Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus finestre 2024: ci sono sconti per disabili?

Bonus finestre 2024: ci sono sconti per disabili?

Quali sono i Bonus finestre 2024 per persone disabili? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Maggio 2024

In questo articolo vedremo quali sono i Bonus finestre 2024 per persone disabili ancora attivi (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quali sono i Bonus finestre 2024 per persone disabili?

Attualmente, non esiste nessun Bonus finestre 2024 esclusivamente rivolto ai disabili che consenta di avere un finanziamento per la sostituzione degli infissi. Questo perché, come vedremo meglio in seguito, il Bonus barriere architettoniche non copre più l’installazione di nuove finestre.

Ad ogni modo, se state valutando la sostituzione dei vostri vecchi infissi con soluzioni più moderne ed efficienti, potreste avvalervi di due significative agevolazioni fiscali: l’Ecobonus e il Bonus casa. Questi incentivi, gestiti dall’Agenzia delle Entrate e disponibili per tutti, coprono fino al 50% delle spese sostenute e non sono limitati a persone affette da disabilità.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Che fine ha fatto il Bonus barriere architettoniche per gli infissi?

Fino al 2023, il Bonus Barriere architettoniche permetteva di beneficiare di uno sconto del 75%, direttamente in fattura, per la sostituzione degli infissi, a patto che questi fossero progettati per essere facilmente utilizzabili anche da persone con disabilità. Tuttavia, a partire dal 1° gennaio 2024, ci sono state significative modifiche nelle tipologie di interventi ammissibili per tale agevolazione.

Dalle nuove disposizioni, la ristrutturazione dei bagni e la sostituzione degli infissi non godranno più dell’agevolazione fiscale del 75%. Questo cambiamento è stato formalizzato dall’articolo 3, comma 1, del decreto legge n. 212/2023 che ha modificato l’articolo 119-ter del Decreto Rilancio n. 34/2020.

Il decreto specifica che nel 2024 il Bonus barriere architettoniche sarà applicabile esclusivamente “per la realizzazione in edifici già esistenti di interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche aventi ad oggetto esclusivamente scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici“.

Come funziona il Bonus finestre 2024

L’Ecobonus è specificamente progettato per promuovere l’aumento dell’efficienza energetica degli edifici, ed è quindi l’opzione ideale per chi desidera installare finestre di ultima generazione.

Il Bonus casa, invece, mira a supportare ampi progetti di ristrutturazione. Entrambi offrono la possibilità di tagliare il costo delle nuove finestre fino al 50% e permettono di godere del risparmio tramite detrazioni Irpef distribuite su un periodo di 10 anni.

Come sostituire gli infissi con l’Ecobonus 50%

Se avete in mente di rinnovare il vostro immobile sostituendo i vecchi infissi con opzioni più moderne e non prevedete altri lavori di ristrutturazione, l’Ecobonus rappresenta la soluzione adatta a voi. Questo incentivo fiscale è specificamente formulato per supportare interventi volti a migliorare l’efficienza energetica degli edifici, inclusa la sostituzione delle finestre.

Installando finestre di ultima generazione, e aggiungendo elementi come tapparelle o tende esterne per incrementare l’isolamento termico, potrete beneficiare di una detrazione fiscale che copre fino al 50% delle spese effettuate.

Uno dei punti di forza dell’Ecobonus è la sua applicabilità universale, senza limitazioni legate alle categorie catastali degli immobili. Questo significa che il bonus può essere utilizzato tanto per edifici residenziali quanto per quelli ad uso commerciale o professionale.

Quali sono i limiti di spesa?

Per chi pianifica la sostituzione delle finestre come parte di un più ampio progetto di miglioramento energetico dell’immobile, l’Ecobonus prevede un tetto massimo di spesa di 60.000 euro.

Questo limite è applicato all’intero budget, includendo sia le spese per l’installazione delle nuove finestre sia quelle per le schermature solari, ognuna delle quali ha limiti specifici per metro quadro, che variano a seconda della zona climatica in cui si trova l’edificio.

Come sostituire gli infissi con il Bonus casa 50%

Se state considerando lavori di ristrutturazione più ampi, che includono la sostituzione delle finestre, il Bonus casa offre un’opportunità imperdibile. Questo incentivo permette di ricevere un rimborso pari al 50% delle spese sostenute per lavori e materiali.

Specificamente rivolto a interventi su edifici residenziali preesistenti, il Bonus casa consente una detrazione fiscale del 50% sulle spese, calcolata sull’imposta lorda Irpef. Il tetto massimo di spesa ammissibile per usufruire della detrazione, che include la sostituzione delle finestre, è di 96.000 euro.

È importante, però, prestare attenzione alle restrizioni riguardanti le categorie catastali che possono accedere al Bonus casa. Questo incentivo è applicabile solamente a lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria su immobili ad uso abitativo.

Bonus finestre 2024 per persone disabili
In foto, la pagina del Bonus casa sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come richiedere il Bonus finestre 2024

Quando si pianificano interventi per la sostituzione di finestre, è fondamentale essere a conoscenza che sia l’Ecobonus che il Bonus casa non consentono più nel 2024 la cessione del credito e lo sconto in fattura.

Ciò significa che il recupero dei costi avviene attraverso un rimborso fiscale, che prende la forma di una detrazione Irpef distribuita su un periodo di 10 anni. Questa modalità di rimborso permette di recuperare fino al 50% delle spese sostenute, applicando lo sconto sulle tasse dovute.

In aggiunta, per gli interventi che rientrano nel Bonus infissi con una spesa superiore a 10.000 euro, è necessario ottenere l’asseverazione per la congruità dei prezzi.

In parole povere, per ottenere il Bonus finestre, dovete anticipare i costi dei lavori e poi inserire la spesa nella dichiarazione dei redditi. L’importo del bonus sarà diviso in 10 quote annuali e ogni anno otterrete uno sconto sull’Irpef da pagare, pari al valore di una di queste quote.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus finestre 2024

Posso usufruire del Bonus finestre 2024 per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus finestre è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus finestre 2024?

Per ottenere il Bonus finestre con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi. Se invece si utilizza il Bonus finestre 75% è possibile richiedere alla ditta che installa gli infissi di applicare lo sconto in fattura.

Qual è il periodo di validità del Bonus finestre 2024?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus finestre. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50% o dell’Ecobonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp