Bonus disabili, le domande entro il 31 marzo

Bonus disabili, le domande entro il 31 marzo: scade a fine mese il termine per richiedere il sostegno economico concesso dallo Stato. È riservato ai genitori disoccupati e alle famiglie monoreddito con un determinato Isee. Qual è l'importo, come presentare la domanda e quali sono i requisiti. È possibile ricevere anche tutti gli arretrati del 2021.

4' di lettura

Bonus disabili, le domande entro il 31 marzo. Sono state rese note dall’Inps le procedure per incassare l’assegno destinato a genitori di figli con disabilità. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Il sostegno economico è riservato ai genitori disoccupati e alle famiglie monoreddito. Ma a condizione che il figlio sia convivente con il genitore che riceve il beneficio. Sono ammessi al contributo anche i cittadini extracomunitari che hanno un permesso di soggiorno (non ha rilevanza il tempo di permanenza in Italia).

I dettagli per ricevere questa prestazione sono contenuti nella circolare numero 39 del 2022 dell’Inps. La misura è prevista per il triennio 2021-2023 e prevede l’erogazione mensile di 150 euro.

Bonus disabili: a chi spetta

Vediamo a chi spetta questo beneficio economico:

  • al genitore disoccupato (madre o padre), quindi privo di reddito o con un reddito da lavoro dipendente non superiore a 8.145 euro o di 4.800 se autonomo;
  • al genitore monoreddito (che ricava tutto il reddito solo dall’attività lavorativa) e che sia monoparentale (non è quindi presente l’altro genitore).

Il bonus viene concesso anche se i figli con disabilità sono maggiorenni.

Nel calcolo del reddito complessivo non rientrano i trattamenti di tipo assistenziale (come l’invalidità civile) o i redditi che derivano dalla prima casa.

Questo beneficio è cumulabile con il reddito di cittadinanza.

L’Isee previsto non deve essere superiore a 3mila euro e il genitore deve essere residente in Italia.

Assegno unico e rdc per genitori divorziati: come funziona

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Bonus disabili: 60% di disabilità

L’altro requisito riguarda il figlio o i figli disabili: devono avere una disabilità riconosciuta non inferiore al 60%. Il figlio si considera a carico del genitore se non ha un reddito superiore a 4.000 euro. Per i figli con più di 24 anni il limite scende a 2.840,41 euro.

Bonus disabili: come presentare la domanda

Per ricevere il beneficio bisogna presentare una domanda annualmente tra il primo gennaio e il 31 marzo.

Rinnovo del reddito di cittadinanza dopo 36 mesi, è possibile?

Alla domanda deve essere allegata l’autocertificazione dei requisiti.

La domanda si può inoltrare via web sul portale dell’Inps, accedendo con Spid, Cie o Cns.

Questo è il percorso:

  • prestazioni e servizi;
  • servizi;
  • contributo genitori con figli con disabilità.
  • È possibile comunque rivolgersi anche al Patronato.

Nella domanda è necessario indicare:

  • il codice fiscale del figlio o dei figli con disabilità e per i quali si chiede il contributo;
  • l’Iban dove inviare l’accredito.

Tutte le tabelle per l’invalidità civile suddivise per patologie con relative percentuali

Bonus disabili: più figli con disabilità

Il beneficio aumenta anche in funzione del numero di figli disabili:

  • un figlio: 150 euro mensili;
  • due figli: 300 euro mensili:
  • tre o più figli: 500 euro mensili.

Bonus disabili: arretrato

Come detto la domanda si presenta una volta l’anno e pagamenti vengono erogati ogni mese. Questa procedura è stata attivata in ritardo e quindi il beneficio si applica anche al 2021, nel senso che i genitori potranno presentare la richiesta anche per l’anno precedente. In questo modo matureranno anche gli arretrati che sarebbero spettati a partire dal primo gennaio 2021.

Bonus disabili: bilancio e priorità

C’è comunque un bilancio limitato, è di 5 milioni di euro l’anno. Se le risorse si rivelassero insufficienti per garantire a tutti il contributo, verrà data priorità ai nuclei familiari che hanno un Isee più basso.

A parità di Isee saranno poi privilegiate le famiglie con minori non autosufficienti. Tra i criteri anche quello della gravità della disabilità (che può essere grave o media).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie