Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus caregiver 2024? Cosa esiste davvero

Bonus caregiver 2024? Cosa esiste davvero

Quali sono i bonus per caregiver nel 2024? Cosa esiste davvero e cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi mesi?

di Romina Cardia

Marzo 2024

Vediamo quali sono i bonus per caregiver attivi nel 2024 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Quali sono i bonus per caregiver attivi nel 2024?

Regioni e Comuni attendono le nuove risorse dal Fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare.

I bonus per caregiver attivi al momento (marzo 2024) non sono molti e non sono presenti in tutte le regioni italiane.

Il Decreto 30 novembre 2023 distribuisce le risorse allocate al Fondo per il supporto ai caregiver familiari, ammontanti a circa 25 milioni di euro.

Queste risorse sono destinate a sostenere il ruolo di cura e assistenza dei caregiver familiari attraverso strumenti come l’assegno di cura o il contributo di cura.

Le Regioni riceveranno le risorse e le distribuiranno agli ambiti territoriali, che le impiegheranno per fornire interventi di sollievo e supporto ai caregiver. Vediamo nel dettaglio a cosa sono destinate le risorse.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=gG0c1ncWBW8?si=J93lTN-LVzJBLEga&w=560&h=315]

Bonus per caregiver 2024: dall’assegno di cura ai contributi sanitari

La Legge di Bilancio del 2018 ha introdotto il “Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare” con l’obiettivo di fornire aiuto a coloro che si prendono cura degli anziani, dei malati e dei disabili.

Il decreto del 30 novembre emanato dal Dipartimento per le politiche in favore delle persone con disabilità, che assegna le risorse per il 2023 per un totale di circa 25 milioni di euro, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 16 gennaio 2024. Di fatto, quindi, i fondi saranno distribuiti per questa annualità.

Le risorse saranno distribuite alle Regioni e successivamente ai singoli Comuni per interventi specifici, con particolare attenzione a:

Sarà compito delle Regioni definire i dettagli dei progetti da attuare, tra una serie di interventi ammissibili che includono:

Ecco di quali misure di collocamento a riposo dal lavoro in anticipo ha diritto chi va in pensione come caregiver.

Distribuzione dei fondi per i bonus per caregiver regionali 2024

I 25,8 milioni di euro destinati al Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare sono stati distribuiti tra le Regioni in base alla percentuale di popolazione tra i 18 e i 64 anni rilevata dall’ISTAT.

Per ottenere i finanziamenti, è necessario presentare una richiesta specifica, indicando i dettagli della programmazione e degli interventi.

Le risorse saranno trasferite entro 45 giorni dalla presentazione della domanda, secondo gli importi indicati nella tabella allegata al decreto, che è quella di seguito:

RegioniPercentuale di ripartoSomme assegnate
Abruzzo2,37%611.637
Basilicata1,05%270.979
Calabria3,42%882.616
Campania8,54%2.203.959
Emilia-Romagna7,75%2.000.080
Friuli-Venezia Giulia2,34%603.895
Lazio9,15%2.361.385
Liguria3,28%846.485
Lombardia15,93%4.111.132
Marche2,80%722.610
Molise0,65%167.749
Piemonte7,91%2.041.372
Puglia6,68%1.723.940
Sardegna2,92%753.579
Sicilia8,19%2.113.633
Toscana7,02%1.811.685
Umbria1,71%441.308
Valle d’Aosta0,25%64.519
Veneto8,04%2.074.922
TOTALI100,00%25.807.485
Riparto tra le Regioni delle risorse loro destinate a valere sul Fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare per l’annualità 2023-2024

Scopri qual è la differenza tra caregiver e badante di una persona disabile o non autosufficiente, quali sono i differenti diritti, doveri e mansioni.

bonus per caregiver
Bonus per caregiver: Nella foto: una donna anziana e la sua caregiver.

Bonus per caregiver 2024: come funzionano assegno e contributo di cura

Tra gli interventi finanziabili attraverso il fondo per il supporto nell’assistenza e nella cura, si includono l’assegno e il contributo di cura destinati al caregiver familiare di individui con disabilità grave.

L’assegno di cura si adatta al livello dell’ISEE socio-sanitario e agli altri servizi di assistenza attivi.

La sua cifra varia da 500 a 800 euro al mese, coprendo le spese per l’impiego di personale qualificato.

Questo assegno viene trasferito tramite bonifico bancario direttamente alla persona assistita o all’Organismo accreditato nel territorio di residenza, per l’assistenza domiciliare.

Anche il contributo di cura è calcolato sull’ISEE socio-sanitario, oscillando tra i 400 e i 700 euro mensili.

È destinato alle persone con disabilità grave assistite dai loro caregiver familiari e viene erogato tramite bonifico bancario a favore della persona assistita.

La richiesta di entrambi gli aiuti può essere presentata in qualsiasi periodo dell’anno dai cittadini e cittadine presso i Servizi Sociali o il Punto Unico di Accesso del proprio territorio, attraverso un modulo disponibile presso il Municipio o scaricabile online.

Scopri cosa sono assegno di cura e accompagnamento, e se puoi averli entrambi o devi rinunciare a uno dei due.

FAQ sui caregiver familiari

Cosa significa caregiver?

Il termine “caregiver” indica una persona che si prende cura di un’altra persona bisognosa di assistenza. Il caregiver è colui che fornisce sostegno e aiuto a un individuo che può essere affetto da una malattia, un’invalidità o in generale ha bisogno di assistenza nelle attività quotidiane.

Di cosa si occupa un caregiver?

Un caregiver si occupa di molte attività per garantire il benessere e l’assistenza della persona che sta accudendo. Le sue responsabilità possono comprendere la cura personale, come l’aiuto nella vestizione e nell’igiene personale, la somministrazione di farmaci, l’assistenza nella mobilità e negli spostamenti, nonché la gestione delle attività domestiche come la preparazione dei pasti e la pulizia della casa. Un caregiver può anche offrire supporto emotivo e sociale, fornendo compagnia e conforto all’individuo che sta assistendo.

Cosa prevede la Legge 104 per i caregiver?

La Legge 104, nota anche come Legge quadro sull’handicap, offre importanti diritti e tutele ai caregiver che si occupano di persone con disabilità o gravi patologie. Questa legge riconosce l’importante ruolo svolto dai caregiver e stabilisce una serie di misure di sostegno a loro favore. Ecco quali sono le principali disposizioni previste dalla Legge 104 per i caregiver:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp