Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus carburante va indicato nel 730?

Bonus carburante va indicato nel 730?

Il Bonus carburante va indicato nel 730? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Dicembre 2023

Nell’articolo di oggi vedremo se e come il Bonus carburante va indicato nel 730 (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come funziona il Bonus carburante 2023

Il Bonus carburante 2023 rappresenta un vantaggio destinato ai dipendenti del settore privato. Questa agevolazione è stata introdotta per la prima volta attraverso il Decreto Ucraina e successivamente ampliata grazie al Decreto Carburanti.

Si tratta di in un voucher di 200 euro, disponibile sia in formato cartaceo che elettronico, destinato all’acquisto di carburanti come benzina, gasolio, GPL e metano, oltre alla ricarica dei veicoli elettrici.

A differenza di molte altre agevolazioni, questo beneficio non tiene conto del reddito del lavoratore. L’articolo 1, comma 1 del Decreto Carburanti specifica chiaramente che i voucher carburante assegnati nel corso del 2023, fino a un massimo di 200 euro per lavoratore, non sono considerati parte del reddito imponibile dei beneficiari.

Tuttavia, questa esenzione dal computo del reddito non incide sui contributi previdenziali. In altre parole, i voucher carburante assegnati nel 2023 sono soggetti integralmente a contribuzione.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Il Bonus carburante va indicato nel 730?

A partire dalla dichiarazione dei redditi di quest’anno l’importo ricevuto come Bonus carburante va indicato in uno specifico punto del modello 730.

Nello specifico, nel modello 730/2023 il punto 475 è dedicato proprio agli importi del “Bonus carburante“.

Va precisato che l’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 35 del 2022, ha indicato che se il valore del Bonus carburante supera i 200 euro, l’intero ammontare deve essere sottoposto a tassazione ordinaria.

Altra novità del 2023 è il punto 474 del modello 730 quello delle “Erogazioni in natura“, dove vanno inseriti i fringe benefits definiti dall’articolo 51 comma 3 del TUIR. Questa voce comprende ad esempio eventuali somme erogate o rimborsate al dipendente per il pagamento di utenze domestiche.

Il Bonus carburante fa reddito?

Un aspetto rilevante che differenzia il Bonus carburante del 2022 da quello del 2023 riguarda il trattamento previdenziale.

Nel 2022 i buoni distribuiti non hanno influenzato la base imponibile fiscale e previdenziale fino a un limite di 200 euro all’anno. Tuttavia, nel 2023, il bonus carburante contribuisce alla base imponibile previdenziale del dipendente beneficiario.

In sintesi, i buoni carburante assegnati nel 2023 sono interamente soggetti a contribuzione previdenziale, ma non vengono considerati nel reddito ai fini dell’IRPEF.

A chi spetta il Bonus carburante 2023?

I voucher carburante possono essere emessi esclusivamente dai datori di lavoro operanti nel settore privato, che comprende sia imprese individuali o collettive, che partita IVA e enti non commerciali.

In linea di massima, le amministrazioni pubbliche sono escluse, tranne alcuni enti pubblici economici che rientrano nel settore privato. Anche i percettori di Naspi o altre indennità di disoccupazione non possono usufruire del Bonus carburante.

Per quanto riguarda i beneficiari del Bonus carburante, l’articolo 1, comma 1, del Decreto Legge n. 5/2023 fa riferimento in modo generico ai “lavoratori dipendenti“. La definizione include dipendenti a tempo indeterminato o determinato, lavoratori in smart working, apprendisti, stagisti, e co.co.co. È importante sottolineare che non ci sono restrizioni relative al ruolo o al reddito, compresi i lavoratori con redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente.

Come usare il Bonus carburante 2023

I voucher del Bonus carburante sono utilizzabili per l’acquisto di carburanti destinati all’autotrazione, come benzina, gasolio, GPL e metano.

Inoltre, considerando l’obiettivo del Decreto, volto a sostenere i consumi nel contesto del caro carburanti, i voucher forniti possono essere usati anche per la ricarica di veicoli elettrici.

Bonus-carburante-va-indicato-nel-730-distributore-pompa
In foto, un distributore di benzina.

Come richiedere il Bonus carburante 2023

Un aspetto peculiare del Bonus carburante è che i lavoratori non devono fare richiesta per riceverlo. La decisione di concedere questo vantaggio ai dipendenti è completamente discrezionale da parte del datore di lavoro.

La modalità di erogazione del bonus può variare in base alle scelte e alle politiche adottate dalle singole aziende o datori di lavoro, visto che può essere implementato come beneficio aziendale o come sconto diretto.

È da notare che il Bonus carburante può essere assegnato fino al 12 gennaio 2024. Pertanto essenziale tenere presente questa scadenza e assicurarsi di beneficiare del vantaggio entro il termine stabilito.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus carburante 2023

Devo presentare una domanda per ottenere il Bonus carburante?

No, i lavoratori non devono presentare domanda per beneficiare del Bonus carburante. È il datore di lavoro che decide se erogare il beneficio o meno.

Qual è la scadenza per usufruire del Bonus carburante?

Il Bonus carburante può essere concesso fino al 12 gennaio 2024. È importante assicurarsi di utilizzare il beneficio entro questa data.

Il Bonus carburante si applica solo alla benzina?

No, il Bonus carburante si applica a tutti i tipi di carburante per autotrazione, non solo alla benzina. Questo include il gpl, il gas metano e le ricariche per le auto elettriche.

Posso accumulare il Bonus carburante non utilizzato in un anno per l’anno successivo?

In genere, il Bonus carburante non è cumulabile da un anno all’altro. È importante ottenerlo e utilizzarlo entro la scadenza stabilita, che per il 2023 è il 12 gennaio 2024.

Cosa devo fare se il mio datore di lavoro non eroga il Bonus carburante?

Spetta al datore di lavoro la scelta se erogare o meno il bonus. Se il tuo datore di lavoro ha la facoltà di erogare il Bonus carburante ma non lo fa, puoi discutere la questione con il dipartimento delle risorse umane o il tuo datore di lavoro stesso.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp