Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione

Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione

Come funziona il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo vedremo come richiedere il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione

Partiamo da un’osservazione fondamentale: non si esiste un vero e proprio “Bonus condizionatori senza ristrutturazione“. Tuttavia, esiste l’Ecobonus, cioè l’incentivo gestito dall’Agenzia delle Entrate e legato alle riqualificazioni energetiche, che include nell’ambito delle spese ammesse anche l’installazione di condizionatori.

Il Bonus condizionatori si configura, pertanto, come un segmento di una agevolazione più estesa. Per i condizionatori, l’Ecobonus prevede una detrazione fiscale del 65% e permette la sostituzione degli impianti senza effettuare lavori di ristrutturazione.

Quali sono gli altri lavori ammessi dal Bonus condizionatori 2024?

Come abbiamo detto, il Bonus condizionatori 2024 ammette altri lavori oltre alla sostituzione degli impianti di climatizzazione. Nello specifico ecco tutti i lavori agevolabili:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come funziona il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione

Il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione concede una detrazione del 65% per l’acquisto di nuovi condizionatori.

Il requisito fondamentale per accedere alla detrazione consiste nella sostituzione del precedente impianto con un condizionatore di elevata efficienza energetica, quale potrebbe essere un sistema di raffreddamento basato su pompa di calore. Inoltre, l’impianto deve essere impiegato sia per la climatizzazione estiva che invernale dell’abitazione. Questi requisiti sono indispensabili per accedere all’incentivo.

Bonus-condizionatori-2024-senza-ristrutturazione-agenzia
La pagina dedicata all’Ecobonus sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Si può ottenere il Bonus condizionatori 2024 con sconto in fattura?

Il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione prevede una detrazione fiscale del 65%. Questo incentivo si configura esclusivamente come una detrazione fiscale Irpef, che viene ripartita su un arco temporale di dieci anni. A differenza di altri bonus simili, non include l’opzione della cessione del credito, che consentirebbe di convertire direttamente il vantaggio fiscale in uno sconto in fattura.

In concreto, coloro che beneficiano di questo vantaggio sono tenuti a sostenere inizialmente le spese per i lavori e, poi, a inserirle nella dichiarazione dei redditi, al fine di ottenere una riduzione fiscale corrispondente ad una porzione degli esborsi effettuati.

Per essere più specifici, la somma agevolata viene divisa in dieci rate annuali di pari valore, distribuite su dieci anni. Annualmente, sarà possibile godere di una riduzione dell’imposta Irpef dovuta, per i prossimi dieci anni.

Come ottenere la detrazione del Bonus condizionatori senza ristrutturazione

Per beneficiare del Bonus condizionatori senza ristrutturazione è essenziale che i lavori siano pagati con bonifico bancario o postale (tale requisito non si applica agli interventi effettuati nell’ambito delle attività d’impresa). È necessario specificare nel bonifico la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che usufruisce della detrazione, il numero di partita IVA o codice fiscale del ricevente (ossia, l’azienda o il professionista che ha realizzato i lavori), oltre al numero e alla data della fattura a cui il bonifico si riferisce.

I pagamenti tramite bonifico non sono obbligatori per le voci di spesa legate agli oneri di urbanizzazione, all’imposta di bollo, ai diritti sulle concessioni, autorizzazioni e denunce di inizio attività, nonché alla tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (TOSAP). Inoltre, per ottenere la detrazione del Bonus condizionatori senza ristrutturazione è necessario conservare questi documenti:

Inoltre, va compilata la scheda descrittiva relativa agli interventi realizzati, riportandovi:

FAQ: Domande frequenti sul Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione

Posso usufruire del Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalla normativa dell’agevolazione.

Come posso ottenere il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione?

Per ottenere il Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi.

Qual è il periodo di validità del Bonus condizionatori 2024 senza ristrutturazione?

L’Ecobonus è per adesso una misura strutturale, rinnovata annualmente, nel panorama delle agevolazioni edilizie.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp