Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus auto 2024 anche per l’usato

Bonus auto 2024 anche per l’usato

Bonus auto 2024, gli incentivi consentiranno anche l’acquisto di auto usate e la rottamazione di Euro 5. La possibilità è assicurata a chi rientra in una determinata soglia ISEE. Vediamo come funziona.

di The Wam

Gennaio 2024

Bonus auto 2024 anche l’usato e saranno incluse nella rottamazione le vetture Euro 5. Solo però per chi non supera una determinata soglia di reddito. Sono tra le novità più importanti del nuovo incentivo messo a punto dal governo. Vediamo nei dettagli. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus auto 2024 esteso alle vetture usate

Il Bonus auto 2024 verrà dunque esteso anche alle auto usate. Si tratta di una svolta importante per i consumatori, vengono offerta nuove opportunità per acquistare veicoli a costi ridotti.

Criteri di ammissione per l’incentivo auto usate

Per beneficiare del bonus, è essenziale soddisfare determinati requisiti. Le auto usate oggetto del bonus devono avere emissioni di CO2 non superiori a 160 g/km. Il prezzo d’acquisto di queste auto non deve superare i 25.000 euro. Questi parametri servono a garantire che il bonus sia indirizzato a veicoli relativamente efficienti dal punto di vista energetico e accessibili a un’ampia fascia di consumatori.

Incentivi specifici per l’acquisto di usato

Per gli acquirenti che scelgono di rottamare una vettura di classe Euro 4 o inferiore, viene riconosciuto un contributo di 2.000 euro (qui puoi verificare la classe ambientale della tua auto). Questo incentivo stimola non solo l’acquisto di auto usate ma promuove anche la rottamazione di veicoli più inquinanti.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Incentivi per rottamare Euro 5 e soglia ISEE

La rottamazione dei veicoli Euro 5 è un’altra novità del Bonus auto 2024. Questa possibilità è riservata ai cittadini con una situazione economica soglia ISEE inferiore a 30.000 euro.

Tipologia di veicoli ammessi

Per quanto riguarda i veicoli ammissibili a questa forma di incentivo, l’attenzione si concentra su quelli elettrici o plug-in. Questi veicoli devono avere emissioni di CO2 non superiori a 60 g/km. Per le persone che non hanno redditi alti sarà introdotta anche un’altra novità nel bonus auto 2024: la possibilità del cosiddetto leasing sociale. Ovvero, si potrà avere accesso al noleggio a lungo termine di vetture a basse emissioni pagando un canone calmierato e senza versare anticipi (la somma sarà sovvenzionata da risorse dello Stato).

Impatto sociale della soglia ISEE nel Bonus auto

L’introduzione della soglia ISEE come criterio di ammissione per la rottamazione di veicoli Euro 5 è una mossa strategica. Consente di bilanciare gli incentivi economici con la giustizia sociale, garantendo che i benefici del Bonus auto 2024 siano accessibili a un’ampia platea di cittadini, anche a chi che si trova in condizioni economiche meno favorevoli.

Contributi fino a 13.750 euro

Il programma prevede contributi variabili da 1.500 a 13.750 euro, a seconda della tipologia di veicolo acquistato e delle specifiche emissioni. Questa fascia di contributi punta a rendere più accessibili auto che altrimenti potrebbero essere fuori dalla portata di molti consumatori, soprattutto quelle elettriche.

Incentivi per diverse categorie di veicoli

L’attesa per il primo febbraio

L’annuncio ufficiale del bonus è previsto per il primo febbraio, quando verranno illustrati tutti i dettagli del programma. Quel giorno si comprenderanno in modo chiaro le opportunità offerte dal Bonus auto 2024.

Processo di approvazione e attivazione

Dopo l’annuncio, il decreto dovrà essere firmato dal presidente del Consiglio e sottoposto alla Corte dei conti. Questa fase richiederà alcune settimane, dopodiché il decreto verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e il programma diventerà operativo. Si prevede che ci vorranno alcuni giorni per l’adeguamento delle piattaforme informatiche usate dalle concessionarie per gestire i contributi.

Si punta sulle auto prodotte in Italia

Il Bonus auto 2024 si distingue anche per l’attenzione sulle auto prodotte negli stabilimenti italiani, una mossa che intende valorizzare l’industria automobilistica nazionale. Un modo per creare un legame diretto tra incentivi governativi e il rafforzamento del settore automobilistico “Made in Italy”.

Preparativi finali per l’attuazione

Mentre il governo si prepara a lanciare ufficialmente il Bonus auto 2024, si limano gli ultimi dettagli. Questa fase è fondamentale per garantire che il programma sia perfettamente allineato con le aspettative e le esigenze dei consumatori, così come con gli obiettivi di sostenibilità ambientale e di supporto all’industria automobilistica nazionale.

Il programma dovrà identificare specifiche caratteristiche che rendono le auto italiane uniche, per poterle favorire nell’ambito degli incentivi.

Si dovrà fare attenzione però a questa fase, nella transizione tra il vecchio e il nuovo bonus, si rischia di fare confusione.

Bonus auto 2024 anche per l'usato
Nell’immagine una donna sta acquistando un’auto usata in una concessionaria.

FAQ (domande e risposte)

Quali sono le caratteristiche del “Bonus auto 2024” per le auto usate?

Il Bonus auto 2024 per le auto usate è caratterizzato dall’incentivazione all’acquisto di veicoli usati con determinati requisiti. Le auto devono avere emissioni fino a 160 g/km di CO2 e un prezzo massimo di 25.000 euro. Inoltre, per ricevere un contributo di 2.000 euro, è necessaria la rottamazione contestuale di una vettura di classe Euro 4 o inferiore. Questo incentivo è progettato per rendere più accessibili le auto usate più ecologiche e sostenibili.

Come influisce il reddito ISEE sull’accesso al “Bonus auto 2024”?

Il reddito ISEE influenza l’accesso al Bonus auto 2024 stabilendo una soglia di eleggibilità per alcuni incentivi. In particolare, per la rottamazione delle vetture Euro 5 e l’acquisto di auto elettriche o plug-in con emissioni di CO2 fino a 60 g/km, è richiesto un ISEE inferiore a 30.000 euro. Questo criterio mira a rendere gli incentivi più accessibili alle famiglie e agli individui con redditi più bassi, promuovendo così una mobilità sostenibile tra una gamma più ampia di cittadini.

Qual è il contributo massimo previsto dal “Bonus auto 2024”?

Il contributo massimo previsto dal Bonus auto 2024 è di 13.750 euro. Questo importo è riservato per l’acquisto di auto elettriche da parte di acquirenti con un ISEE inferiore a 30.000 euro, accompagnato dalla rottamazione di una vettura appartenente alle classi Euro 0, 1 o 2. Questo livello di contributo è progettato per incentivare fortemente l’acquisto di veicoli a emissioni zero, sostenendo così la transizione verso una mobilità più pulita.

Quando sarà presentata la riforma del “Bonus auto 2024”?

La riforma del Bonus auto 2024 sarà presentata il 1° febbraio, durante un incontro con le associazioni di settore. Tuttavia, l’effettiva entrata in vigore della riforma è prevista per marzo, dopo la firma del presidente del Consiglio e l’approvazione da parte della Corte dei conti, seguita dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e dall’adeguamento delle piattaforme informatiche necessarie.

Quali auto saranno incentivate dal piano del governo?

Il piano del governo incentiverà principalmente le auto prodotte negli stabilimenti italiani, con un focus su veicoli che sono meno inquinanti e più moderni. Il programma si concentra su auto elettriche, plug-in e auto usate con emissioni fino a 160 g/km di CO2 e prezzo sotto i 25.000 euro. L’obiettivo è di promuovere l’industria automobilistica italiana e contemporaneamente favorire la riduzione dell’inquinamento e il passaggio a veicoli più sostenibili.

Quali vetture possono essere rottamate con il “Bonus auto 2024”?

Con il Bonus auto 2024, possono essere rottamate le vetture fino alla classe Euro 5, a condizione che il proprietario abbia un ISEE inferiore a 30.000 euro. Inoltre, la rottamazione di veicoli di classe Euro 4 o inferiore è necessaria per accedere al contributo di 2.000 euro per l’acquisto di auto usate. Queste misure sono parte dell’impegno del governo per ridurre il numero di veicoli inquinanti e favorire l’acquisto di auto più ecologiche e sostenibili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp