Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Contributi per famiglie / Bonus benzina e bollette

Bonus benzina e bollette

Che cos’è il Bonus benzina e bollette 2023? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Dicembre 2023

In questo articolo vedremo come funziona il Bonus benzina e bollette 2023 e a chi spetta l’agevolazione (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus benzina e bollette 2023?

Nel 2023 al fine di contrastare l’aumento del prezzo delle materie prime l’esecutivo ha scelto di prorogare due agevolazioni: il Bonus bollette e il Bonus benzina.

Il Bonus benzina costituisce un contributo di grande rilevanza per i dipendenti del settore privato, offrendo un voucher che può arrivare fino a un massimo di 200 euro, esente da tassazione.

Tuttavia, l’erogazione di questo beneficio resta a discrezione delle singole aziende, studi professionali o altri datori di lavoro non pubblici.

Il Bonus bollette invece è rivolto a tutti i nuclei familiari a basso reddito e rappresenta uno sconto sulle bollette di acqua, luce e gas.

In questo articolo, esploreremo le principali novità riguardanti il Bonus benzina e il Bonus bollette per l’anno 2023, chi può beneficiarne, le modalità per richiederli e le relative scadenze da considerare.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come funziona il Bonus benzina 2023

Il 2023 ha portato importanti modifiche per il Bonus benzina grazie al Decreto Carburanti, che ha esteso questo beneficio per l’intero anno. Tuttavia, è da evidenziare che per il 2023 l’esenzione contributiva è stata esclusa, mantenendosi valida solo a livello fiscale.

Un’altra novità significativa riguarda la possibilità di erogare il Bonus benzina in qualsiasi forma (non solo come buono sconto). Questo cambiamento offre un vantaggio ai datori di lavoro, che possono utilizzare tale beneficio per ampliare i loro programmi di welfare aziendale.

Oltre ai voucher o ai benefit aziendali, il datore di lavoro può impiegare il bonus anche come premio per le performance lavorative.

Il Bonus benzina fa reddito?

Un punto fondamentale da tenere presente riguardo al Bonus benzina del 2023 è il suo impatto sul piano fiscale. Secondo quanto stabilito dal Decreto Carburanti, se il valore dei buoni benzina non supera i 200 euro, questo importo non concorre alla formazione del reddito del lavoratore.

Ciò implica che i lavoratori possono usufruire di questo vantaggio senza dover dichiarare tali importi come parte del loro reddito soggetto a tassazione. Tuttavia, è cruciale considerare che se il bonus benzina è erogato come beneficio aziendale, rimane escluso dal limite massimo previsto per l’esenzione fiscale dei benefit ordinari. Ciò potrebbe portare a una tassazione normale nel caso in cui le soglie massime per altri benefit aziendali vengano superate.

Come richiedere Il Bonus benzina 2023

Una delle peculiarità del Bonus benzina è che i dipendenti non devono fare richiesta esplicita per riceverlo. È il datore di lavoro che può decidere di concedere questo vantaggio ai propri dipendenti che percepiscono un reddito da lavoro.

La modalità di erogazione del bonus può variare, potendo essere offerto come benefit aziendale o sotto forma di buono sconto, in base alle politiche e alle scelte specifiche delle singole aziende o datori di lavoro.

È possibile ottenere il Bonus Benzina fino al 12 gennaio 2024. Pertanto, è essenziale tenere a mente questa data e assicurarsi di usufruire del beneficio entro il termine stabilito.

Bonus benzina e bollette-decreto
In foto la proroga al Bonus benzina nel decreto legge numero 5 del 14 gennaio 2023.

Come funziona il Bonus bollette 2023

Il Bonus bollette, un supporto prezioso per le famiglie in Italia, è stato prolungato per un trimestre aggiuntivo e sarà valido anche a dicembre 2023. Questa forma di assistenza è mirata a ridurre i costi relativi alle bollette dell’acqua, dell’elettricità e del gas, alleviando il peso finanziario sulle famiglie.

I requisiti per ottenere il Bonus bollette 2023

I requisiti per accedere al Bonus bollette variano a seconda del tipo di utenza. Affinché si possa ottenere il bonus per le bollette dell’acqua, il valore ISEE dell’utente deve essere inferiore a 9.530 euro. Per quanto riguarda il Bonus relativo alle spese di luce e gas, il limite ISEE è fissato a 15.000 euro.

È importante notare che il Bonus bollette, se destinato alle famiglie numerose con almeno quattro figli, prevede un limite ISEE di 30.000 euro per tutte le utenze.

Come richiedere il Bonus bollette 2023

Un vantaggio del Bonus bollette è che l’importo del beneficio viene applicato automaticamente in bolletta dai fornitori dei servizi pubblici.

In altre parole, non è richiesta una domanda specifica da parte dell’utente per ottenere lo sconto. L’unica azione richiesta al beneficiario è la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) relativa al 2023 e l’ottenimento di un ISEE valido.

Successivamente, sarà l’INPS a gestire automaticamente la procedura per applicare lo sconto sulle bollette, semplificando il processo per le famiglie aventi diritto al beneficio.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus Benzina 2023

Devo presentare una domanda per ottenere il Bonus Benzina?

No, i lavoratori non devono presentare domanda per beneficiare del Bonus Benzina. È il datore di lavoro che decide se erogare il beneficio o meno.

Qual è la scadenza per usufruire del Bonus Benzina?

Il Bonus Benzina può essere concesso fino al 12 gennaio 2024. È importante assicurarsi di utilizzare il beneficio entro questa data.

Il Bonus Benzina si applica solo alla benzina?

No, il Bonus benzina si applica a tutti i tipi di carburante per autotrazione, non solo alla benzina. Questo include il gpl, il gas metano e le ricariche per le auto elettriche.

Posso accumulare il Bonus Benzina non utilizzato in un anno per l’anno successivo?

In genere, il Bonus benzina non è cumulabile da un anno all’altro. È importante ottenerlo e utilizzarlo entro la scadenza stabilita, che per il 2023 è il 12 gennaio 2024.

Cosa devo fare se il mio datore di lavoro non eroga il Bonus Benzina?

Spetta al datore di lavoro la scelta se erogare o meno il bonus. Se il tuo datore di lavoro ha la facoltà di erogare il Bonus benzina ma non lo fa, puoi discutere la questione con il dipartimento delle risorse umane o il tuo datore di lavoro stesso.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp