Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus asilo nido, fondi quasi esauriti

Bonus asilo nido, fondi quasi esauriti

Bonus asilo nido, fondi quasi esauriti: scadono il 31 dicembre, ma bisogna affrettarsi, le domande accolte con riserva.

di The Wam

Settembre 2022

Bonus asilo nido, i tempi per presentare la domanda scadono il 31 dicembre, ma in cassa è rimasto ben poco. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

I fondi stanziati dal governo sono quasi finiti o almeno in via di esaurimento. Questo non significa che le domande non potranno più essere presentate. Il problema è un altro: verranno protocollate con riserva.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

In pratica la risposta sarà positiva solo se, appunto, il budget a disposizione dell’Inps nel frattempo non è stato già speso.

Se sei interessato all’argomento bonus ti interesserebbe sapere quando arriva il bonus 150 euro; o come funziona il bonus bollette per bar e ristoranti; o ancora quali sono tutti i bonus attivi con il decreto Aiuti bis.

Bonus asilo nido: domande accolte con riserva

Che il limite massimo per il bonus Asilo nido sia stato quasi raggiunto non viene riferito sul sito internet dell’Inps. Mentre invece la notizia è stata inserita sulle pagine social dell’istituto di previdenza.

E infatti sui social l’Inps ha scritto:

«Le eventuali domande che in base ai tempi di presentazione, per insufficienza di budget, non potranno essere accolte saranno comunque ammesse ma “con riserva”. Qualora a fine anno dovessero residuare somme ancora disponibili, le stesse domande potranno essere recuperate e poste in lavorazione secondo l’ordine di presentazione acquisito».

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus asilo nido: 538 milioni

La misura è stata finanziata per 538,8 milioni di euro. Non sono pochi, ma evidentemente neppure sufficienti per coprire le richieste. Del resto il problema asili nido è molto avvertito: la questione è centrale per tantissime famiglie. Ora, in piena crisi economica, anche di più.

Bonus asilo nido: cosa fare

E allora, chi non ha ancora presentato la richiesta per avere accesso a questo beneficio cosa deve fare?

Non certo rinunciare. Ma comunque fare in fretta. E quindi, chi ha bambini con meno di 3 anni e ha l’intenzione di iscriverli (o lo ha già fatto) in un asilo nido, è meglio che si affretti a presentare la domanda per utilizzare il bonus da 3.000 euro.

È palese che più passa il tempo e meno sono le probabilità di poter accedere al contributo. Oltretutto non si parla di un rifinanziamento. E quindi la possibilità che venga aumentato l’importo a disposizione delle famiglie sembra piuttosto remota.

Non c’è nessun segnale in questa direzione. E neppure ne hanno parlato i partiti che si apprestano a presentarsi alle urne. Ma non solo: comunque vada il prossimo governo non si insedierà prima di ottobre e sarà immediatamente alle prese con la questione energetica e la legge di bilancio.

Difficile quindi possa essere nel frattempo adottato un provvedimento che aumenti i fondi disponibili per il bonus asilo nido.

Bonus asilo nido: a chi è rivolto

Il bonus asilo nido è dedicato ai genitori di figli fino a 3 anni di età (nati, adottato o affidati). Questo contributo rimborsa le rette che sono relativa alla frequenza di asili nido. Il bonus è valido sia per le strutture pubbliche, sia per quelle private.

Ma non solo. Nel caso il bambino fosse affetto da patologie gravi, il contributo copre le spese, fino a un tetto massimo, per l’assistenza nella propria abitazione.

Il beneficio è dunque rivolto a una platea molto vasta e a una esigenza assai diffusa nel nostro Paese. Anche un finanziamento superiore al mezzo miliardo di euro rischia di non coprire tutte le richieste.

Un segnale, se ce ne fosse bisogno, che per milioni di genitori di figli piccoli la spesa per l’asilo nido è tra quelle che più incidono sul bilancio familiare. Al punto che all’interno della coppia c’è spesso chi rinuncia a lavorare e si tratta quasi sempre delle mamme.

Bonus asilo nido: domanda

Comunque c’è ancora tempo per presentare la domanda (e incrociare le dita). L’istanza deve essere presentata all’Inps. Si può utilizzare la sezione online del sito dell’istituto di previdenza. Ma se non avete la necessaria dimestichezza con gli strumenti digitali è possibile farlo anche rivolgendosi a un patronato.

Bonus asilo nido, fondi quasi esauriti

Bonus asilo nido: scaglioni

L’importo del contributo varia, dipende dall’Isee familiare. La misura ha previsto 3 scaglioni diversi, sono questi:

Comunque sia il contributo mensile che viene erogato dall’Inps non può essere superiore alla spesa che viene sostenuta dai genitori per pagare ogni singola retta.

Il bonus viene concesso solo dopo aver pagato. Infatti per ottenere l’erogazione del contributo relativo ai mesi di frequenza è indispensabile inviare all’Inps l’intera documentazione:

fattura o ricevute di bollettini postali o bancari.

Bisogna quindi attestare in modo certo l’esito delle operazioni economiche che sono state effettuate.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp