Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus benzina pensionati

Bonus benzina pensionati

Bonus benzina ai pensionati: come funziona? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Dicembre 2023

In questo articolo parleremo di Bonus benzina ai pensionati, per vedere chi ha diritto alla nuova agevolazione (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus benzina 2023?

Presto arriverà un nuovo Bonus benzina anche se in verità non si tratta di un’agevolazione indipendente, ma solo di una nuova ricarica destinata ai titolari della Carta Dedicata a Te, con cui si potrà di acquistare carburante.

La Carta Dedicata a Te, concessa alle famiglie a basso reddito, inizialmente presentava un saldo di 382,5 euro destinato esclusivamente all’acquisto di generi alimentari.

Tuttavia, il Decreto Energia (DL 131/2023, articolo 2) ha introdotto due significative modifiche a questa agevolazione. Prima di tutto, è prevista una ricarica extra per coloro che ne beneficiano, utilizzando finanziamenti appositamente destinati a questo scopo.

Inoltre, sono state apportate variazioni alle categorie di acquisti ammessi. A partire dalla prossima ricarica, i fondi della Carta Dedicata a Te non saranno più limitati esclusivamente all’acquisto di generi alimentari, ma potranno essere impiegati anche per acquistare carburante o abbonamenti ai trasporti pubblici.

Per concludere, il nuovo Bonus benzina è destinato solo ai possessori della Carta Dedicata a Te 2023. Analizziamo più dettagliatamente chi può beneficiarne.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Bonus benzina ai pensionati: come funziona?

Prima di vedere se i pensionati hanno diritto al Bonus benzina, dobbiamo capire chi sono i beneficiari della Carta Dedicata a Te su cui il contributo sarà versato.

La Carta Dedicata a Te è un’iniziativa altamente selettiva e destinata ai nuclei familiari con un ISEE massimo di 15.000 euro.

Tuttavia, non tutte le famiglie che soddisfano questo criterio hanno avuto accesso al beneficio, poiché l’INPS ha reso disponibili un numero limitato di carte, insufficienti a coprire tutte le richieste.

Per determinare chi poteva beneficiare della Carta Dedicata a Te è stata elaborata una graduatoria basata sul numero di persone in Italia che hanno presentato la DSU, per il calcolo dell’ISEE, e hanno un valore inferiore o uguale a 15.000 euro.

Nella stesura di questa graduatoria, l’INPS ha dato priorità ai nuclei con il valore più basso di ISEE, composti da almeno 3 membri.

Per concludere, ai pensionati spetta il Bonus benzina solo se questi fanno parte di un nucleo familiare a cui è già stata assegnata la Carta Dedicata a Te nel 2023.

Chi sono gli esclusi dal Bonus benzina?

Si tenga presente che alcune categorie, come i percettori di Rdc, non sono idonee a ricevere la Carta Dedicata a Te, e quindi il nuovo Bonus benzina, anche se soddisfano i criteri di reddito e hanno una struttura familiare che li collocherebbe in posizione privilegiata nella lista di priorità.

Motivo per cui, se i pensionati sono percettori di una delle prestazioni elencate qui sotto, non hanno diritto né alla Carta Dedicata a Te né al Bonus benzina:

Quando arriva il Bonus benzina?

I titolari della Carta Dedicata a Te presto riceveranno un Bonus benzina, cioè un’ulteriore ricarica di cui al momento non si conosce né l’importo né la data precisa di erogazione.

Secondo quanto stabilito dal Decreto Energia (art. 2, comma 2), l’importo di questa nuova ricarica sarà determinato solamente attraverso un decreto specifico, che verrà emesso entro 30 giorni dall’entrata in vigore del primo testo di legge.

Considerando che il Decreto Energia è entrato in vigore il 30 settembre 2023, è chiaro che ci siano dei netti ritardi.

Inoltre, successivamente alla pubblicazione di questo decreto, che fisserà l’ammontare della ricarica supplementare, l’INPS avrà bisogno di un certo periodo di tempo per elaborare e procedere con i pagamenti. Se si cerca di fare una previsione, con un po’ di buona sorte la nuova ricarica potrebbe essere erogata prima delle festività natalizie, al massimo all’inizio del 2024.

bonus-benzina-ai-pensionati-decreto
In foto, l’articolo 2 del Decreto Energia.

Quali sono gli acquisti ammessi dal Bonus benzina?

Nel Decreto Energia (art. 2, comma 1) è delineato un altro significativo cambiamento che riguarda le spese consentite con la Carta Dedicata a Te.

Il decreto infatti chiarisce infatti che l’importo della nuova ricarica potrà essere impiegato per l’acquisto di carburanti oppure di abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblico locale.

Tuttavia, nello stesso decreto (art. 2, comma 2, lettera c) si specifica che solamente i fondi derivanti dalla nuova ricarica saranno validi per l’acquisto di benzina e abbonamenti ai trasporti pubblici. Di conseguenza, al momento attuale, la carta consente esclusivamente l’acquisto di determinati generi alimentari.

In pratica, il Bonus benzina sarà accessibile ai beneficiari solamente con l’arrivo della prossima ricarica!

Cosa si può acquistare con il saldo iniziale della Carta Dedicata a Te?

La prossima ricarica permetterà ai titolari della Carta Dedicata a Te di acquistare non soltanto beni alimentari di base, ma anche di pagare l’abbonamento i mezzi di trasporto e il pieno di benzina. Al momento, tuttavia, in base a quanto specificato nell’allegato 1 del decreto attuativo di questa misura, questi sono i soli prodotti acquistabili con il saldo iniziale di 382,50 euro:

FAQ: Domande frequenti sulla Carta Dedicata a Te

Come controllare il saldo della Carta Dedicata a Te?

Puoi controllare il saldo residuo della Carta Dedicata a Te presso i Postamat, cioè gli sportelli ATM di Poste Italiane.

La Carta Dedicata a Te e la Carta acquisti sono la stessa cosa?

No! La Carta Dedicata a Te è una misura diversa rispetto alla Carta acquisti che spetta alle famiglie con specifici requisiti di ISEE, reddito, patrimonio mobiliare e immobiliare, con figli fino a 3 anni o familiari che hanno compiuto 65 anni. Per saperne di più puoi leggere questo approfondimento sulla Carta acquisti.

La Carta Dedicata a Te e la Carta risparmio spesa sono la stessa cosa?

Sì, la Carta Dedicata a Te è il nome ufficiale della prepagata. Quello che devi usare quando andare a ritirarla. In passato veniva chiamata Carta risparmio spesa.

Posso utilizzare la Carta Dedicata a Te in farmacia?

No, la Carta Dedicata a Te si può usare solo per acquistare i generi alimentari elencati nella normativi nei negozi convenzionati.

La Carta Dedicata a Te è compatibile con il Reddito di cittadinanza?

No, la Carta Dedicata a Te non è compatibile con il Reddito di cittadinanza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp