024 è limitata ai primi quattro anni dalla data di stipula del contratto di locazione. Ciò significa che, ad esempio, un contratto firmato nel 2024 permetterà all’inquilino di beneficiare delle detrazioni fiscali fino al 2027, incluso.

È fondamentale sottolineare che i requisiti per accedere a queste detrazioni devono essere verificati annualmente. Ogni anno, infatti, il beneficiario deve dimostrare di continuare a soddisfare i criteri richiesti per mantenere il diritto a queste agevolazioni fiscali.

I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, attraverso la circolare n. 9/E/2022, ha fornito importanti chiarimenti sul bonus affitti 2024, soprattutto per la questione dell’età dei giovani inquilini e le modalità di stipula dei contratti di locazione. Ecco i punti principali:

Affitti stipulati in corso d’anno

Per i contratti di affitto stipulati in corso d’anno, la detrazione spettante viene rapportata al numero dei giorni nei quali l’immobile è stato adibito a residenza del locatario.

Ad esempio, due contribuenti di età pari a 28 anni ed entrambi con reddito non superiore a 15.493,71 euro hanno locato, con canone annuo stabilito a 12.000 euro, un’unità immobiliare per adibirla a propria residenza, per soli 165 giorni nel periodo d’imposta.

In tal caso si ha diritto alla detrazione massima (annua) di 2.000 euro, in quanto il 20% di 12.000 euro, pari a 2.400 euro, supera l’importo massimo riconoscibile come detrazione (2.000 euro).

La detrazione spettante a ciascun contribuente rapportata al numero dei giorni nei quali l’immobile è stato adibito a residenza dai locatari è pari a 452,05 euro (2.000 euro x 50% x 165/365).

Bonus affitti 2024, a chi spetta
Nell’immagine una giovane coppia ha appena affittato un appartamento.

FAQ (domande e risposte)

Chi può usufruire delle detrazioni IRPEF del Bonus affitti 2024?

Possono beneficiare delle detrazioni IRPEF coloro che vivono in un immobile in affitto, inclusi inquilini di alloggi utilizzati come abitazione principale, lavoratori dipendenti che cambiano residenza per motivi di lavoro, giovani inquilini tra i 20 e i 31 anni, e studenti universitari fuori sede.

Quali sono i requisiti per accedere al Bonus affitti 2024?

Per accedere al bonus è necessario che l’individuo abbia stipulato un contratto di locazione per un’abitazione ed abbia un reddito assoggettato a IRPEF. Sono esclusi coloro che percepiscono redditi sotto regimi fiscali sostitutivi, come il forfettario per i lavoratori autonomi. I requisiti includono anche la tipologia del contratto di locazione, che può essere a canone libero o concordato.

Come si calcola l’importo delle detrazioni per il Bonus affitti 2024?

L’importo delle detrazioni varia a seconda della categoria del beneficiario, del suo reddito complessivo, e della tipologia del contratto di locazione. Le detrazioni non influenzano l’ammontare dei canoni da versare al locatore ma permettono all’inquilino di recuperare una parte delle spese.

Qual è l’effetto delle detrazioni sul canone di locazione?

Le detrazioni non riducono il canone di locazione da versare al proprietario. L’inquilino paga l’intero importo previsto dal contratto, ma può ottenere un rimborso parziale attraverso le detrazioni IRPEF, a patto che gli oneri e le spese restino effettivamente a suo carico.

Chi è escluso dalle detrazioni del Bonus affitti 2024?

Sono esclusi dalle detrazioni coloro che non hanno un reddito assoggettato a IRPEF, come i lavoratori autonomi sotto il regime forfettario. Inoltre, la detrazione non è applicabile se le spese di locazione vengono rimborsate o se il rimborso non concorre al reddito del beneficiario.

Come funziona il Bonus affitti 2024 per i giovani inquilini?

I giovani inquilini tra i 20 e i 31 anni possono beneficiare di una detrazione calcolata come il maggiore tra un importo forfettario di 991,60 euro e il 20% del canone annuo, fino a un limite di 2.000 euro. Questo incentivo è disponibile anche se il contratto riguarda solo una parte dell’immobile, come una stanza, e l’importo della detrazione dipende dal reddito complessivo del giovane inquilino.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp