Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Il bonus bici slitta ancora: quando sarà sul sito? Data e come averlo

Il bonus bici slitta ancora: quando sarà sul sito? Data e come averlo

La data è stata posticipata a novembre, dopo un primo rinvio. La procedura sarà disponibile sul sito del Ministero dell'Ambiente.

di The Wam

Settembre 2020

Il bonus bici è come Godot, si aspetta ma non arriva mai. La prossima data annunciata, per la pubblicazione della procedura legata all’incentivo, è il mese di novembre, dopo i rinvii di agosto e ora di settembre. E, se si mettesse di mezzo il coronavirus con una seconda ondata di contagi (Dio ce ne scansi!), beh, probabilmente bisognerà attendere ancora.

Una vicenda, quella che riguarda il bonus di mobilità, incredibile e per certi versi grottesca. Fatta di annunci (tanti), di impreparazione (tanta), ma di scarsa efficacia amministrativa. Cerchiamo di fare il punto finora e capire chi rischia di essere penalizzato dall’acquisto di biciclette.

In questa pagina, ogni giorno, tutti gli aggiornamenti su bonus, agevolazioni fiscali e guide utili per famiglie, liberi professionisti e imprese. In questa pagina, invece, tutte le offerte di lavoro sempre aggiornate. Da qui puoi ricevere tutte le news su bonus e concorsi direttamente su Google.

Indice:

  1. Cos’è il bonus bici?

  2. Documenti e requisiti

  3. Perché questi ritardi?

  4. Bonus utili: leggi anche…

  5. Gruppo whatsapp offerte di lavoro e bonus

Cos’è il bonus bici

Se ci avete seguito, nei nostri tanti approfondimenti legati al bonus bici, sapete che si tratta di un sconto fino a 500 euro, che copre il 60% dell’acquisto di biciclette, ebike, monopattini elettrici comprati dal 4 maggio al 31 dicembre. Sarebbe, insomma, un incentivo retroattivo, cioè utile anche per quelle spese sostenute nei mesi scorsi. Sul sito del ministero dell’Ambiente sarà possibile completare tutta la procedura per chiedere il voucher.

Documenti e requisiti

Al bonus potranno accedere tutti quei cittadini maggiorenni con residenza (non domicilio) in comuni con più di 50mila abitanti e in capoluoghi di regione, di provincia e città metropolitane che hanno anche meno di 50mila abitanti.

Sul portale verrà richiesto l’inserimento di uno scontrino parlante. Un documento, al quale abbiamo dedicato questa guida, in cui sono forniti diversi dettagli sugli acquisti: dai costi del prodotto ai dati personali.

Perché questi ritardi?

Il Ministero dell’Ambiente e quello dei Trasporti avevano idee diverse. Il primo voleva usare lo scontrino parlante (come accadrà), il secondo no. Dopo 23 giorni è arrivato il decreto attuativo firmato il 24 luglio.

Doveva poi tenersi un confronto fra governo e regioni, il 6 agosto 2020, ma il bonus bici non è stato inserito nell’agenda della riunione. Non se n’è parlato insomma. Ora c’è la questione fondi da affrontare. I soldi basteranno per tutti? Dal governo sono convinti di sì, ma intanto stanno cercando un altro stanziamento di fondi. L’unica certezza è che verrà data la priorità a chi ha già comprato i mezzi ecologici.

Bonus utili: leggi anche…

Chi legge articoli come questo, su TheWam.net, di solito trova interessanti anche queste guide. Dai un’occhiata, magari fanno al caso tuo:

  1. Tutti i bonus auto diesel e benzina

  2. Ecobonus per bici e monopattini

  3. Tutti i bonus per i trasporti

  4. Tutti i bonus superiori ai 1000 euro

Leggi anche:

  1. Come pagare meno tasse

  2. Offerte di lavoro di aziende

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp